Segnala alla redazione
Deposit
TI.MAMME
11.02.2020 - 08:000

Bambini e natura: il legame lungo una vita

Attività e giochi all'aria aperta per scoprire ed imparare divertendosi

Fare un orto sul balcone o semplici lavori di giardinaggio, raccogliere frutti di bosco, camminare a piedi nudi sulla sabbia e persino arrampicarsi sugli alberi: sono attività raccomandate per la crescita e lo sviluppo corretti di ogni bambino. Esse, infatti, contribuiscono al potenziamento delle facoltà motorie e sensoriali dei piccoli che imparano, così, a conoscere ed apprezzare la natura. Perché sono proprio le attività all'aria aperta che insegnano ai più piccoli a scoprire gli elementi naturali e le loro caratteristiche, ma anche a mettere alla prova le proprie attitudini migliorando orientamento e capacità di adattamento, gusto della scoperta e soddisfazione dopo un po' di fatica. 

Come giocare in natura con i bambini? Che vogliate organizzare un'escursione con tanto di zaino in spalla e bussola per orientarsi, una passeggiata nel bosco alla ricerca di simpatici animaletti o una camminata sulla spiaggia per raccogliere conchiglie e pietre da colorare una volta tornati a casa, il vostro obiettivo è sempre uno: far scoprire ai piccoli esploratori tutte le bellezze dell'ambiente scelto. Avete mai pensato di organizzare una bug hunting? Sì, una vera caccia agli insetti, ma non per catturarli, bensì per osservarli nel loro habitat. Farfalle, coccinelle, formiche, ma anche porcellini di terra e lombrichi: scoperte le loro abitudini, i bambini potranno divertirsi a disegnarli su un quaderno, magari descrivendo cosa hanno imparato su di loro.

Con un binocolo ed abiti poco colorati si sperimenta il birdwatching, che può diventare anche un passatempo rilassante e divertente. Guardare gli uccelli, imparare a conoscerne le varie specie ed osservarli mentre costruiscono il nido o nutrono i propri piccoli, aiuta i bambini ad approfondire la vita di questi animali, magari a riconoscerne il verso, incuriosendosi sempre più tanto da cominciare a documentarsi ed a scoprire le caratteristiche di passeri ed aironi, falchi aquile e poiane. Sarà possibile realizzare anche un album di tutti i volatili scoperti, magari disegnandoli o collezionando le loro piume trovate per terra. Anche al mare si potranno raccogliere le piume di sterne e gabbiani, ma qui ci si dedicherà soprattutto alla ricerca di conchiglie per imparare a riconoscerle. 

Osservare ogni guscio permetterà di scoprire numerose caratteristiche utili per una classificazione: il colore, il numero delle coste e la forma. E poi curiosità come l'origine dei buchi che a volte si trovano sulle conchiglie e che sono la prova di un omicidio compiuto da molluschi chiamati murici ai danni dell'abitante di quel guscio forato. Ma anche stili di vita particolari come quello del paguro, il crostaceo famoso perché cambia conchiglia ogni volta che la precedente risulta piccola o non più adatta alle sue esigenze, scegliendone un'altra già vuota. La fantasia dei bambini sarà sicuramente stimolata da tutte le meraviglie presenti in natura e diventerà l'ingrediente principale per inventare anche altre attività da svolgere in natura, che arricchiranno il bagaglio di esperienze ed emozioni dei più piccoli, ma anche degli adulti con loro.


TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook e Instagram

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-19 21:55:51 | 91.208.130.87