Segnala alla redazione
Ti.MAMME
12.05.2019 - 08:000

La comicità della gravidanza

Le domande assurde delle primipare piene di curiosità

 

L'esito positivo del test di gravidanza è il primo ciak di un film tragicomico sulle domande bizzarre, ma per fortuna ginecologi ed ostetriche sono avvezzi ai quesiti imbarazzanti. Quando, però, il medico è in vacanza o si preferisce il consiglio di una propria simile, c'è sempre internet con la sua popolazione di tuttologhe sapienti che si aggiornano con le esperienze di una cugina della parrucchiera della suocera. E allora, via libera alla follia delle richieste strambe!

«Bevendo tè caldo durante la gravidanza posso scottare il bambino?». Ritenente sia una domanda assurda solo perché sapete per certo che vostro figlio non sta crescendo nel vostro stomaco, tra il pollo mangiato a pranzo e lo yogurt del pomeriggio? È bene che sappiate che non è neanche la più incredibile tra quelle che si leggono in rete.

Le future mamme sono esemplari fantastici di una specie non del tutto evoluta che si distingue in: paranoiche a caccia dei google-consigli e fanatiche con il numero del ginecologo in chiamata rapida per ogni improvvisa domanda sul lieto evento. L'universo della titubanza delle neo mamme è vastissimo e spazia dai confini a picco sull'ingenuità, segnati da domande tipo «riuscirò a far nascere il mio bambino?», a quelli arroccati sui pendii scivolosi infestati da ansie: «Che succede se il travaglio inizia mentre dormo?».

Fugare i dubbi delle mamme inesperte non è semplice perché verrebbe da rassicurarle scientificamente, ma si cede alla tentazione di confortarle concedendosi un pizzico di ironia. Certo che riuscirai a far nascere il tuo bambino, c'è uno staff medico ad aiutarti e se il tuo inquilino non si decide ad uscire, proveranno a convincerlo saltandoti sulla pancia. Oppure: se non ti rendi conto della rottura delle acque perché stai dormendo, stai pur certa che con le contrazioni ti sveglierai sicuramente ed in fretta!

È vero, il motore di ricerca scelto per dissipare i propri dubbi è sicuramente gentile e premuroso, ma a tutto bisognerebbe mettere un limite, perché dietro una donna dalle mille domande strane ci sono familiari altrettanto bizzarri.

Ed il problema si amplifica quando anche i mariti espongono le proprie perle di curiosità: «Mia moglie vuole mangiare la sua placenta, va bene anche se è vegana?». È davvero l'etica scelta alimentare di tua moglie il problema? E se poi si è troppo giovani e poco informati, può capitare di chiedersi: «La mia ragazza non ha più le mestruazioni da quando è incinta, il bambino sta bevendo il sangue?». Perché, tu sei il nipote del conte Dracula?


TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook e Instagram

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-07-19 06:08:53 | 91.208.130.85