Nigeria
0
Islanda
0
1. tempo
(0-0)
Nigeria
MONDIALI
0 - 0
1. tempo
0-0
Islanda
0-0
Ultimo aggiornamento: 22.06.2018 17:23
Keystone
Risultati
22.06.2018
Mondiali
Brasile
 2 - 0 
fine
0-0
Costa Rica
Nigeria
 0 - 0 
1. tempo
0-0
Islanda
Serbia
  
20:00
Svizzera
 
Classifiche
Super League
1
Thun
0
0
2
Young Boys
0
0
3
Zurigo
0
0
4
Grasshopper
0
0
5
S.Gallo
0
0
6
Basilea
0
0
7
Lugano
0
0
8
Lucerna
0
0
9
Sion
0
0
10
Xamax
0
0
Ultimo aggiornamento:20.06.2018 09:46
Challenge League
1
Aarau
0
0
2
Chiasso
0
0
3
Losanna
0
0
4
Sciaffusa
0
0
5
Servette
0
0
6
Wil
0
0
7
Winterthur
0
0
8
Rapperswil
0
0
9
SC Kriens
0
0
10
Vaduz
0
0
Ultimo aggiornamento:19.06.2018 20:09
Serie A
1
Juventus
38
95
2
Napoli
38
91
3
Roma
38
77
4
Inter
38
72
5
Lazio
38
72
6
Milan
38
64
7
Atalanta
38
60
8
Fiorentina
38
57
9
Torino
38
54
10
Sampdoria
38
54
11
Sassuolo
38
43
12
Genoa
38
41
13
Chievo
38
40
14
Udinese
38
40
15
Bologna
38
39
16
Cagliari
38
39
17
SPAL
38
38
18
Crotone
38
35
19
Verona
38
25
20
Benevento
38
21
Ultimo aggiornamento:21.05.2018 23:45
ULTIME NOTIZIE Sport
SUPER LEAGUE
03.03.2018 - 08:010
Aggiornamento 04.03.2018 - 10:04

Sion, rincorsa salvezza: «Rischiamo tanto, dobbiamo toglierci dalla zona di paura»

Marco Degennaro, dg dei vallesani: «Dobbiamo giocarci 13 finali, i match con Lucerna e Thun sono un crocevia importante. Carlitos e Lenjani? Bravi a farsi trovare pronti»

SION - Ultimo della classe a -4 dal Thun dopo 23 turni di Super League, il Sion - partito con grandi ambizioni e la mente "impostata" su ben altri traguardi rispetto alla salvezza -, si trova costretto a lottare per la permanenza in Super League tra scossoni e difficoltà. Allontanato Gabri lo scorso 6 febbraio (il tecnico spagnolo ha raccolto la miseria di 4 punti in 8 match nel post-Tramezzani), i vallesani hanno dato qualche segnale di crescita con Jacobacci alla guida, ma nell'ultimo turno - pur giocando una buona gara - sono caduti in casa della capolista YB, attesa domani a Cornaredo. «L'ultimo risultato in effetti è stato un po' ingeneroso, ma si deve continuare a lavorare, senza pensare che il problema sia risolto con le ultime prestazioni - spiega schietto e sincero il dg del Sion Marco Degennaro - Bisogna dare il massimo per uscire da questa difficile situazione, non avverrà giocando bene solo di tanto in tanto. Non è sufficiente farlo per due-tre partite, serve uno sforzo e dobbiamo giocarci 13 finali».

13 partite ancora a disposizione: il tempo c'è ma non si può più perdere tempo. «Rischiamo tantissimo, in tutte le gare da qui alla fine servirà tanta determinazione. Siamo in una fase in cui bisogna essere concentrati e consapevoli della situazione. Così facendo avremo qualche possibilità di mantenere il posto in Super League».

Tutti, anche i giocatori, ora si sono resi conto della situazione. «Sì, l'idea è questa. Ora bisogna trasformarla in prestazioni settimanali di qualità».

Con Gabri al timone molti elementi erano stati messi fuori rosa saltando anche il ritiro a Catania. Dall'avvento di Jacobacci ci sono stati nuovi cambiamenti e, in particolare Carlitos e Lenjani, sono tornati a giocare con regolarità. Da indesiderati a titolari: una condizione non semplicissima. «Vero. Hanno perso tempo, allenamento e la preparazione col gruppo. Purtroppo i cambi al timone possono portare anche questo genere di inconvenienti. Si cambiano le abitudini quotidiane, la preparazione e tanto altro: molti aspetti cambiano, in questo caso anche determinate scelte tecniche. Ci è andata bene che in questo periodo i ragazzi si sono allenati da veri professionisti quali sono e, nel momento del bisogno, si sono fatti trovare pronti potendo già giocare una partita intera da titolari. Per fortuna non si sono persi e non sono stati abbandonati a sé stessi. Anche col gruppo degli "esclusi" abbiamo mantenuto allenamenti di alto livello che gli hanno permesso di rientrare. Giusto da parte loro farsi trovare pronti, anche perché una chiamata - dal proprio club o in sede di mercato - può sempre arrivare».

Guardando agli imminenti impegni, il Sion ha davanti a sé due match da bollino rosso al Tourbillon: domani arriva il Lucerna, domenica prossima il Thun per un scontro diretto da brividi. «Sì, è un crocevia importante. Proveremo a far valere il fattore campo: sono due match in cui dobbiamo capitalizzare. Il Lucerna con una buona serie di risultati si è tolto dalla zona calda e di paura, mentre il Thun è una diretta avversaria. La mia idea è che oggi ti salvi con un filotto di risultati positivi. Servirebbe anche a noi per riprendere confidenza, autostima e togliersi dalla zona di paura. Adesso però le parole contano poco, dobbiamo essere bravi sul campo e dimostrare di poterci salvare», conclude Marco Degennaro.

Commenti
 
skorpio 3 mesi fa su tio
Visto il comportamento di CC e figlio e la ridicola decisione di ridurne la squalifica, spero che vadano in B !!!!
Indira69 3 mesi fa su tio
Vallesani con un piede in Challenge League,non essendo abituati a lottare per salvarsi sono i primi indiziati a scendere,personalmente non me ne dispiaccio,un po' di umiltà,dirigenza in primis, farà loro solo bene.
Loki 3 mesi fa su tio
Intanto l’artefice di tutto questo continua a riceve beatamente il suo piccolo salarietto ...
Potrebbe interessarti anche
Tags
sion
match
thun
zona
paura
salvezza
ultimo
marco degennaro
tempo
situazione
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES

Ultimo aggiornamento: 2018-06-22 17:23:31 | 91.208.130.86