CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
TENNIS
1 ora
Wawrinka: niente Roland Garros
Il losannese non si è ancora ristabilito dall'operazione al piede sinistro subita lo scorso mese di marzo
HCAP
2 ore
«Il mio Inti ora è più uomo»
Dopo cinque stagioni l'attaccante ticinese è rientrato a casa. Il padre: «È maturato molto...»
TENNIS
11 ore
Ribaltoni, ritiri, maratone e pioggia, a Ginevra è successo di tutto
Lucky loser Laaksonen torna in gioco
SERIE A
11 ore
Pari inutile ma frizzante
Al Bentegodi è terminata 2-2
CALCIO
11 ore
CR7 sgombera il garage. È addio?
Il portoghese ha caricato le sue auto su un camion. Un indizio che il suo soggiorno italiano sia giunto al capolinea?
BERNA
12 ore
Ciao Federazione
Il 43enne non ha tempo per la SIHF, continuerà solo da Orso
NATIONAL LEAGUE
13 ore
Un attaccante a Zugo
Terzo svedese per i Tori
U21
15 ore
Lungoyi veste la maglia della Svizzera
Scelte le giovani leve sulle quali costruire il futuro rossocrociato.
TENNIS
16 ore
Federer ha altre priorità: «Ora i risultati non contano...»
Il renano è pronto a tornare in campo in quel di Ginevra: «Tra dieci partite potrò realmente dire a che punto sono...».
CICLISMO
16 ore
Decima tappa a Peter Sagan
Al Giro d'Italia lo slovacco ha battuto di un niente il colombiano Gaviria. Bernal resta leader
SERIE A
17 ore
Roberto Mancini: ancora Italia
Il selezionatore azzurro resterà al timone almeno fino al 2026
NATIONAL LEAGUE
19 ore
Il Davos si assicura Mathias Bromé
Nell'ultimo campionato l'attaccante svedese ha giocato nei Detroit Red Wings
SUPER LEAGUE
10.05.2016 - 10:310
Aggiornamento : 14:04

«Questione di nervi e mentalità: mi auguro che il Lugano resti in Super»

La volata salvezza e la crescita di Ezgjan Alioski: la parola all'ex tecnico dello Sciaffusa Maurizio Jacobacci

LUGANO - Prima il pareggio contro il Lucerna, poi la sconfitta per mano del GC: il Lugano, ultimo della classe quando al termine del campionato mancano solo quattro incontri, ha raccolto decisamente troppo poco negli ultimi due impegni a Cornaredo. Delusione, qualche rimpianto, ma per i bianconeri non c’è tempo da perdere: la lotta-salvezza continua e domani sera al Letzigrund va in scena una sfida di capitale importanza, l’avversario sarà lo Zurigo (ottavo, a +1 dal Vaduz e +2 dai ticinesi). Con Maurizio Jacobacci, ex tecnico dello Sciaffusa, abbiamo parlato dello sprint finale e di uno dei giocatori più in forma di questo Lugano, ovvero Ezgjan Alioski (giunto in prestito a gennaio proprio dai gialloneri).

«Sono contento per Alioski, sta dimostrando il suo valore - ha esordito Jacobacci - Non si arrende mai, ha grinta, tanta voglia di lottare e aiutare i compagni: ha capito l’importanza di questa occasione in Super, vuole giocare il più possibile e si è messo a completa disposizione del mister. A mio avviso rimane un terzino e sta giocando fuori posizione, ma anche come esterno alto può fare bene e coprire egregiamente tutta la fascia: penso che Zeman lo schieri più avanti per necessità».

Per il Lugano è stato un buon colpo di mercato, probabilmente l’unico vero rinforzo della sessione invernale. «Sono stati bravi a volerlo in prestito. Il suo contratto scade a giugno, poi sarà libero di accordarsi con qualsiasi club. È un giocatore che ha mercato, può servire a molte squadre. Probabilmente i bianconeri proveranno a tenerlo, ma prima c’è la salvezza da conquistare».

E a questo proposito... «Contro il Lucerna i bianconeri meritavano di vincere, avevano la gara in pugno, poi hanno subito un gol “dal nulla”, probabilmente è mancata un po’ d’esperienza. Contro il GC invece hanno avuto una clamorosa occasione (palo di Susnjar e traversa di Rey al 60', ndr), penso che se avessero segnato sarebbe finita diversamente e non avrebbero perso. Ora la gara contro lo Zurigo è fondamentale, determinante, il carattere del gruppo, più dell’esperienza, potrà fare la differenza: questa sfida dimostrerà se la squadra è pronta. Ora non conta più il bel gioco, sono importanti solo i punti. In questi casi se già si inizia a non subire reti, almeno un punto lo si conquista...».

Per i bianconeri, domani al Letzigrund, innanzitutto sarà fondamentale non perdere. «In caso di sconfitta la lotta-salvezza diventerebbe davvero difficile. Invece anche un pareggio potrebbe essere un buon risultato, potrebbe dare lo slancio giusto per la volata finale caratterizzata da altri scontri diretti. I giocatori del Lugano sanno l’importanza del momento e sono certo che giocheranno con la giusta cattiveria: i nervi, il coraggio e la mentalità faranno la differenza, sarà importantissimo l’atteggiamento, anche lo Zurigo è vulnerabile e in fase difensiva concede qualcosa. Vincendo o ottenendo un risultato positivo al Letzigrund il Lugano si renderebbe conto di potercela davvero fare e allo stesso tempo manderebbe un chiaro segnale anche alle prossime avversarie. Se il Lugano si salverà? Io mi auguro che un squadra ticinese resti in Super League, è fondamentale».

Infine, tornando rapidamente al mercato, il Lugano a gennaio ha “perso” Patrick Rossini, altro giocatore che Maurizio Jacobacci ha allenato e conosce molto bene. «Non so i motivi del suo passaggio all’Aarau, non posso dare giudizi, però Patrick è uno di quei giocatori che davanti ha sempre fatto il suo, segnando reti e mettendo in difficoltà i difensori avversari. Un po’ come Sadiku (passato dallo Zurigo al Vaduz, ndr): questi sono attaccanti con il fiuto del gol e quando sentono la necessaria fiducia fanno bene, è sempre meglio averli a propria disposizione», ha concluso Maurizio Jacobacci.

Ricordiamo che il 33esimo turno di Super League "inizia" questa sera: al St.Jokob-Park il Basilea ospita il Thun di Sulmoni (calcio d'inizio alle 19.45). Domani sera invece oltre a Zurigo-Lugano (20.30) si gioca anche Vaduz-Sion e Lucerna-GC. Giovedì c'è in programma YB-San Gallo (19.45).

CALCIO: Risultati e classifiche

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-18 10:17:40 | 91.208.130.89