Deposit
TI.MAMME
12.11.2020 - 08:000

Smettere di giocare: perché è così difficile?

La difficoltà degli under 25 nasce dall'immaturità dell'area cerebrale delle decisioni

Si chiama gaming disorder ed è la mancanza di controllo sul gioco, ma non è da confondere con la dipendenza da tecnologia che, invece, è l'uso compulsivo anche di videogame capace di alterare la vita quotidiana. La precisazione è necessaria per evitare di parlare di patologia quando si è in presenza solo di un problema di gestione del tempo di gioco, che riguarda soprattutto bambini ed adolescenti. Per parlare del gaming disorder bisogna partire dalla sua natura di disturbo neurologico derivante dal parziale sviluppo della corteccia prefrontale, che gestisce gli impulsi e ed i processi decisionali, negli under 25. 

I giovanissimi che non riescono ad interrompere il gioco, magari nel bel mezzo di un livello avanzato, lo fanno perché il loro cervello non è pronto a rinunciare all'appagamento che prova in quel momento, secondo la direttrice dell'americano National Institute on Drug Abuse, Nora Volkow. Mentre Chris Ferguson, psicologo esperto di videogiochi presso la Stetson University  in Florida, sottolinea il legame che esiste tra videogame e dopamina, il neurotrasmettitore che influenza l'umore. Gli studi condotti su questa relazione hanno evidenziato che il livello di dopamina aumenta al migliorare delle abilità del giocatore che, quindi, non lascerebbe mai il gioco se non per un'attività ugualmente o maggiormente appagante. 

Che un bambino smetta di giocare per fare i compiti o per andare a cena è, quindi, molto difficile. È importante, allora, imparare a gestire le situazioni giocando d'anticipo. Alcune regole base concordate tra bambini ed adulti, da rispettare rigorosamente, sono un ottimo punto di partenza, magari fissando dei tempi da dedicare ai videogiochi ed avvisare i piccoli con un po' di anticipo quando il tempo stabilito sta per scadere, affinché possano organizzarsi. E le regole, ovviamente, valgono anche per gli adulti, perché se anche il papà si fissa con il joystick, non mostra molta differenza di età con i bambini.

TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook e Instagram


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-11-29 20:50:47 | 91.208.130.87