Segnala alla redazione
ULTIME NOTIZIE Pardo 2019
CANTONE
2 mesi
Si è concluso il Locarno Film Festival, il primo della direttrice artistica Lili Hinstin
L’edizione 2019, la prima sotto la direzione artistica di Lili Hinstin, riconferma le aspettative. Ieri sera in Piazza Grande è stato anche annunciato il Prix du Public UBS a Camille di Boris Lojkine
LOCARNO
2 mesi
«Il Festival di Locarno resti sempre libero»
Il presidente Marco Solari ha chiuso la 72esima edizione elogiando una delle caratteristiche principali del festival cinematografico. Al pubblico: «Siate vigili sempre»
FOTO E VIDEO
LOCARNO
2 mesi
Locarno premia la forza femminile rappresentata da Pedro Costa
È "Vitalina Varela" ad aggiudicarsi il Pardo d'oro della 72esima edizione del Locarno Film Festival. Pardino d'oro svizzero a Dejan Barac per "Mama Rosa"
TRAILER
LOCARNO
2 mesi
I premi e una chiusura asiatica
Oggi alle 21 è in programma la cerimonia di consegna dei riconoscimenti e ci sarà spazio anche per Tabi no owari sekai no hajimari
VIDEO
LOCARNO
2 mesi
È la grande serata di John Waters
In Piazza Grande il cineasta riceverà il Pardo d'onore Manor e verrà proiettato "Cecil B. Demented", ma anche "Adoration" di Fabrice du Welz
LOCARNO
2 mesi
A Ghezzi il primo premio dell'Utopia
Il Locarno Film Festival vuole omaggiare intellettuali e artisti che con il loro prezioso operato hanno reso realizzabile una grande utopia legata all'universo del cinema
INTERVISTA
CANTONE
2 mesi
Ghezzi: «Guardo poche serie tv, è un cinema che molte volte delude»
A Locarno72 abbiamo incontrato Enrico Ghezzi, critico cinematografico e scrittore, nonché padre di “Blob” e di “Fuori orario. Cose (mai) viste”, da tre decenni in onda su RaiTre
VIDEO
LOCARNO
2 mesi
Murer e Maradona in Piazza Grande
Prima il Pardo alla carriera al grande regista svizzero, poi il film sul Pibe de Oro e ancora "The Nest"
LOCARNO
2 mesi
Vengono in Europa a pulire le nostre case, ma quanta sofferenza nei loro occhi
Nelle Filippine, in un centro di formazione ai lavori domestici, le candidate pronte a partire si preparano alla nostalgia e ai maltrattamenti che potrebbero aspettarle oltremare.
VIDEO
LOCARNO
2 mesi
Un premio al cinema ticinese e un'estate britannica
Dopo la consegna del riconoscimento a Fulvio Bernasconi in Piazza Grande verrà proiettato "Days of the Bagnold Summer"
FOTO
CANTONE
2 mesi
«Instinct ha diviso la Piazza? Bene, l'importante è che se ne parli»
Carice Van Houten dal “Trono di Spade” al Pardo per raccontare una storia che ha spaccato la platea: «Melisandre? Non mi somiglia per niente»
LOCARNO
2 mesi
Annunciati i vincitori di Open Doors Hub e Lab
Il focus triennale 2019-2021 è incentrato sul Sud-Est asiatico
LOCARNO
2 mesi
La presentazione di Open Doors, quindi "Camille"
Un solo film sarà proiettato questa sera, la drammatica storia di una giovane fotoreporter
CANTONE
2 mesi
Tra i “talenti del futuro” scovati dal Festival c’è anche un ticinese
È di Enea Zucchetti l’unico cortometraggio selezionato "in casa" per la categoria “Pardi di domani”. Lui ha 23 anni e le idee in chiaro
LOCARNO
2 mesi
"Scuole senza frontiere" al Festival
Anche quest'anno è stata dedicata una rassegna ai film prodotti dalle realtà formative ticinesi e italiane in ambito cinetelevisivo
LOCARDO
13.08.2019 - 14:400

Il cuore trafitto di Isadora Duncan

Il concorso internazionle presenta Les enfants d’Isadora, un film struggente e avvolgente a passo di danza. Un’immersione nel profondo.

