Langenthal
3
Olten
5
fine
(0-1 : 0-1 : 3-3)
Langenthal
LNB
3 - 5
fine
0-1
0-1
3-3
Olten
0-1
0-1
3-3
 
 
14'
0-1 SALZGEBER
 
 
37'
0-2 CHIRIAEV
1-2 TSCHANNEN
49'
 
 
2-2 KUNG V.
50'
 
 
3-2 STERCHI
51'
 
 
 
 
52'
3-3 HORANSKY
 
 
59'
3-4 CHIRIAEV
 
 
60'
3-5
SALZGEBER 0-1 14'
CHIRIAEV 0-2 37'
49' 1-2 TSCHANNEN
50' 2-2 KUNG V.
51' 3-2 STERCHI
HORANSKY 3-3 52'
CHIRIAEV 3-4 59'
3-5 60'
Ultimo aggiornamento: 20.11.2019 21:54
ULTIME NOTIZIE Sport
PREMIER LEAGUE
55 min
«Mou senz'anima, è tutto quello che il Tottenham ha sempre evitato»
Spurs: via Pochettino, dentro lo SpecialOne. Stan Collymore: «È fantastico come qualcuno si sia bevuto il "Mourinho vincente" senza alcun riguardo per chi lascia il club...»
SUPER LEAGUE
2 ore
«Stéphane Henchoz è un falso...»
Il portiere del Sion - Kevin Fickentscher - non ha per niente apprezzato le ultime dichiarazioni del suo ex allenatore: «È impossibile per me lavorare con personaggi del genere, mi ha deluso»
FUTSAL
4 ore
Svizzera vice-campione del Mondo
Grande risultato della Nazionale maschile rossocrociata, seconda alla Coppa del Mondo Futsal per sordi che si è svolta a Winterthur
VIDEO
CHAMPIONS LEAGUE
4 ore
La perla di Toni Rajala è valsa i quarti al Bienne...
In occasione del 2-1 finale siglato all'overtime, l'attaccante finlandese dei seelanders ha mandato letteralmente in panico tre giocatori dell'Augsburg
FORMULA 1
5 ore
Ferrari, 40'000'000 per liberarsi di Vettel
L'incidente di Interlagos è stato la goccia che ha fatto traboccare il vaso. A Maranello stanno pensando di lasciar libero il tedesco, che però ha ancora un anno di ricchissimo contratto
NATIONAL LEAGUE
6 ore
Inossidabile Beat Gerber, un altro anno da orso
Il difensore 37enne ha rinnovato il proprio accordo con il Berna. La prossima sarà la 18esima stagione con il club della Capitale
NATIONAL LEAGUE
6 ore
Wick firma fino al 2021, poi sarà ritiro
L'attaccante 33enne ha rinnovato per un'ulteriore stagione il proprio accordo con lo Zurigo
MOTOGP
8 ore
Marc Marquez: «Alex con me in Honda? Lo avrei preferito in un altro box»
Il campione del Mondo della classe regina ha commentato l'arrivo del fratello nel team ufficiale HCR: «Mi è stato chiesto un parere, non potevo dire di no. Cercherò di dargli alcuni consigli, ma...»
L'OSPITE – ARNO ROSSINI
10 ore
«Vlado da incatenare e da portare a Muri»
La Svizzera andrà all'Europeo senza il suo selezionatore, tentato dal Napoli? «Il suo eventuale rinnovo è anche una scelta politica»
NATIONAL LEAGUE
11 ore
Clark squalificato, contro il Lugano non ci sarà
L'attaccante del Rapperswil ha rimeditato un turno di stop per un colpo di bastone ai danni di Noah Rod
UNIHOCKEY
16.10.2019 - 10:000
Aggiornamento : 14:49

Rampoldi e Crivelli ora sono... Mondiali: «Un sogno»

Convocazione di lusso per la coppia ticinese, chiamata a dirigere i campionati del mondo femminili in programma in dicembre a Neuchâtel

