Segnala alla redazione
ULTIME NOTIZIE ti.mamme
TI.MAMME
19 ore
Ecco cosa visitare a Zurigo con tutta la famiglia
Non solo il Museo della Fifa o lo Zoo, la città è piena di sorprese. Augusta di Mini Me Explorer racconta la sua esperienza all'Osservatorio Urania
TI.MAMME
1 gior
I genitori alle prese con l’adolescenza dei propri figli
Genitorinsieme organizza a Locarno un nuovo gruppo d’incontro per padri e madri di preadolescenti e adolescenti.
TI.MAMME
1 gior
Let's Science! Mostra e fumetti per grandi e piccini
Ideata e sceneggiata dagli studenti di quattro classi delle scuole medie ticinesi su temi legati alla salute. Sabato 16 novembre l'incontro con l'astronauta Nespoli
Ti.MAMME
2 gior
MiniMove arriva anche a Bellinzona
Dopo Lugano e Mendrisio, anche i bambini della capitale potranno usufruire gratuitamente delle palestre aperte la domenica
TI.MAMME
3 gior
Agendina, l'agenda per i bambini
Fiere, spettacoli, appuntamenti e molto altro ancora
TI.MAMME
4 gior
Parte la 21esima stagione teatrale di Minispettacoli
La compagnia "Inti Tales" porterà in scena lo spettacolo "Storia d'amore ed alberi", domenica 10 novembre a Minusio
TI.MAMME
5 gior
Gravidanze a rischio con idrope fetale e sindrome dello specchio
I pericoli per mamma e bambino in presenza di liquidi in eccesso durante la gestazione
TI.MAMME
6 gior
Siamo tutti a rischio tsunami?
Maggiore consapevolezza per affrontare un pericolo che non riguarda solo gli oceani
TI.MAMME
1 sett
Le castagne nella tradizione ticinese
Augusta di Mini Me Explorer ci racconta la sua esperienza alla ricerca di castagne con i bambini
TIMAMME
13.07.2019 - 08:000

Bambini indaco: tra leggenda e realtà

Le caratteristiche speciali di una generazione destinata a cambiare il mondo

 

Sguardi profondi, ipersensibilità, abilità tecnologiche, testardaggine, ribellione, intolleranze alimentari, determinazione ed iperattività: sono queste le principali caratteristiche di quelli che gli inglesi chiamano indigo children o semplicemente indigos, ovvero gli indaco, indicando una generazione di bambini dalle attitudini speciali.

È ancora da decidere se quella che ruota intorno ai bambini indaco sia una teoria o una realtà, anche se è sicuramente affascinante l'idea di credere che la loro nascita sia legata a particolari disegni. Gli indaco, detti anche bambini delle stelle, sin da piccoli mostrano delle capacità particolari e, soprattutto, la consapevolezza del proprio destino. Secondo la teoria più radicata intorno alla loro realtà sarebbero arrivati in gruppo per svecchiare le convinzioni esistenti sulla terra e riqualificare il mondo per mezzo dell'amore e di una maggiore coscienza. Superfluo sottolineare che questi bambini tanto speciali sarebbero anche parecchio ingestibili perché insofferenti all'adattamento alle regole sociali ed educative della nostra epoca. Tra le loro caratteristiche speciali, quindi, ci sarebbero anche disturbi dell'attenzione ed iperattività, oltre alla mente matura e consapevole. Quindi chi si imbatte in un bambino indaco ed al suo sguardo profondo, non deve spaventarsi ritenendolo posseduto soprattutto se dovesse riuscire a cogliere un pensiero recondito del suo interlocutore. Chi crede alla teoria dei bambini indaco deve avvicinarli ricordando di trovarsi al cospetto di filosofi in calzoni corti che con ogni probabilità diventeranno scienziati o grandi artisti.

Come riconoscere un bambino indaco? Bisogna ricordare che ne esistono quattro tipi, ognuno con una sfumatura particolare.
- C'è il bambino indaco concettuale, grande controllore dei propri genitori, con una predisposizione all'ingegneria ed all'architettura. Suo lato debole sono le dipendenze, sviluppate soprattutto durante l'adolescenza.
- L'indaco artista, invece, è il creativo per definizione, si annoia facilmente e passa da una passione all'altra senza evidenziarne una prioritaria.
- L'umanista, socievole ed iperattivo, è destinato ad attività a contatto con le persone che gli permettano di essere a disposizione del prossimo.
- Il bambino indaco interdimensionale, infine, dopo aver imparato a gattonare inizia ad ingegnarsi per fare tutto da solo ed appena inizia a parlare risponde «so farlo da solo» a chiunque provi ad aiutarlo. La loro natura li vuole rivoluzionari in ambito religioso e filosofico. Se la società può valorizzarli o temerli, i genitori dei bambini indaco come devono comportarsi? Secondo i sostenitori della teoria degli indaco, crescerne uno è un privilegio enorme.

Questi piccoli speciali hanno bisogno di tanto amore e devono essere accettati per quello che sono, rispettandoli e scoprendo il modo migliore per poter comunicare con loro al fine di educarli con la giusta disciplina. E soprattutto devono essere sostenuti ed apprezzati nella loro natura alternativa. Praticamente quello che ogni buon genitore fa con i propri figli... qualunque colore dell'arcobaleno abbiano!



TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook e Instagram

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-12 03:04:27 | 91.208.130.85