LOCARNO - Dopo la morte dei figli, la madre della danza moderna Isadora Duncan ha creato l’assolo “La Mère” (La Madre) in cui, con estrema tenerezza e con un gesto di infinita dolcezza, una madre culla il suo bambino prima di lasciarlo andare. Un secolo dopo, quattro donne scoprono questa danza straziante. Il regista Damien Manivel, lui stesso danzatore, mette in scena emozioni ataviche e intense in Les enfants d'Isadora, film del concorso internazionale. Una scommessa difficile, come sempre accade quando il punto di partenza sono personaggi leggendari che hanno fatto la storia.

Isadora Duncan è infatti considerata la fondatrice della danza moderna; ha vissuto sempre in anticipo sui tempi e al di fuori degli schemi correnti, spesso rigidi. La danza era la sua religione: non il balletto classico, di cui detestava convenzioni e posizioni artificiali, ma una danza fluida, simboleggiata dall’onda: l’andamento su cui si muovono il suono e la luce, che traduce la ciclicità e l’energia della natura, che continuamente si rigenera.

Emancipata, la danzatrice aveva lottato tutta la sua vita per una nuova idea di donna e lo fece ballando a pieni nudi, con abiti morbidi e capelli sciolti. Rivoluzionaria sul palcoscenico, dettò le nuove regole per la danza moderna. Ma la vita di Isadora Dunacan – morta strangolata dalla sciarpa che indossava – è stata caratterizzata anche da eventi luttuosi tra cui la morte prematura dei due figli Deirdre e Patrick, che a 7 e 3 anni annegarono tragicamente nelle acque della Senna assieme alla loro governante.

Costruito in tre tempi, il film di Damien Manivel si svolge come un diario intimo che si sfoglia lentamente. E lentamente restituisce la tragedia della perdita, della sofferenza e del potere consolatorio dell’arte. Attraverso corpi e storie diverse, il regista si focalizza sulla forza del gesto, capace di evocare e veicolare sentimenti profondi. Una verticalità quasi ad invocare il cielo. Anche la dimensione della maternalità trova spazio, svelando i sentimenti interiori delle protagoniste.

Nel lungometraggio, quattro donne si confrontano con “La Mère”: una ballerina decifra la partitura dell'assolo che la sconvolge, una coreografa prepara l'adattamento danzato da un’adolescente trisomica, una vecchia signora assiste sola a una performance dello spettacolo, che la commuove fino alle lacrime. Immagini quasi statiche, sembrano volere sospendere il dolore della perdita, tra terra e cielo. Tra vita terrena e vita celeste.

Nel film di Manivel, ogni protagonista trova la sua dimensione. Nella sua autobiografia, Duncan afferma: “La danza non appartiene a nessuno, devi trovare la tua danza”. E questa affermazione, spiega il regista, “mi ha dato l'idea che l'assolo doveva passare da una donna all'altra, portando con sé altre storie”.

“Questi antichi gesti – commenta l’autore - sono carichi di una profondità e, allo stesso tempo, di una grande attualità: il cinema non appartiene a nessuno ed è, a mio avviso, necessario mostrare diversi tipi di bellezze per avere una visione più complessa, più ricca di ciò che è essere umano. Quindi, per me era importante che ognuna di loro avesse il proprio modo di ballare”.

Les enfants d’Isadora è poesia e bellezza. È emozione e introspezione. In un mondo dove superficialità, volgarità ed individualismo sono al centro dello spettacolo quotidiano di una vita più esibita che vissuta davvero, il film di Damien Manivel è un invito a guardarsi dentro, a misurarsi nella propria solitudine con se stessi, nel silenzio dell’intimità. E sentire solo il battito del cuore. Lentamente, lentissimamente.

Les enfants d’Isadora, concorso internazionale,  mercoledì 14 agosto, 09.00, Palexpo (FEVI) , giovedì 15 agosto, 19.00, PalaVideo.

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 02:56:16 | 91.208.130.87