Immobili
Veicoli

ti.mammeCome evitare le smagliature in gravidanza

17.11.22 - 08:00
Cure ed attenzioni che aiutano a prevenire la formazione degli odiosi segni bianchi sulla pelle
Deposit
Come evitare le smagliature in gravidanza
Cure ed attenzioni che aiutano a prevenire la formazione degli odiosi segni bianchi sulla pelle

Preservare l’elasticità della pelle, nutrendola e coccolandola per evitare le odiose smagliature, è un impegno comune tra le donne. La lotta a quegli antiestetici segni, noti anche con il nome di istriae atrophicae o striae distense, viene ingaggiata molto presto, perché si sa: prevenire è meglio che curare. Possono essere tante, infatti, le situazioni in grado di agevolare la formazione delle smagliature: fumo, fattori ormonali o veloci cambi di peso e tra questi ultimi spicca la gravidanza. Le striature sulla pelle si formano quando essa si tende assottigliandosi e si presentano singolarmente o in fasce multiple parallele tra le quali si trovano piccoli tratti di pelle sana. Le aree del corpo più esposte al pericolo smagliatura sono seno, fianchi e addome che sono anche le parti comprensibilmente sottoposte a maggiore stress durante la gravidanza.

Ad esserne più colpite sono le donne giovani e le primipare, per questo la prevenzione è fondamentale per arginare il problema ed è facilitato dalla disponibilità di prodotti da poter usare prestissimo. L’olio antismagliature è sicuramente il riferimento di ogni donna in dolce attesa che dovrebbe cominciare a farne uso sin dalle prime settimane di gravidanza, associando ad esso uno stile di vita corretto. Idratarsi è fondamentale per preservare l’elasticità della pelle, e molto utile risulta anche l’alimentazione visto che frutta e verdura di stagione contengono importanti vitamine ed antiossidanti, e le proteine sono importantissime per la salute della pelle. Da non dimenticare l’esercizio fisico, visto che fare movimento permette alla pelle di arrivare allenata ai cambiamenti determinati dalla gravidanza, l’importante è non esagerare e non cedere alla sedentarietà.

Gli oli vegetali, reperibili in erboristeria, sono molto indicati per nutrire la pelle in gravidanza aiutandola a sopportare la tensione fisica causata dal periodo. Olio di aloe vera, di cocco, di mandorla e di avocado sono utili allo scopo e possono essere usati anche in mistura, l’importante è accertarsi, prima dell’uso, di non avere allergie a qualcuna delle sostanze contenute. L’uso degli oli naturali, in realtà, è consigliato sempre e soprattutto in gravidanza ed anche dopo, sebbene in caso di smagliature si rendono necessari altri trattamenti. Eliminare le striature chiare sulla pelle dopo la gravidanza, infatti, non è facile e nemmeno del tutto possibile visto che dopo i trattamenti con peeling chimici biorivitalizzanti, laser e radiofrequenza, il risultato è quello di una minore visibilità. Nutrire la pelle, curarla ed allenarla è, quindi, il miglior piano di azione oltre che una coccola per se stesse.

COMMENTI