TENNIS
10.06.2009 - 20:000
Aggiornamento : 12.11.2014 - 06:50

Stanislas Wawrinka: "Brizzi mi ha sorpreso"

Lo svizzero, Starace e Arnaboldi passano alla fase successiva, escono Bohli e Volandri.

LUGANO - Il BSI Challenger di Lugano promuove il numero 1 Stanislas Wawrinka e due giocatori italiani, Potito Starace e Andrea Arnaboldi, Ma non è stata una passeggiata per il favorito.

Alberto Brizzi, 25enne bresciano, si è inventato una delle migliori partite della carriera mettendo paura allo svizzero, che è uscito vittorioso grazie alla maggiore esperienza nei momenti importanti. E’ finita 6-4 7-6 ma l’italiano ha avuto un setpoint nel secondo parziale, annullato da un servizio vincente dell’avversario. Il tie-break è stato poi dominato da Wawrinka, che ha chiuso per 7 punti a 3.

In precedenza, Starace aveva mostrato un’ottima condizione contro l’ostico Pablo Cuevas. Il campano domina il primo set per 6-2 esibendo il suo repertorio al gran completo. Poi nel secondo gli basta un set per domare un avversario affatto facile sulla terra.

Continua a stupire Andrea Arnaboldi, giunto alla quinta vittoria di fila a Lugano. Dopo i tre turni superati nelle qualificazioni e la vittoria all’esordio in tabellone contro il numero 2 Crivoi, il 21enne di Cantù piega oggi anche l’emergente francese Ouanna, che solo pochi giorni fa a Parigi aveva impressionato battendo Safin. L’italiano mostra grande solidità e chiude con autorità per 6-4 6-4, dando l’impressione di essere sempre in controllo della partita.

Il ginevrino Stephane Bohli perde una buona occasione contro Villagran, cedendo in due set, ma con tanti rimpianti.

Filippo Volandri, che aveva ben impressionato all’esordio con Roitman, lascia spazio abbastanza nettamente al talentuoso ceco Lukas Rosol, uno di quelli che più sta impressionando nella settimana ticinese.

Wawrinka: “Brizzi mi ha sorpreso”.
“Non conoscevo il mio avversario, e devo dire che mi ha sorpreso, mettendomi parecchio in difficoltà. Io non ho giocato al massimo ma sono soddisfatto di come ho concluso il tie-break del secondo set”.


Arnaboldi: “Il migliore torneo della mia vita”
“Si, posso affermare che questo è il miglior torneo della carriera”. Lo dice con un tono deciso Andrea Arnaboldi, appena finito il confronto con Ouanna. La stessa decisione mostrata in campo. “Lui – prosegue – mi ha regalato qualcosa, ma io sono stato bravo a saper gestire i suoi momenti di calo. Sto giocando in maniera molto concreta, fin dalle qualificazioni. Segreti? Nessuno, semplicemente il lavoro duro che faccio quotidianamente in Spagna sta cominciando a dare i suoi frutti”.

Foto d'apertura: Ti-Press/Gabriele Putzu


 

SPORT: Risultati e classifiche


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-26 12:55:39 | 91.208.130.89