MENDRISIO - Un Mondiale rappresenta molto spesso la punta più alta della carriera di uno sportivo. E anche per un arbitro - poter fischiare in un evento di tale portata - è qualcosa di unico. Davide Rampoldi e Christian Crivelli vivranno questa esperienza vibrante tra il 7 e il 15 dicembre, quando a Neuchâtel si disputeranno i campionati del mondo femminili di unihockey. La convocazione è giunta poco più di una settimana fa: il duro lavoro e la precisione con la quale dirigono le partite del massimo campionato hanno fatto sì che questo sogno si avverasse...

«Non ce l'aspettavamo ma la sognavamo - le parole di Davide Rampoldi - La speranza è nata dopo l'esperienza delle partite di qualificazioni e vissuta nel mese di febbraio in Slovacchia... La Federazione svizzera ci ha sempre avvisato che sarebbe stata durissima essere convocati per un evento simile, ma ha sempre supportato la nostra candidatura. Oggi la gioia per esserci riusciti è naturalmente tanta...».

Come siete stati informati?
«Era domenica 6 ottobre, io stavo andando al Caumensee a Flims. In WhatsApp abbiamo un gruppo con tutti gli arbitri e a un certo punto è arrivato un messaggio con scritto "congratulazioni" e con allegato un link. Lo apro e leggo le nominations per il Mondiale, nelle quali figuravano i nostri nomi. Ho chiamato immediatamente Christian che in quel momento si trovava alla festa della vendemmia a Lugano, anche lui ha avuto un attimo di smarrimento».

Come vi preparerete a questo grande appuntamento?
«Adesso ce la godiamo, non succede tutti i giorni di essere convocati per un Mondiale. Sarà molto dispendioso a livello di energie mentali, ma siamo carichi. Si giocherà nel nostro paese e saremo gli unici arbitri svizzeri, insomma la responsabilità sarà tanta. Dall'1 al 4 novembre andremo in Finlandia, nelle vicinanze di Helsinki, ad arbitrare delle partite del massimo campionato femminile locale. Sarà un'esperienza molto utile in vista del Mondiale, anche per prendere confidenza con altre realtà».

Parlando di regolamento, c'è qualcosa che cambia a livello internazionale?
«Le regole sono uguali, ma c'è un metodo un po' diverso sull'atteggiamento. In Svizzera abbiamo maggior dialogo con le giocatrici durante le partite, a livello internazionale invece si vuole essere maggiormente distaccati. È questa un po' la differenza». 

Come fate a conciliare i numerosi impegni arbitrali con le vostre professioni?
«L'impegno è sicuramente molto, inutile negarlo. Questo weekend saremo a Praga per un torneo di preparazione (Euro Florball Tournament), arbitreremo tre partite in tre giorni. E poi il fine settimana successivo saremo di scena sabato in LNA femminile e poi il giorno dopo in Coppa Svizzera. A livello personale (Davide Rampoldi insegna presso la Scuola Commerciale di Chiasso, ndr) il Cantone mi concede dei giorni per andare ad arbitrare, che dovrò poi recuperare. Per quanto riguarda Christian, che lavora presso la Neolab di Novazzano, dovrà attingere sui suoi giorni di vacanza. Ciò che però ci rende il tutto più semplice è il fatto di essere attorniati da persone che ci sostengono in quello che facciamo».

La vostra ascesa è stata incredibile...
«Sono d'accordo. È da soli tre anni che fischiamo in LNA femminile. Per certi versi l'età - 43 anni io e 44 Christian - non aiuta. Fisicamente i nostri colleghi fanno infatti meno fatica, d'altro canto siamo arrivati in Serie A con maggior maturità rispetto ad altri. Questo fattore l'abbiamo sfruttato a nostro favore».

Guarda le 2 immagini
Commenti
 
Nigelle 1 mese fa su tio
Bravo les Tessinois ??
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-20 21:56:10 | 91.208.130.89