Segnala alla redazione
keystone-sda.ch/STF (URS FLUEELER)
+ 11
ULTIME NOTIZIE Pardo 2019
CANTONE
6 mesi
Si è concluso il Locarno Film Festival, il primo della direttrice artistica Lili Hinstin
L’edizione 2019, la prima sotto la direzione artistica di Lili Hinstin, riconferma le aspettative. Ieri sera in Piazza Grande è stato anche annunciato il Prix du Public UBS a Camille di Boris Lojkine
LOCARNO
6 mesi
«Il Festival di Locarno resti sempre libero»
Il presidente Marco Solari ha chiuso la 72esima edizione elogiando una delle caratteristiche principali del festival cinematografico. Al pubblico: «Siate vigili sempre»
FOTO E VIDEO
LOCARNO
6 mesi
Locarno premia la forza femminile rappresentata da Pedro Costa
È "Vitalina Varela" ad aggiudicarsi il Pardo d'oro della 72esima edizione del Locarno Film Festival. Pardino d'oro svizzero a Dejan Barac per "Mama Rosa"
TRAILER
LOCARNO
6 mesi
I premi e una chiusura asiatica
Oggi alle 21 è in programma la cerimonia di consegna dei riconoscimenti e ci sarà spazio anche per Tabi no owari sekai no hajimari
VIDEO
LOCARNO
6 mesi
È la grande serata di John Waters
In Piazza Grande il cineasta riceverà il Pardo d'onore Manor e verrà proiettato "Cecil B. Demented", ma anche "Adoration" di Fabrice du Welz
LOCARNO
6 mesi
A Ghezzi il primo premio dell'Utopia
Il Locarno Film Festival vuole omaggiare intellettuali e artisti che con il loro prezioso operato hanno reso realizzabile una grande utopia legata all'universo del cinema
INTERVISTA
CANTONE
6 mesi
Ghezzi: «Guardo poche serie tv, è un cinema che molte volte delude»
A Locarno72 abbiamo incontrato Enrico Ghezzi, critico cinematografico e scrittore, nonché padre di “Blob” e di “Fuori orario. Cose (mai) viste”, da tre decenni in onda su RaiTre
VIDEO
LOCARNO
6 mesi
Murer e Maradona in Piazza Grande
Prima il Pardo alla carriera al grande regista svizzero, poi il film sul Pibe de Oro e ancora "The Nest"
LOCARNO
6 mesi
Vengono in Europa a pulire le nostre case, ma quanta sofferenza nei loro occhi
Nelle Filippine, in un centro di formazione ai lavori domestici, le candidate pronte a partire si preparano alla nostalgia e ai maltrattamenti che potrebbero aspettarle oltremare.
VIDEO
LOCARNO
6 mesi
Un premio al cinema ticinese e un'estate britannica
Dopo la consegna del riconoscimento a Fulvio Bernasconi in Piazza Grande verrà proiettato "Days of the Bagnold Summer"
FOTO
CANTONE
6 mesi
«Instinct ha diviso la Piazza? Bene, l'importante è che se ne parli»
Carice Van Houten dal “Trono di Spade” al Pardo per raccontare una storia che ha spaccato la platea: «Melisandre? Non mi somiglia per niente»
LOCARDO
6 mesi
Il cuore trafitto di Isadora Duncan
Il concorso internazionle presenta Les enfants d’Isadora, un film struggente e avvolgente a passo di danza. Un’immersione nel profondo.
CANTONE
07.08.2019 - 21:300
Aggiornamento : 08.08.2019 - 09:05

Scamarcio e Rohrwacher aprono il Festival

“Magari” di Ginevra Elkann inaugurerà stasera Locarno72. Nel pomeriggio, la regista e i protagonisti del film - Riccardo Scamarcio e Alba Rohrwacher - hanno incontrato la stampa

LOCARNO - In proiezione alle 21.30 in Piazza Grande, “Magari”, il primo lungometraggio di Ginevra Elkann, dà il via alla 72esima edizione del Locarno Festival, la prima con la direzione artistica di Lili Hinstin. 

