Segnala alla redazione
foto Svizzera Turismo
CANTONE
09.12.2016 - 07:050
Aggiornamento : 10.12.2016 - 16:41

Rivoluzionare il panettone? Lasciate fare al San Gottardo

In occasione dell'apertura del tunnel ferroviario più lungo del mondo, due storiche pasticcerie hanno realizzato una gustosa variante del classico dolce lombardo

AIROLO - Sin dall'età della pietra, qualche millennio prima che i popoli lo battezzassero con il nome di un celebre vescovo benedettino di Hildesheim, "Grande città indipendente" della Bassa Sassonia, il valico del San Gottardo ha sempre plasmato e modificato tradizioni, abitudini e usanze. Un vero e proprio ispiratore di piccole e grandi rivoluzioni.

Negli anni '30 dell'Ottocento fu aperta la strada carrozzabile. Nel maggio del 1882 fu la volta dell’inaugurazione della prima galleria ferroviaria. E ora, con il nuovo corridoio scolpito per 57 km fra le antiche rocce del suo massiccio, il sud dell'Europa, e in particolare la penisola italiana, e le lande settentrionali del continente saranno collegate come mai prima. Un’unione che Dario Loison e i fratelli Bachman, discendenti di storiche famiglie della tradizione pasticcera svizzera e italiana, hanno deciso di celebrare con la creazione del “Panettone Gottardo”, un «connubio di esperienze» che unisce «ingredienti svizzeri e maestria italiana».

Nulla è stato lasciato al caso. Alla ricetta tradizionale di casa Loison sono infatti stati miscelati il burro del Caseificio Gottardo di Airolo e la cioccolata Felchlin, prodotto dalla storica azienda svittese. A questi è stato poi aggiunto un terzo ingrediente “segreto”: la pazienza. Un’attesa lunga 72 ore, «oggi come un tempo», in cui il panettone viene lasciato a lievitare naturalmente, a completa tutela delle sue proprietà organolettiche.

Il risultato è un dolce che nella fisionomia riproduce vagamente la sagoma di una montagna, realizzato con ingredienti provenienti dalle regioni situate ai piedi del massiccio. Una gustosa variante di panettone che, oltre a deliziare i palati, suggella una relazione positiva tra i due paesi, destinata a rafforzarsi ulteriormente grazie ai collegamenti in treno ancora più rapidi.

 

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-16 00:48:44 | 91.208.130.89