Segnala alla redazione
+ 1
TI.MAMME
19.08.2019 - 08:000

Alla scoperta della fortezza segreta

Si trova sul passo del San Gottardo, ed offre un'immersione totale nella storia. Ideale anche per i bambini

A volte non è necessario allontanarsi troppo per visitare dei posti incredibili. Stiamo parlando della fortezza del San Gottardo, che Augusta di Mini Me Explorer ha visitato. Ecco le nostre domande:

Di cosa si tratta esattamente? 
«Questo forte era un luogo dove i soldati vivevano e si preparavano ad entrare in azione, all’occorrenza poteva accogliere quasi 500 soldati e al suo interno c’era pure un ospedale. Nel 2001 ha perso il suo “statuto” di fortezza segreta e dal 2012 è accessibile al pubblico. Sono possibili diversi tipi di visite:

  • Visita individuale
  • Visita guidata
  • Visita avventurosa
  • Visita guardia della fortezza

Noi abbiamo scelto la visita individuale, principalmente perché non c’è un’età minima, mentre per le altre tre occorre avere almeno 14 anni. Inoltre non va prenotata, mentre le altre sì. Penso che sia il miglior modo per spiegare ai bambini come funzionava questa fortezza».

Dove si trova esattamente?
«La fortezza militare si trova proprio in cima al San Gottardo. Una volta giunti sul passo la fortezza militare è ben segnalata. Parcheggiata l’auto, basta camminare per alcune centinaia di metri lungo la sponda destra del laghetto e troverete l’entrata alla fortezza , con appese le bandiere del Canton Ticino, Canton Uri e della Svizzera. Il forte é aperto fino a metà ottobre ed é necessario fare il biglietto per entrare, per cui vi consiglio di guardare bene sul sito gli orari di apertura». 

Cosa hanno apprezzato particolarmente i bambini? 
«Mio figlio ha apprezzato tantissimo tutta la visita, dalla discesa con la metro sotterranea, agli alloggi, alla visita dei magazzini contenenti mitragliatrici, cannoni e sistemi radiofonici. Particolarmente apprezzato anche la sala dei cristalli, con il maestoso cristallo che pesa 1500 chili. Insomma, se passate in zona San Gottardo, vi consiglio di fermarmi, ne vale davvero la pena».

Per approfondire clicca qui

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-17 07:17:50 | 91.208.130.85