Keystone
Risultati
18.05.2018
Challenge League
Rapperswil
 0 - 1 
fine
0-0
Xamax
Vaduz
 5 - 2 
fine
3-0
Chiasso
Wil
 0 - 2 
fine
0-1
Servette
Winterthur
 2 - 0 
fine
0-0
Aarau
Wohlen
 2 - 5 
fine
1-1
Sciaffusa
 
19.05.2018
Super League
Basilea
 2 - 2 
fine
1-1
Lucerna
Grasshopper
 1 - 2 
fine
0-0
Young Boys
Lugano
 1 - 1 
fine
0-0
Zurigo
S.Gallo
 0 - 3 
fine
0-3
Losanna
Thun
 1 - 4 
fine
1-2
Sion
 
20.05.2018
Serie A
Genoa
 1 - 2 
fine
0-1
Torino
Cagliari
 1 - 0 
fine
0-0
Atalanta
Chievo
 1 - 0 
fine
0-0
Benevento
Udinese
 1 - 0 
fine
1-0
Bologna
Napoli
 2 - 1 
fine
2-0
Crotone
Milan
 5 - 1 
fine
2-1
Fiorentina
SPAL
 3 - 1 
fine
1-0
Sampdoria
Lazio
 2 - 3 
fine
2-1
Inter
Sassuolo
 0 - 1 
fine
0-1
Roma
 
21.05.2018
Challenge League
Aarau
  
16:00
Vaduz
Chiasso
  
16:00
Wohlen
Xamax
  
16:00
Wil
Sciaffusa
  
16:00
Winterthur
Servette
  
16:00
Rapperswil
 
14.06.2018
Mondiali
RUSSIA
  
17:00
SAUDI ARABIA
 
Classifiche
Super League
1
Young Boys
36
84
2
Basilea
36
69
3
Lucerna
36
54
4
Zurigo
36
49
5
S.Gallo
36
45
6
Sion
36
42
7
Thun
36
42
8
Lugano
36
42
9
Grasshopper
36
39
10
Losanna
36
35
Ultimo aggiornamento:20.05.2018 23:21
Challenge League
1
Xamax
35
82
2
Servette
35
62
3
Sciaffusa
35
61
4
Vaduz
35
59
5
Rapperswil
35
53
6
Aarau
35
41
7
Wil
35
39
8
Chiasso
35
33
9
Winterthur
35
32
10
Wohlen
35
18
Ultimo aggiornamento:21.05.2018 10:32
Serie A
1
Juventus
38
95
2
Napoli
38
91
3
Roma
38
77
4
Inter
38
72
5
Lazio
38
72
6
Milan
38
64
7
Atalanta
38
60
8
Fiorentina
38
57
9
Torino
38
54
10
Sampdoria
38
54
11
Sassuolo
38
43
12
Genoa
38
41
13
Chievo
38
40
14
Udinese
38
40
15
Bologna
38
39
16
Cagliari
38
39
17
SPAL
38
38
18
Crotone
38
35
19
Verona
38
25
20
Benevento
38
21
Ultimo aggiornamento:21.05.2018 10:32
ULTIME NOTIZIE Sport
SUPER LEAGUE
02.02.2018 - 11:040
Aggiornamento 22:35

«Felice di cominciare contro il Basilea»

Pier Tami ha lanciato il match di domenica, con il quale si aprirà la seconda parte di campionato: «Non siamo al 100% ma nessuna squadra lo è in questo momento. Janko? Non so»

LUGANO - Il Basilea a Basilea. Come dodici mesi fa, alla prima di Tramezzani in panchina, il Lugano inizierà la seconda parte di campionato dal St. Jakob-Park. La differenza con il febbraio 2017 è che questi bianconeri, griffati Pier Tami, hanno pochi dubbi e un gioco già consolidato. Sono esperti e sanno quel che vogliono. Ovviamente tutti, partendo dal gruppo e arrivando ai tifosi, sperano che differente possa essere anche il risultato; sperano che non ci sia un nuovo 0-4 e che magari il cammino verso la salvezza possa cominciare arraffando qualche punto. Ma è possibile? Quella nella tana della corazzata che ha dominato il recente passato del pallone svizzero - e che quest'anno pare aver ceduto solo momentaneamente lo scettro allo YB - è la partita più complicata...

«Ma io sono felice di cominciare da un match del genere - ha ammesso proprio Tami nella classica conferenza stampa del venerdì - In casa loro? Io ho brutti ricordi della partita che abbiamo fatto a Cornaredo contro i renani, mentre ne ho di bellissimi di quella disputato da loro, quando abbiamo giocato alla pari a tutti i livelli o addirittura siamo stati superiori. Vorrei vedere ancora quel tipo di prestazione. Questo nonostante non siamo al 100%. Ma questo è un problema di tutte le squadre: arriviamo da una pausa lunga e da una preparazione corta. E di partite, al di là delle amichevoli, non ne abbiamo fatte. Proprio le amichevoli, poi, sono state l'unico neo del lavoro svolto: non sono state all'altezza, le ultime due almeno, di dirci a che punto siamo arrivati. Ci serviva un test importante ma i campionati in Europa erano già cominciati...»

I rossoblù sono stati tra i club protagonisti del mercato. Il Lugano invece ha pensato a sfoltire la rosa, nonostante l'affare Janko...
«Dal Basilea sono partiti un paio di elementi importanti ma altrettanti, forse addirittura più importanti e con più esperienza, sono arrivati. Mi riferisco ovviamente a Fabian Frei e Valentin Stocker. Per quanto riguarda Janko... non ho novità. I dirigenti del Lugano sono andati a Praga ma non ho notizie. Il suo possibile ingaggio è la prova del buon lavoro fatto dalla società. Oggi si stanno trattando giocatori importanti che in passato non ci consideravano. In Ticino siamo un po' fuori dal panorama del pallone svizzero e quanto successo agli Swiss Awards è la prova: è ridicolo che in nomination ci fosse un solo bianconero».

Per la sfida di domenica Pier Tami non potrà contare sulla rosa al completo.
«Non ci sarà Ledesma (che sarebbe comunque stato inutilizzabile in quanto squalificato, ndr), che si è fatto male contro il Pescara. Sembrava solo una botta e invece è qualcosa di più. Lui ci si è allenato sopra... per qualche settimana sarà fuori. È incerta poi anche la presenza di Mihajlovic, a cui a inizio settimana, in uno scontro di gioco, si è girato il ginocchio. Ha lavorato a parte e non penso sarà pronto per il match di Basilea».

Commenti
 
mgmb 3 mesi fa su tio
Felice di prendere subito 4 polpettoni. Cambia mestee.
Potrebbe interessarti anche
Tags
basilea
tami
felice
pier
match
pier tami
janko
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-05-21 11:02:05 | 91.208.130.87