Genoa
0
Lazio
1
1. tempo
(0-1)
Genoa
SERIE A
0 - 1
1. tempo
0-1
Lazio
0-1
 
 
2'
0-1 MARUSIC ADAM
 
 
20'
LEIVA LUCAS
MASIELLO ANDREA
28'
 
 
MARUSIC ADAM 0-1 2'
LEIVA LUCAS 20'
28' MASIELLO ANDREA
Venue: Stadio Luigi Ferraris.
Turf: Natural.
Capacity: 36,685.
Ultimo aggiornamento: 23.02.2020 13:30
Tio
ULTIME NOTIZIE Sport
STOP AND GO
18 min
Lugano aggrappato alla speranza, per l'Ambrì più alibi che punti
Le ultime sconfitte hanno allontanato i bianconeri dai playoff. I biancoblù non hanno superato i loro limiti
SERIE A
1 ora
Coronavirus, in Italia sport in ginocchio
Oltre ai tanti stop nelle serie minori, anche quattro partite di Serie A sono state rinviate
FREESTYLE
1 ora
Smith-Bischofberger padroni in Russia
Successi nello skicross per Fanny e Marc, vittoriosi a Sunny Valley
SCI ALPINO
1 ora
Brignone comanda dopo il superG
L'italiana è in vetta dopo la prima prova della combinata. Gisin e Holdener in agguato
NATIONAL LEAGUE
3 ore
Squalifica e multa per Cadonau
Il difensore del Langnau è stato sanzionato per l'intervento portato ai danni di Marchon. Procedura per Rowe
SCI ALPINO
4 ore
Caldo, pioggia e nebbia, niente slalom
Annullata la gara maschile in programma a Naeba
BOXE
4 ore
Demolito Wilder, Tyson Fury campione del mondo
Il britannico ha messo le mani sulla cintura WBC; lo statunitense ha gettato la spugna al settimo round
FORMULA 1
5 ore
Ferrari già indietro? «Sono meno ottimista dello scorso anno»
Mattia Binotto, team principal della Rossa: «Gli altri sono molto veloci. Ci sono 22 gare per sviluppare e crescere»
SERIE A
14 ore
Non basta Rebic: Milan raggiunto dalla Fiorentina
I rossoneri hanno pareggiato 1-1 a Firenze. Per la Viola - in 10 dal 62' - a segno Pulgar su rigore all'85'
NATIONAL LEAGUE
15 ore
Il Friborgo vola, il Rapperswil non muore mai
Colpo da playoff per i Dragoni, andati a vincere 1-0 a Langnau. Sotto 0-2, i sangallesi hanno battuto 3-2 il Losanna
UNIHOCKEY
18.12.2019 - 10:060
Aggiornamento : 17:04

«Una settimana magnifica...»

Ai Mondiali femminili di unihockey, giocati settimana scorsa a Neuchâtel, hanno partecipato anche gli arbitri ticinesi Rampoldi e Crivelli: «È andata oltre le più rosee aspettative»

NEUCHÂTEL - Davide Rampoldi e Christian Crivelli hanno vissuto una settimana ricchissima di emozioni. D'altronde, quando sei un arbitro, non c'è niente di meglio che essere chiamato a un Mondiale. È il coronamento di una carriera, l'essere ripagato dagli enormi sforzi profusi. La coppia ticinese - nei confini nazionali ma non solo - si è guadagnata questa magnifica convocazione a suon di ottime prestazioni. Ed è così che settimana scorsa si è ritrovata a dirigere le partite del Mondiale femminile di Neuchâtel, comprese la caldissima semifinale Finlandia-Svezia e la finalina per il bronzo Cechia-Finlandia. 

«Com'è andata? Oltre le più rosee aspettative, possiamo considerarla una cavalcata incredibile - le parole di Davide Rampoldi - Già la convocazione non era certo attesa, arrivare poi a fischiare una delle partite più calde del torneo - come la semifinale Finlandia-Svezia - ha reso il nostro cammino ancor più ricco. Quella gara è stata un po' come una finale anticipata. Devo essere sincero, ad inizio gara eravamo un po' agitati ma poi con il passare dei minuti è andata sempre meglio. Ad inizio torneo eravamo partiti con un profilo molto basso, pensando di arbitrare qualche partita... Ed invece... In generale abbiamo ricevuto tantissimi attestati di stima. Il capo degli arbitri “Hardy” Thomas Erhard ci ha sostenuti per tutto il torneo tanto che, quando è arrivata la comunicazione che avremmo arbitrato la semifinale, aveva le lacrime agli occhi. Ci ha detto che si sentiva come un bambino felice».

Che esperienza è stata?
«Arbitrare a un evento di tale portata non è certo semplice, sei sempre nel mirino della critica. Ad ogni partita c'è un osservatore che analizza la tua prestazione. In generale, però, abbiamo fatto bene e i feedback sono sempre stati positivi». 

Se non ci fosse stata la Svizzera la finale sarebbe toccata a voi?
«Non lo sapremo mai, ma chissà... Ad ogni modo siamo felicissimi per i risultati ottenuti dalla nazionale rossocrociata. Meglio loro che noi insomma». 

Domanda secca: meglio aver arbitrato il derby Finlandia-Svezia o la finalina per il bronzo?
«Difficile da dire. Finlandia-Svezia è sempre una partita incredibile, ma nella finale per il terzo posto c'è comunque in palio una medaglia. Una medaglia che abbiamo ricevuto anche noi...».

Quanto sarà difficile adesso, dopo un'esperienza del genere, trovare le motivazioni giuste per tornare ad arbitrare in campionato?
«Il nostro obiettivo è quello di tornare sulla terra. C'è un campionato che prosegue e poi ci saranno i playoff. È giusto riconoscere che la settimana magnifica vissuta a Neuchâtel ce la siamo guadagnata grazie alle ottime prestazioni fornite durante l'anno. Alla luce di ciò dobbiamo continuare a dare il 100%».

Un aneddoto?
«Ce n'è uno che ci fa ancora sorridere. Durante il primo tempo della semifinale Finlandia-Svezia i finnici hanno operato un cambio al limite. Li abbiamo avvisati. Ad inizio secondo tempo ho detto erroneamente a Christian nel microfono "tieni d'occhio la panchina dell'Australia" e lui divertito mi ha risposto "stanno entrando tre koala e due canguri...". Una scena che ci ha fatto ridere per un attimo, sebbene siamo comunque riusciti a mantenere la concentrazione alta. Un'altra cosa che ci ha riempito di gioia è che al termine della sfida per il terzo posto, una volta che ci siamo accomodati in tribuna, tante persone ci hanno riconosciuto ringraziandoci del buon lavoro svolto in campo».

Tio
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-23 13:32:07 | 91.208.130.89