Segnala alla redazione
Ti.MAMME
21.05.2019 - 14:000

Milk Sharing e BLUD: l'allattamento 2.0

La vecchia balia viene sostituita dalla compravendita on-line del latte materno

 

Un tempo esistevano i fratelli di latte, neonati che venivano allattati da una stessa nutrice, ovvero una donna alla quale era affidato il compito di nutrire con il proprio latte materno bambini altrui, oltre i propri. Oggi, dopo molte decadi di disuso, questa pratica è tornata in auge in chiave moderna ed anche remunerativa. Eliminata la balia, infatti, si è profilata la mamma multitasking che, a tutte le sue funzioni di serie, ha aggiunto il marketing del latte materno. Che cos'è? È una sorta di ottimizzazione delle materie prime materne e si chiama milk sharing. A praticarlo sono le donne che producono più latte di quanto ne serva al proprio bambino e che, quindi, decidono di venderlo a chi ne ha bisogno.

Praticamente si assiste alla modernizzazione dei fratelli di latte che se prima bevevano dallo stesso seno, ora ricevono il latte materno ordinato su internet. Perché è proprio in rete che si trova in vendita il latte materno e dal giro di acquisti on-line effettuati, si nota subito che rappresenta un mercato florido ed in continua espansione. Una sorta di gigantesca tetta virtuale ricca di latte materno alla quale attingere con un «aggiungi al carrello e vai al pagamento». Eliminati i fronzoli romantici ed il maternage spicciolo, il milk-sharing ha un'identità pratica di tutto rispetto e permette di offrire a tutti i bambini la possibilità di essere nutriti con il latte materno.

Ma ci si può fidare? Il dubbio, infatti, ruota intorno alla sicurezza del prodotto la cui compra-vendita è ancora priva di qualsiasi disciplina soprattutto in termini igienico-sanitari, con il latte messo in vendita privo di qualsiasi verifica medica. E se in passato la nutrice era legalmente riconosciuta e salutarmente sicura, oggi la condivisione del latte materno on-line è priva di qualsiasi garanzia e, per tranquillità, dovrebbe essere scoraggiata, evitando il rischio di malattie. Meglio, quindi, optare per le Banche del latte umano donato - BLUD alle quali donano donne in buona salute e regolarmente controllate.
Più latte materno per tutti i bambini è giusto, ma che sia sano è d'obbligo!


TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook e Instagram

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-20 10:24:56 | 91.208.130.86