Keystone
Risultati
18.05.2018
Challenge League
Rapperswil
 0 - 1 
fine
0-0
Xamax
Vaduz
 5 - 2 
fine
3-0
Chiasso
Wil
 0 - 2 
fine
0-1
Servette
Winterthur
 2 - 0 
fine
0-0
Aarau
Wohlen
 2 - 5 
fine
1-1
Sciaffusa
 
19.05.2018
Super League
Basilea
 2 - 2 
fine
1-1
Lucerna
Grasshopper
 1 - 2 
fine
0-0
Young Boys
Lugano
 1 - 1 
fine
0-0
Zurigo
S.Gallo
 0 - 3 
fine
0-3
Losanna
Thun
 1 - 4 
fine
1-2
Sion
Serie A
Juventus
 2 - 1 
fine
0-0
Verona
 
20.05.2018
Serie A
Genoa
  
15:00
Torino
Cagliari
  
18:00
Atalanta
Chievo
  
18:00
Benevento
Udinese
  
18:00
Bologna
Napoli
  
18:00
Crotone
Milan
  
18:00
Fiorentina
SPAL
  
18:00
Sampdoria
Lazio
  
20:45
Inter
Sassuolo
  
20:45
Roma
 
21.05.2018
Challenge League
Aarau
  
16:00
Vaduz
Chiasso
  
16:00
Wohlen
Xamax
  
16:00
Wil
Sciaffusa
  
16:00
Winterthur
Servette
  
16:00
Rapperswil
 
14.06.2018
Mondiali
RUSSIA
  
17:00
SAUDI ARABIA
 
Classifiche
Super League
1
Young Boys
36
84
2
Basilea
36
69
3
Lucerna
36
54
4
Zurigo
36
49
5
S.Gallo
36
45
6
Sion
36
42
7
Lugano
36
42
8
Grasshopper
36
39
9
Thun
35
39
10
Losanna
35
35
Ultimo aggiornamento:20.05.2018 13:11
Challenge League
1
Xamax
35
82
2
Servette
35
62
3
Sciaffusa
35
61
4
Vaduz
35
59
5
Rapperswil
35
53
6
Aarau
35
41
7
Wil
35
39
8
Chiasso
35
33
9
Winterthur
35
32
10
Wohlen
35
18
Ultimo aggiornamento:20.05.2018 13:11
Serie A
1
Juventus
38
95
2
Napoli
37
88
3
Roma
37
74
4
Lazio
37
72
5
Inter
37
69
6
Milan
37
61
7
Atalanta
37
60
8
Fiorentina
37
57
9
Sampdoria
37
54
10
Torino
37
51
11
Sassuolo
37
43
12
Genoa
37
41
13
Bologna
37
39
14
Chievo
37
37
15
Udinese
37
37
16
Cagliari
37
36
17
SPAL
37
35
18
Crotone
37
35
19
Verona
38
25
20
Benevento
37
21
Ultimo aggiornamento:20.05.2018 13:14
ULTIME NOTIZIE Sport
SUPER LEAGUE
02.02.2018 - 07:000
Aggiornamento 12:12

Alla ricerca del poker in trasferta

Dopo quasi 50 giorni di pausa, riparte la Super League. Il Lugano di Pierluigi Tami ricomincia dal St. Jakob Park di Basilea, contro la favorita numero uno per il titolo

LUGANO - Pronti. Partenza. Via. Le dieci squadre della nostra Super League sono pronte ai blocchi. Dopo quasi 50 giorni di pausa invernale, il campionato è pronto a ripartire in questo primo weekend di febbraio. Il Lugano, che grazie all’ultimo successo della Stockhorn Arena si era regalato delle serene vacanze natalizie, vuole ottenere la sua quarta vittoria consecutiva in trasferta dopo quelle conquistate (sempre senza subire reti) contro San Gallo, Grasshopper e appunto Thun.

Un succulento poker che gli uomini di Pierluigi Tami dovrebbero però confezionare al St. Jakob, (fischio d’inizio domenica alle ore 16), nella tana di un Basilea che, dopo un avvio di campionato difficoltoso, sembra essere risorto dalle proprie ceneri come l’Araba Fenice. Una trasferta parecchio ostica anche perché la squadra di Wicky, nonostante la pesantissima (ma molto remunerativa) cessione di Manuel Akanji al Borussia Dortmund, si è mossa molto bene sul mercato invernale. I ritorni dei “figli prodighi” Valentin Stocker e Fabian Frei, uniti agli acquisti di Léo Lacroix e Samuele Campo, portano ulteriore qualità in una rosa che già non aveva eguali in Svizzera.

Il Lugano per uscire (ancora) indenne dal catino renano - ad agosto finì 1-1 con Carlinhos che rispose in zona Cesarini a van Wolfswinkel - dovrà quindi disputare la classica partita perfetta. Dovrà essere aggressivo. Attento in difesa e pungente in attacco. E proprio nel reparto offensivo, in attesa di Marc Janko, è tornato a brillare (e segnare) lo svedese Alexander Gerndt, autore di una sontuosa tripletta nell’ultima amichevole precampionato contro il Wil. D’altronde quello della sterilità offensiva è un problema noto a Cornaredo, visto che la squadra di Tami detiene il non invidiabile record di peggior attacco della Super League (solo 20 reti in 19 match).

Ad ogni modo, nonostante un mercato finora impostato solo sullo sfoltimento dell’ampia rosa, il Lugano dispone di tutte le carte in regola per raggiungere una tranquilla salvezza e, visto la classifica molto corta, per sognare (di nuovo) l’Europa. Anche la stagione scorsa i bianconeri esordirono  al St. Jakob nel girone di ritorno. La prima volta di Tramezzani sulla panchina bianconera fu un mezzo disastro (sconfitta per 4-0), ma poi le cose migliorarono e all’ultima giornata a Cornaredo fu l’apoteosi. Che questo precedente sia di buon auspicio? L’ultima parola, come sempre, spetterà al campo.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Tags
lugano
trasferta
st jakob
league
jakob
super league
poker
super
st
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-05-20 13:41:59 | 91.208.130.87