mobile report Segnala alla redazione
Deposit
TI.MAMME
27.02.2019 - 11:000

Pulire casa, un gioco da fare insieme

Come rendere divertente un’attività che aiuta anche a sviluppare il senso di indipendenza

 

Ogni mamma lo sa: quando arriva un figlio non solo la casa si sporca più velocemente, ma si ha anche molto meno tempo a disposizione per dedicarsi alle pulizie.

Dunque è bene avvicinare sin da subito i bimbi ai lavori di casa, mirando a un doppio effetto: il primo è a lungo termine, ovvero educare i figli alla pulizia della casa, dal momento che i “principini” che non sanno lavare un piatto sono antipatici a tutti; il secondo è di ottenere l’effetto immediato di un po’ di collaborazione nelle faccende di casa che, diciamoci la verità, non guasta mai.

E allora niente paura: già dall’età di due anni i bimbi possono aiutare ad apparecchiare, rimettere i giochi al loro posto o mettere i vestiti sporchi nell’apposito cesto. Dall’età di quattro anni possono cominciare a rifarsi il letto, mettere in ordine la stanzetta, e persino lavare i piatti. Dai sei anni (o anche prima) possono già darvi una mano in cucina: questa è l’età in cui si può iniziare a tagliare la frutta, preparare un’insalata o portare fuori la spazzatura.

Non abbiate timore: non è mai troppo presto per imparare a svolgere le faccende di casa, anzi, più tardi impareranno e più matureranno l’opinione che sia qualcun altro a dover provvedere a loro. 

 

TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook e Instagram

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-03-23 22:39:56 | 91.208.130.86