Figli di genitori divorziati, Alma (Oro De Commarque), Jean (Ettore Giustiniani) e Sebastiano (Milo Roussel) da Parigi giungono a Roma per fare visita al padre Carlo (Scamarcio). Durante una vacanza al mare, d’inverno, anche con la compagna di Carlo, Benedetta (Rohrwacher), le tensioni emergono. Ma la piccola Alma, in particolare, custodisce costantemente dentro di sé un sogno, quello di vedere riunita la sua famiglia. 

Ginevra Elkann - nipote di Gianni Agnelli, nonché sorella di John e Lapo - ha costruito alla perfezione una pellicola tenera e intensa (la cui uscita nelle sale è prevista il prossimo mese di marzo), servendosi di quella multiforme innocenza dei bambini.

«Il progetto nasce da un sentimento autobiografico, che nel film è quello di Alma: il suo “magari” - un termine che raccoglie felicità e malinconia - era il mio di quando ero bambina», spiega Elkann. «I miei genitori si sono separati quando ero molto piccola: e avevo un sogno, quello che un giorno, “magari”, mio padre e mia madre potessero ritornare insieme». «Nel corso del tempo, poi, ho scoperto che tanti altri bambini provano quel medesimo movimento emotivo. E da lì, con Chiara Barzini, con la quale ho scritto il film, mi è sembrato interessante raccontarlo». Di conseguenza, la costruzione dei personaggi è avvenuta osservando «le vite di tanti padri, di tanti figli, di tante famiglie», malgrado la massiccia componente autobiografica.

Una pellicola dentro cui, in corso d’opera, Ginevra Elkann ha portato anche i suoi familiari, attraverso piccoli cameo del marito e dei suoi tre figli, così come del fratello John. Lapo, però, non si è visto: «No, nel film lui non c’è», afferma la regista sorridendo.

Riccardo Scamarcio, dal canto suo, si è cucito addosso perfettamente il ruolo di padre. Lui che di figli, nella vita vera, ancora non ne ha: «Quando Ginevra mi ha chiesto di interpretare Carlo - spiega l’attore - le ho subito fatto notare la più grande difficoltà che avremmo avuto: interagire per un mese e mezzo con tre ragazzini alle prime armi. Tre ragazzini e un cane, per di più, con il rischio che saremmo potuti sembrare tutti cani (ride). Per cui le ho chiesto in quale modo intendesse lavorare... Devo dire che ci siamo capiti subito, individuando la strada giusta da perseguire ed evitando, per un film del genere, di entrare in una ripresa monolitica: alla fine è il gioco che ci ha guidato tutti».

«Ciò che mi piace di “Magari” - prosegue l’attore, prima di lasciare la parola ad Alba Rohrwacher - è che si cercato di mettere in scena quello che i personaggi non si dicono: l’incapacità di comunicare, che è molto difficile da portare al cinema. E Ginevra, secondo me, c’è riuscita». 

«Sono d’accordo con Riccardo - aggiunge l’attrice - Era importante guardare dove questi personaggi non si esprimevano e, soprattutto, osservare le dinamiche che a poco a poco si creavano...».

Una pellicola, “Magari”, che guarda all’idea di famiglia: un concetto oggi come oggi fortunatamente più ampio, anche rispetto agli anni Novanta, periodo in cui è ambientato il film: «La famiglia - conclude Ginevra Elkann - è dove c’è l’amore. È l’amore che è fondamentale».

GUARDA IL TRAILER

Keystone
Guarda tutte le 14 immagini
Commenti
 
marco17 6 mesi fa su tio
Visto il cognome della regista per forza che ci voleva un cane tra gli interpreti. Avrebbe potuto arricchire il bestiario mettendoci anche il fratello.
Antonella Ciaccia 6 mesi fa su fb
Bravissimi..entrambi
Fulvio Malinverno 6 mesi fa su fb
Quanto mi piace questa attrice
Marco Panzeri 6 mesi fa su fb
Fulvio fai il bravo. Digli qualcosa Marco.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-17 10:09:48 | 91.208.130.89