foto Audemars
LUGANO
17.03.2021 - 15:090

Per Lugano una ricetta per non perdere altro tempo

Mirko Audemars, Candidato al Consiglio comunale PLR, Lugano

LUGANO - Complice una situazione finanziaria peggiorata drasticamente qualche legislatura fa, complice una certa perdita di leadership nei diversi gruppi politici, negli ultimi anni la locomotiva Lugano – a lungo motore trainante delle sorti di tutto il distretto – ha perso velocità. I grandi progetti, dal polo congressuale, a quello sportivo e per certi versi anche l’aeroporto, sono rimasti vittime di dibattiti sterili con posizioni in parte dogmatiche, spesso dai toni preelettorali e orientate a fini più partitici che di risultato. In un mondo che evolve sempre più velocemente, questo non è solo un “peccato”, ma è soprattutto pericoloso. La piazza luganese è, volente o nolente, in competizione con altre destinazioni per attirare turisti, cittadini e nuove attività economiche. Perdere terreno in questa competizione va ben oltre il peccato, poiché tocca da vicino tutta la Città, i suoi abitanti e la sua vivibilità, la capacità di innovarsi e di diventare più bella. Concentrarsi sui poli di sviluppo è una necessità e non farlo rischia di costare grosso: Lugano si gioca nei prossimi anni carte importanti, pensiamo ad esempio nell’ambito della sanità (ospedale cantonale) o della ricerca.

Sono convinto che i “grandi progetti”, oltre ad essere determinanti per l’attrattività e lo sviluppo di un polo urbano, siano anche la cartina di tornasole con cui misurare la capacità progettuale di una città e di un agglomerato. La capacità di parlarsi, di definire insieme gli obiettivi e poi di adattare il percorso verso di essi in base alle diverse sensibilità (chiamiamoli pure partiti), per raggiungere l’unico vero compito di un Municipio e di un Consiglio comunale: trovare le maggioranze attorno ai progetti. Molte città in Svizzera interna si stanno evolvendo in modo particolarmente dinamico e innovativo, conciliando spazi di lavoro e professionali e rendendo attrattiva la propria destinazione per nuovi potenziali cittadini.

Spesso a Lugano, come nel resto del Cantone, le barriere politiche sono un po’ troppo alte e molte promesse preelettorali restano lettera morta. Se questa opportunità mi sarà concessa, farò di tutto affinché il dialogo e il giusto – e se necessario, intenso! – dibattito avvenga trasversalmente ai gruppi politici. Creare maggioranze attorno ai progetti invece che divisioni in base alle appartenenze di partito: questo è l’ingrediente principale di una ricetta che Lugano deve trovare in fretta per tornare al passo con i tempi.

Vi è un altro ambito su cui ritengo valga la pena mettere l’accento: non molti anni fa sono stati creati gli Enti regionali di sviluppo, tra cui quello del Luganese. La loro missione è appunto quella di promuovere lo sviluppo, coordinando risorse, progetti e volontà politiche degli oltre 40 comuni dell’agglomerato. Il coinvolgimento in una fase precoce delle realtà locali del Luganese sui grandi progetti – che non forzatamente sono tutti sul territorio della Città – è promettente e permette di definire insieme l’impiego di risorse e priorità in base alle ricadute dei singoli progetti. Con quasi il 50% della popolazione e degli impieghi di tutto il Ticino, il Luganese ha la responsabilità di restare progettuale e investire le proprie risorse nell’interesse dei suoi cittadini. Io ci proverei.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-19 20:31:37 | 91.208.130.86