Immobili
Veicoli

ti.mammeI capricci della buona notte

03.11.22 - 08:00
Cosa fare se i piccoli rifiutano di indossare il pigiama o persino di andare a nanna?
Deposit
I capricci della buona notte
Cosa fare se i piccoli rifiutano di indossare il pigiama o persino di andare a nanna?

I capricci dei bambini sono l’incubo di ogni genitore, arrivano all’improvviso, per qualsiasi motivo e sono estenuanti, sebbene siano l’espressione di una ragione ben precisa. Urla e strepiti sono il lato oscuro di quelle dolci creaturine che profumano di buono anche se hanno le manine sporche e hanno, sempre, un motivo ai loro occhi valido per comportarsi in quel modo così diverso dalla loro natura delicata. Uno dei pretesti che può scatenare i capricci dei piccoli coincide con l’ora della nanna, quando prende vita il rituale che conclude la giornata tra latte caldo e pigiamino. Proprio questo indumento, solitamente così confortevole, può scatenare l’insubordinazione dei piccoli di casa pronti a ribellarsi tenacemente pur di non doverlo indossare. Forse perché rappresenta il suggello alla fine della giornata o semplicemente perché non hanno voglia di cambiarsi, il pigiamino può diventare stendardo di una lotta di potere, quella dei piccoli.

Teneri, colorati, con i personaggi preferiti i pigiami dei bambini dovrebbero essere graditi ed apprezzati, ma al pari di ogni altro indumento possono diventare lo strumento con il quale i pargoletti decidono di ripagare i genitori per qualche gesto di noncuranza o nervosismo che hanno riversato su di loro. E così quando i pargoletti decidono di dar fastidio, protestano rendendo così complicato far uscire la testina dallo scollo della casacca o anche solo farsi avvicinare per provarci. Dietro la loro insubordinazione ci può essere del malessere, e rifiutarsi di indossare il pigiamino può essere l’espressione di un malessere o di una tensione forse derivante dai ritmi frenetici ai quali sono costretti dagli impegni di mamma e papà. Quei capricci diventano la valvola di sfogo di tutta la tensione accumulata, degli sforzi che fanno per sopportare gli atteggiamenti troppo rigidi dei genitori o, al contrario, dalla loro eccessiva indulgenza. Come comportarsi di fronte a queste bizze? Mantenere la calma è il primo passo, magari cominciando per tempo a prepararli al momento della nanna. Di fronte al rifiuto categorico ad indossare quel determinato pigiamino bisognerà mantenere la calma, magari scherzare un po’ su quel rifiuto così da alleggerire la tensione. Si potrà proporre un altro pigiama, di colore diverso o con un altro personaggio sulla maglietta sino a convincerlo. Finirà così quella specie di lotta di potere ed il piccolo si rasserenerà sentendosi soddisfatto e vincitore.

È importante non dimenticare che il pargolo è convinto di avere i suoi buoni motivi per comportarsi in quel modo e sarà compito di mamma e papà capire quali siano. Distacco, pigrizia, paura del buio sono alcuni dei motivi che spesso inducono i bambini a fare i capricci quando arriva il momento di andare a dormire. Separarsi dai genitori e ritrovarsi solo nel suo lettino potrebbe essere pesante, mentre la routine della nanna, comprendente pigiama e lavaggio dei denti, potrebbe apparirgli faticosa. Senza dimenticare la paura del buio che aleggia in cameretta. Intuite le ragioni del bambino i genitori dovranno adoperarsi per mettere in atto gli stratagemmi più utili a superare i suoi timori e le sue ansie. Instaurare una routine più ampia è il primo passo per rendere il rituale della buona notte meno ostico. Accanto al latte caldo, la lettura di una fiaba, la ninna nanna ed il bacio in fronte si può aggiungere qualche altro rito. Dopo aver ricordato che quello che sta facendo è l’ultimo gioco della giornata, si potrà invogliarlo a mettere a nanna i suoi giochi preferiti per poi salutarli ed augurare loro la buona notte. Una luce notturna nella cameretta del pupetto eviterà la sua paura del buio che potrà essere combattuta anche con una ispezione di tutti gli angoli della stanza fatta insieme per assicurarsi che non ci siano mostri nascosti. E buona notte a tutti!

COMMENTI