Keystone
ULTIME NOTIZIE Sport
NATIONAL LEAGUE
1 ora
Il Davos presta Meyer allo Zugo
L'attaccante 22enne rinforzerà i Tori fino a Natale. Nel frattempo, in casa Zugo, da segnalare anche l'infortunio di Leonardo Genoni
HCL
2 ore
Crisi-Lugano? No, però è tempo di riconoscere ed evitare gli errori
"Mollati" dagli attaccanti che hanno tirato la carretta per settimane, i bianconeri faticano a segnare. Tocca a Kapanen trovare una soluzione, anche magari rivedendo la sua filosofia
NAZIONALE
4 ore
Svizzera, il compitino a Gibilterra e poi la festa
Alla Nazionale basterà raccogliere un punto contro una selezione modesta per garantirsi la partecipazione all'Europeo
FORMULA 1
12 ore
«Io andavo dritto», Vettel disastroso e ignaro
Colpevole nell'autoscontro della Ferrari, il tedesco ha fatto finta di nulla: «Pensavo di essere già passato»
QUALIFICAZIONI EURO2020
12 ore
Vincono Francia e Inghilterra
La Turchia ha staccato il pass per l'Europeo
TENNIS
13 ore
Il giustiziere di Federer sale sul trono
Piegando 6-7 (6-8), 6-2, 7-6(4) Dominic Thiem, Stefanos Tsitsipas si è aggiudicato le ATP Finals
RIYAD
13 ore
Thiago Silva accusa Messi: «Si tuffa e gli arbitri gli credono perché sono suoi tifosi»
Il capitano del Brasile ha usato parole dure nei confronti della stella dell'Argentina in seguito alla sconfitta maturata proprio contro i verdeoro
SBL
15 ore
Lugano convincente, regolato il Monthey
I Tigers non hanno lasciato scampo ai vallesani: 68-60 il risultato finale
FORMULA 1
15 ore
Le due Ferrari si neutralizzano a vicenda, alla fine gode Verstappen
Il pilota olandese ha preceduto al traguardo la Toro Rosso di Gasly e la Mercedes di Hamilton
NATIONAL LEAGUE
15 ore
Wick, un anno e poi basta
L'attaccante dei Lions ha confermato che si ritirerà al termine del campionato 2020/21
SWISS LEAGUE
16 ore
Niente da fare per i Rockets
La compagine ticinese è stata sconfitta in casa 5-1 dal Langenthal
STOP AND GO
16 ore
Lugano giù in "picchiata", Ambrì cuore e grinta non sempre bastano
Non è stata una settimana allegra per le due formazioni ticinesi: un solo punto conquistato (dai biancoblù) negli ultimi sette giorni. In National League torna Cervenka e totalizza 6 punti personali!
L'OSPITE
05.07.2017 - 09:580
Aggiornamento : 16:09

«La riconoscenza? Non scherziamo. Renzetti non può bloccare i suoi giocatori»

Chi sta sbagliando tra Lugano e Sion? Per Arno Rossini la situazione è chiara: «Il presidente bianconero ha "ragionissima". Mariani e Mihajlovic? Se davvero vogliono se ne andranno»

LUGANO - «Così non si fa, non è corretto», sta protestando da giorni Angelo Renzetti, presidente del Lugano, puntando il dito verso il Vallese, verso il Sion. Il numero uno bianconero è andato su tutte le furie per il comportamento del suo ex allenatore Paolo Tramezzani e del club biancorosso, che nelle ultime settimane gli hanno più volte messo il bastone tra le ruote in sede di mercato. La storia è ormai nota: al Tourbillon sono arrivati Marco Schneuwly e Federico Dimarco, obiettivi dichiarati dei ticinesi e potrebbe arrivare Eray Cümart, a Cornaredo (in prestito dal Basilea) la scorsa stagione. Il Sion sta anche "tentando" Mariani e Mihajlovic.

Tutto giusto? Tutto normale? Renzetti ha ragione a strillare la sua rabbia?
«Renzetti ha "ragionissima" - ha sottolineato Arno Rossini - Fa benissimo a urlare tutta la sua disapprovazione, fa benissimo a chiedere che si rispettino le regole. Però...».

Però?
«Non accadrà nulla. Non cambierà nulla. E, purtroppo, il presidente del Lugano fa male a sorprendersi per questo malcostume».

Nel senso che le regole ci sono ma nessuno le rispetta?
«Esatto. Non parliamo del caso specifico, che non conosco in maniera approfondita, ma in generale. Nonostante siano di certo previste delle sanzioni per quei club che fanno i furbi, che contattano giocatori di altre società senza prima chiedere il consenso, questo andazzo non cambierà. Anche perché per arrivare a una punizione si devono avere delle prove. E state pur certi che queste non si trovano mai. Nulla viene scritto, non ci sono di certo e-mail o messaggi compromettenti. Gli agenti, gli addetti ai lavori, chi si muove dietro le quinte sta attentissimo a non lasciar tracce».

Ma Mariani e Mihajlovic - perché questi sono i giocatori contesi - alla fine che faranno? In fondo sono sotto contratto con il Lugano.
«Vedremo che succederà, il mercato è davvero... un mercato. Ognuno va dal migliore offerente. Non c'è nulla di cui vergognarsi o per cui indignarsi. Sono bloccati in bianconero? Non ne sarei così sicuro: se davvero vogliono andare... andranno».

Ma il contratto?
«Non esiste che un atleta rimanga controvoglia in un club come il Lugano. Bloccarlo sarebbe controproducente per tutti. Se un ragazzo vuol partire, inseguendo uno stipendio migliore o semplicemente una squadra più competitiva, questo partirà».

Se non soddisfatto da un'eventuale offerta economica, Renzetti potrebbe pensare di tenere uno dei suoi in tribuna per un anno?
«Potrebbe ma non lo farà. I bianconeri non si possono permettere di perdere tanti soldi. Un'azione del genere la può fare - e in passato lo ha fatto, ne sono stato testimone - il Basilea, la può fare lo Young Boys, la può fare il Sion. Tutte società ricche. Gli altri devono invece cedere alla volontà dei loro tesserati».

Le altre operazioni che hanno fatto andare su tutte le furie Renzetti riguardano Cümart, Schneuwly e Dimarco. Ma qui il discorso è diverso.
«Vero. Il primo ha fatto mesi ottimi a Lugano. Si è messo in mostra ma ha anche aiutato la squadra a raggiungere un obiettivo importante. È normale che, nonostante la parola data ai bianconeri, possa essersi lasciato ingolosire dall'offerta del Sion. È un professionista. Ha una carriera non infinita. Giusto che provi a massimizzare i profitti».

Ma la riconoscenza?
«Non scherziamo? Di cosa stiamo parlando? Nel calcio quella parola non si conosce».

Schneuwly e Dimarco?
«Vale lo stesso discorso. Forse, è vero, sono stati seguiti anche dal Lugano. Però non penso ci fosse un accordo scritto. Discorso chiuso».

Il secondo è stato acquistato dall'Inter per 4'000'000.
«Investimento importantissimo, come pochi ne ha mai fatti nella sua storia la società vallesana. Non penso che il Lugano avrebbe potuto spendere tanto per un singolo giocatore. In questo caso, quindi, come si fa a parlare di "concorrenza"?».

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 11:15:22 | 91.208.130.85