ARE
30.12.2014 - 14:120
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

Ibra uccide un alce di 500kg: è bufera

L’attaccante svedese durante le vacanze si è dedicato a una battuta di caccia e in Svezia non l’hanno presa benissimo

ARE (Svezia) - Non riesce a non far parlare di se Zlatan Ibrahimovic, sia in campo che fuori. Dopo la polemica a distanza con Borg sul miglior atleta svedese di sempre, ecco Ibra salire agli onori della cronaca per un aver ucciso un alce durante una battuta di caccia.

Secondo quanto raccontato dal quotidiano svedese Expressen, Zlatan non ha abbattuto un alce qualsiasi ma un esemplare da 500 chili e al primo tentativo. L'attaccante del Psg, notoramiante amante della caccia, ha compituto "l'impresa" ad Are, nella contea di Jamtland dove la caccia all'alce è legale, colpendo l'animale dritto al cuore. La cosa ha fatto rapidamente il giro dei media e del web scatenando le proteste ambientaliste: "È sempre un problema quando personaggi famosi fanno cose del genere - ha dichiarato il segretario generale di Animal Rights Sweden Camilla Björkbom - perché è come se supportassero questo tipo di attività. C'è un valore simbolico in questa azione che dà legittimità alla caccia stessa".

Ibra non è nuovo a situazioni del genere: già un anno fa aveva provocato i malumori degli animalisti svedesi a causa di uno spot su un'auto, in cui veniva ripreso mentre si preparava prima di andare a una battuta di caccia.

itm

CALCIO: Risultati e classifiche

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 02:59:16 | 91.208.130.87