Segnala alla redazione
TI.MAMME
02.06.2019 - 08:000

Bimbi in aereo: come evitare problemi ad alta quota

Trucchi e consigli degli assistenti di volo per viaggiare tranquilli

 

Sarà capitato a tutti, durante un viaggio in aereo di avere vicino, (sempre troppo vicino!), un bambino. La situazione è al 99 per cento preoccupante per chiunque, perché i bambini sono belli e simpatici, ma se cominciano ad urlare come sirene impazzite o ad urtare lo schienale del nostro sedile con i piedini adorabili, che per l'occasione sembrano martelli pneumatici, l'incubo prende forma.

Ogni fascia di età ha le sue difficoltà ed è per questo che anche gli assistenti di volo  hanno i loro trucchi per tranquillizzare i piccoli passeggeri. Una sorta di manuale magico per sconfiggere uno dei più temuti problemi ad alta quota: i piccoli viaggiatori. Partendo dal presupposto che, tendenzialmente, i bambini ubbidiscono di più se a richiamarli è un estraneo, piuttosto che genitori o familiari al seguito, per gli assistenti di volo dovrebbe essere un’impresa meno estenuante già in partenza. Ma il condizionale è d'obbligo al cospetto dei bimbi in volo. La parola d'ordine, per scongiurare lamentele di noia e scorribande nel corridoio dell'aereo, è distrazione. E quindi via libera agli album da colorare ed a quelli con gli stickers attacca e stacca. Per arginare qualsiasi avvisaglia di trambusto, che si potrebbe profilare sin all’imbarco, si può far parlare la piccola peste con un membro dell'equipaggio che compare sulla soglia della cabina di pilotaggio come una sorta di supereroe pronto ad affidare al piccolo passeggero qualche incarico fantastico da compiere durante tutto il volo.

Se anche i genitori vogliono arrivare preparati all'imbarco, senza attivarsi le occhiate colme di disperazione degli altri passeggeri, possono caricare un bel po'  di cartoni animati sul tablet per propinarli al nano viaggiatore prima che, per noia, spalanchi il portellone laterale dell'aereo. Possono essere d'aiuto anche il pupazzo più amato dal pargolo, favole da ascoltare in cuffia o dalla voce dell'adulto accompagnatore, e qualche panetto di pasta modellabile che non sporca ed è sempre un valido passatempo. Per il dolore da orecchie tappate, tipico in aereo, sarà utile insegnare ai bambini a sbadigliare oppure a soffiare con la bocca tenendo il naso stretto tra le dita. Piccoli accorgimenti che aiutano grandi e piccini a viaggiare piacevolmente in aereo, senza dimenticare la soddisfazione di sentirsi inclusi nel ringraziamento finale dell'assistente di volo per aver viaggiato con quella compagnia!


TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook e Instagram

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-21 01:18:10 | 91.208.130.89