CANOTTAGGIO
04.07.2018 - 09:440

Ticinesi con ambizioni di gloria

Campionati svizzeri 2018: al via 559 equipaggi in rappresentanza di 54 club

LUCERNA - È giunta l’ora della verità per la maggior parte degli equipaggi. Il prossimo fine settimana, sul magico bacino lucernese del Rotsee verranno assegnati i titoli di campione nazionale nelle categorie élite, pesi leggeri e U19. Sono previste anche gare di contorno valide per le categorie U17, U15 e master. Sono previsti premi offerti dai 14 membri onorari della Federremiera elvetica per i migliori club di tutte le categorie e uno speciale per i tre migliori club nelle categorie U15 e U17 definito: Vive le relève de l’Aviron Suisse”.

Sono annunciati 559 equipaggi in rappresentanza di 54 club. Le gare debutteranno già nella giornata di venerdì con le prime finali della categoria master. Nel singolo femminile, assente la campionessa nazionale uscente Jeannine Gmelin, concentrata nella preparazione della terza ed ultima regata di Coppa del mondo dove dovrà difendere il primato di categoria, in programma il prossimo fine settimana, sempre sul bacino lucernese. Partono con i favori del pronostico Valérie Rosset di Sempach e la ginevrina Eline Rol. Nei maschi, Roman Röösli è chiamato a difendere il titolo conquistato a sorpresa lo scorso anno. L’atleta della Svizzera centrale dovrà prestare molta attenzione agli altri due nazionali: il losannese Barnabé Délarze e il turgoviese Nico Stahlberg, senza dimenticare l’esponente del Basler Ruderclub, Jacob-Wiebe Veenstra, in evidenza alla recente “Hügel Regatta” di Essen. In gara anche il luganese Filippo Ammirati.

Il Ticino è presente con 43 equipaggi: 5 nel contesto élite e pesi leggeri, 9 negli U19, 11 negli U17, 7 negli U15 e 11 nei master. Per le gare valide per il titolo – e più precisamente negli U19 – il Ticino può contare su Olivia Negrinotti e Nimue Orlandini.

Le due ceresiane, già facenti parte della squadra rossocrociata che parteciperà ai campionati del mondo di categoria, oltre che al titolo di campione svizzero, sono in corsa per la selezione in vista dei Giochi olimpici giovanili in programma a Rio de Janeiro nel mese di ottobre. La finale A è alla portata della luganese Chiara cantoni e della locarnese Sofia Pasotti.

Negli élite e pesi leggeri, occhi puntati su Filippo Ammirati (Lugano) e Aurelio Comandini (Ceresio). Per loro, comunque, non sarà un’impresa facile in quanto, essendo ancora entrambi U23, dovranno competere con avversari della categoria élite. Tutti atleti esperti e fisiologicamente molto forti.

Nel 4 di coppia U19 si rinnoverà il derby cantonale fra gli armi di Lugano e di Locarno. Ricordiamo che nella penultima uscita di Sarnen, ebbero la meglio i ragazzi di Paola Grizzetti per 1” e 50/100. Da seguire con particolare interesse la prova del 4 misto femminile U17 formato da Taina Krattiger e Melanie jaumin (Lugano), Alice Mossi (Locarno) e Siria Rivera (SCCM). I ceresiani Luis Schulte e Matteo Veronese cercheranno di dare il meglio delle possibilità sia nel singolo come nel doppio. Sempre negli U19 da sottolineare la presenza dell’otto del Club Canottieri Lugano.

La Scuola canottaggio Caslano Malcantone (SCCM), oltre che sulla citata Siria Rivera, potrà contare su un bel gruppetto di giovanissimi come Livio Ferretti e Martino Soldati negli U17, Sven Riesen, Flavio Luminati e Sofia Schenk negli U15, già in evidenza nel corso delle gare stagionali.

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-20 01:30:06 | 91.208.130.87