Deposit
ULTIME NOTIZIE ti.mamme
TI.MAMME
9 ore
Coronavirus: quando la famiglia finisce in quarantena
Come gestire la lunga convivenza tra necessità e priorità di adulti e bambini.
TI.MAMME
1 gior
Eterocromia: vezzo o problema?
Il diverso colore degli occhi rappresenta una particolarità, ma non esclude alcuni elementi di rischio.
TI.MAMME
2 gior
La luna e le donne: un legame e le sue conseguenze
Qual è la relazione tra le fasi lunari ed il ciclo mestruale? E quali sono gli effetti di questa armonia?
TI.MAMME
3 gior
Svezzamento: è possibile introdurre lo yogurt?
Quale prodotto scegliere e come inserirlo nella nuova alimentazione dei bambini
TI.MAMME
4 gior
Proteggere i bambini dal caldo eccessivo
Temperature elevate mettono a rischio la salute dei bambini, cosa fare per migliorare la situazione?
ti.mamme
4 gior
Tumore al seno triplo negativo, con l'immunoterapico meno recidive
Sono le conclusioni a cui è giunto uno studio
TI.MAMME
6 gior
La prima donna nello spazio e la sua «space baby»
Verità e leggende sulla missione orbitale russa alla quale partecipò Valentina Tereshkova
TI.MAMME
1 sett
Latte artificiale: è sbagliato mischiarne due tipi diversi?
Precauzioni ed accortezze per l’utilizzo di due prodotti differenti contemporaneamente
TI.MAMME
1 sett
Litigare con i figli adolescenti: e poi?
Lasciarsi trasportare dalla rabbia è inevitabile, ma l’importante è fare il primo passo per la riconciliazione
TI.MAMME
1 sett
I rituali magici della gravidanza
Scopriamo le leggende e i falsi miti sul concepimento
TI.MAMME
1 sett
Sole: non solo crema per proteggere i bambini
Quali sono le precauzioni indispensabili per lasciare che anche i più piccoli si divertano all’aria aperta
TI.MAMME
1 sett
Mamme in vacanza da sole con i figli
Relax e divertimento sono possibili grazie ad un’organizzazione a prova di imprevisto
TI.MAMME
2 sett
La conquista del lettone… da parte dei genitori
Come aiutare i bambini a conquistare la sicurezza per dormire da soli?
TI.MAMME
2 sett
Adolescenti e coprifuoco: come regolarsi?
Concordare un orario insieme ai figli oppure imporre una regola: sono i genitori a dover decidere
PAID POST
22.08.2019 - 08:000
Aggiornamento : 09:01

Come preparare al meglio i bambini prima dell'inizio della scuola

Quali accorgimenti si possono prendere per evitare di incorrere nei classici raffreddori e influenze? Ecco i consigli della Farmacia Contrada dei Patrizi di Viganello

Si avvicina un nuovo anno scolastico e con l'inizio di esso iniziano i malanni: «Come posso prevenire le eventuali malattie alle quali possono andare incontro i miei figli?» chiede una lettrice. Abbiamo girato la domanda al team della Farmacia Contrada dei Patrizi di Viganello.

«Per prevenire il raffreddore, che in alcuni casi porta anche a sintomi influenzali, esistono diversi trucchetti, uno dei quali è sicuramente tra i più semplici, ma tra i più efficaci: mantenere pulito il nasino del bimbo, liberandolo da secrezioni, evitando i ristagni che possono portare ad infezioni batteriche, le quali, a loro volta, sono portatrici di sinusite e otite. Un altro modo semplicissimo di limitare l’infezione è lavarsi spesso le mani, insegnare ai bimbi a non metterle in bocca, nel naso o a strofinarsi gli occhi quando sono sporche, oppure se si sono frequentati posti pubblici. Tenere un piccolo disinfettante per le mani in borsetta è sempre comodo ed efficace.

Anche i giocatoli e i peluche dei bambini sono un vettore per i virus, andrebbero quindi lavati regolarmente.

L'aria fresca ed inquinata della città è spesso irritante per la mucosa nasale. Quindi forse meglio non uscire? No, stare all'aria aperta è importante persino d'inverno, piuttosto che rimanere chiusi troppo in ambienti caldi, dove batteri e virus si possono diffondere con più facilità. In questi casi ci viene d'aiuto la sciarpa, che posizionata davanti alla bocca e al naso nei giorni più freddi, filtra l'aria.

Anche l'ambiente di casa però può essere un fattore aggravante: se è secco si consiglia l'uso di un umidificatore che eroga vapore (l’umidità sarebbe corretta intorno al 45-55%), magari utilizzando degli oli essenziali balsamici, che oltre a liberare il naso, risultano piacevoli anche per i bambini.

Un altro fattore da tenere sotto controllo è il fumo passivo: esporre i bambini al fumo è sbagliato per mille motivi, uno dei tanti è la predisposizione alle infezioni che può comportare, anche a lungo termine.

Inoltre, è molto importante il sonno: mentre dormiamo infatti il corpo si rigenera e il sistema immunitario si risveglia pronto a combattere.  

Anche l'attività fisica migliora la funzione immunitaria, quindi è sempre consigliato fare movimento, soprattutto all’aria aperta».

Ci sono delle cure omeopatiche/naturali o cibi che posso fargli assumere e quanto tempo prima? C'è qualcosa anche che possiamo prendere anche noi genitori per prepararci al meglio per non essere contagiati subito?

«Per evitare il raffreddore è importante una buona idratazione. Per questo motivo i bambini vanno abituati a bere con frequenza, soprattutto acqua, frullati di frutta e verdura o succhi, possibilmente senza troppi zuccheri aggiunti. Da evitare invece le bevande gassate. Quello che mangiano in questo periodo dell’anno, poi, è ancora più importante, perchè mangiare sano è un’ottima arma di prevenzione: frutta e verdura ci vengono in aiuto, basti pensare per esempio ai mirtilli, che aiutano ad attenuare i sintomi del raffreddore e migliorano la funzionalità dei capillari; l'arancia, tipica fonte di vitamina C, ma anche i kiwi, che ne sono ancora più ricchi; ottime anche fragole, ananas, ciliegie e alcune verdure come lattuga, spinaci e broccoletti. Anche la cipolla può essere usata come arma di prevenzione e cura contro l’influenza, ma si sa, in pochi la amano, ed è difficile farla mangiare ai bambini.

Nel caso in cui però dieta e attività fisica non bastassero, arriva in aiuto l'omeopatia, con preparati che aiutano a prevenire l’influenza e raffreddore, come "Oscilloccocinum", da usare fin dall’inizio della scuola, anche nei bimbi più piccoli.

Va bene per noi adulti? Sì, la cosa bella è che questi prodotti vanno bene per tutta la famiglia, basterà acquistarne uno e iniziare la cura insieme ai nostri bambini e ragazzi.

Come si usa? A titolo preventivo: 1 dose di globuli alla settimana durante il periodo di rischio d'influenza.
Stato influenzale incipiente: 1 dose di globuli il più presto alla comparsa dei primi sintomi, da ripetere eventualmente 2-3 volte, a intervalli di 6 ore.
Stato influenzale conclamato: 1 dose di globuli mattina e sera, durante 1-3 giorni.
Tutto il contenuto della dose deve sciogliersi sotto la lingua. 

"Oscillococcinum" va assunto distante dai pasti, 15 minuti prima o 1 ora dopo.

Dubbi? Domande? Non esitate a contattarci

 

Questo articolo a pagamento è realizzato per conto di Farmacia Contrada dei Patrizi


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-23 17:23:59 | 91.208.130.89