CALCIO
27.12.2011 - 18:310
Aggiornamento : 08.11.2014 - 19:33

Il Sion chiede all'ASF di ricorrere al ricatto della FIFA

Il club vallesano non ci sta e esorta il massimo organismo elvetico di calcio a reagire

SION – Il Sion ha fatto pervenire una lettera all’ASF riguardo alla decisione della FIFA di sospendere la Svizzera e i suoi club a partire dal 14 gennaio se i vallesani non verranno puniti in campionato. Il club chiede all’Associazione di ricorrere contro queste misure, come lo stesso club ha comunicato in una nota.

“È chiaro che questo ultimatum non rispetta lo statuto e i regolamenti della FIFA e neanche la legge svizzera. Per contro, come osservato, costringe l’ASF ad agire contro i propri regolamenti”.

Il club vallesano è convinto che è responsabilità dei dirigenti del calcio svizzero difendere, dal ricatto inammissibile della FIFA, le loro associazioni, squadre Nazionali e tutti i club svizzeri.

Il Sion ha anche avvisato i dirigenti ASF e SFL, i quali si dovranno assumere le conseguenze delle loro scelte in caso decidessero di sacrificare il loro club per accontentare la FIFA. “Una mancanza di coraggio dimostrerebbe che non sono persone competenti per continuare a gestire il calcio svizzero”, con questa frase il Sion ha chiuso il proprio comunicato.
 

SPORT: Risultati e classifiche

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-22 17:08:49 | 91.208.130.86