Ti Press
ULTIME NOTIZIE ti.mamme
TI.MAMME
15 ore
Svezzamento: come, quando e perché
Come rinunciare al momento unico e prezioso dell'allattamento
TI.MAMME
2 gior
Celiachia nemica della maternità
I sintomi dell’intolleranza al glutine che colpisce soprattutto le donne
TI.MAMME
3 gior
Genitori e lavoro: come spiegarlo ai figli
I consigli per superare i capricci e le ansie da separazione
TI.MAMME
4 gior
Endometriosi, come riconoscerla
La malattia femminile impossibile da prevenire
TI.MAMME
5 gior
Interruzioni di gravidanza, tutte le cifre svizzere
Per il 2019 i dati sono parzialmente incompleti. In Ticino registrati 282 interventi
TI.MAMME
5 gior
Riconoscere l'infanzia violata
I segnali dei bambini abusati e le loro silenziose richieste di aiuto
TI.MAMME
1 sett
I luoghi imperdibili da visitare quest'estate
Mini Me Explorer ha stilato una lista. Ne abbiamo parlato con Augusta
TI.MAMME
1 sett
Tumore al seno e gravidanza
La maternità dopo la malattia è sicura per mamma e feto
TI.MAMME
1 sett
La realtà dei neonati parcheggiati in Ucraina
I piccoli, nati in piena emergenza coronavirus, attendono ancora l'abbraccio di mamma e papà
TI.MAMME
1 sett
Vietato chiamarlo solo genio!
Viaggio nel mondo dei bambini plusdotati
TI.MAMME
1 sett
Colonia estiva a Pregassona
Dedicata ai bambini dai 4 ai 10 anni, è prevista nel mese di agosto
TI.MAMME
1 sett
Figlio mio, ti amo tanto da ucciderti
La realtà degli aborti tardivi regolati dalla legge
TI.MAMME
1 sett
Bimbi in bici: che divertimento!
Pedalare aiuta il corpo e la mente di piccoli e grandi
CANTONE
06.02.2019 - 11:360

«Lavoro e famiglia sono compatibili»

Il direttore del DSS Paolo Beltraminelli ha presentato la Modifica del Regolamento della Legge per le famiglie

BELLINZONA - «Non è solo un aiuto contro la povertà, ma è un sostegno tangibile alla compatibilità lavoro-famiglia». È con queste parole che Paolo Beltraminelli ha presentato le modifiche apportate dal Consiglio di Stato del Regolamento della Legge per le famiglie (Riforma cantonale fiscale e sociale).

Un «patto sociale» a 360 gradi, che coinvolge non solo gli enti pubblici e le famiglie, ma anche il mondo economico (imprescindibile se si parla di lavoro) e quello sindacale, che stando alle parole del direttore del DSS si è detto entusiasta delle misure che garantiscono «un miglior riconoscimento dei lavoratori».

In concreto, la riforma prevede un aumento del prelievo sulla massa salariale a carico dei datori di lavoro dello 0.12% inizialmente e dello 0.20% quando tutte le misure saranno adottate. Ciò che porterà nelle casse cantonali oltre 20 milioni di franchi supplementari. Soldi che permetteranno di agire con più strumenti, dall’assegno parentale, al sostegno alle famiglie, dal potenziamento del sostegno ai famigliari curanti alla sensibilizzazione aziendale: «L’importo non dev’essere visto come una tassa, ma come un investimento nelle risorse umane», ha sottolineato Beltraminelli.

La famiglia non è un ostacolo - Oltre alla compatibilità lavoro-famiglia, i motivi che hanno spinto ad adottare queste modifiche sono stati anche quelli di incentivare la famiglia (il Ticino è infatti il cantone svizzero con la più bassa natalità), rispettare l’aspetto territoriale (le strutture di prima infanzia sono maggiormente legate al luogo di lavoro e non di domicilio come la scuola dell’obbligo), una miglior socializzazione (ambiente accogliente è importante) e migliori condizioni di lavoro. Durante la conferenza stampa di presentazione, si è poi messo l’accento sui tre tipi di strutture di prima infanzia esistenti: i nidi (0-3 anni), i centri extrascolastici (durante la scuola dell’obbligo) e le famiglie diurne. Ognuno dei quali ha visto un incremento dell’utenza e di conseguenza dei costi.

Novità - Alcune novità saranno l’introduzione del concetto di micronido (per 5-10 bambini, di cui al massimo 4 con meno di un anno, aperti almeno 15 ore alle settimana), un maggior aiuto alle strutture attraverso dei sussidi e soprattutto un maggior aiuto alle famiglie, ognuna delle quali, dal 1° ottobre, beneficerà di un risparmio di 200 franchi. 530 franchi per chi beneficia dei sussidi di cassa malati, «siamo il cantone più generoso della Svizzera», mentre i beneficiari degli assegni di prima infanzia dovranno pagare solo i pasti dei figli che si recheranno nei nidi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
elvicity 1 anno fa su tio
si giusto, un padre di famiglia dovrebbe essere in grado di mantenere la sua famiglia. Forse se hai la 'fortuna' di avere un marito che ha un impiego in una struttura cantonale, statale ecc. questo è possibile. Ma a mio avviso è una battaglia persa caricare ulteriormente i datori di lavoro con nuove tasse. Già veniamo spremuti come degli aranci o limoni e ogni aumento lascia solo l'amaro in bocca.
skorpio 1 anno fa su tio
parole parole parole... e comunque è inutile mettere cerotti sulle arterie che sanguinano.... occorre agire prima. se ci fossero meno licenziamenti e condizioni migliori di lavoro, un padre di famiglia potrebbe e dovrebbe essere in grado di mantenere la famiglia che si è costruito, senza obbligare la moglie a lavorare, o viceversa. ma finché votiamo gente che sono direttori/membri.. di società, banche etc... non si risolverà mai niente..
skorpio 1 anno fa su tio
@skorpio tutti, ma dico tutti ad aprile non devono andare a votare!!
Ecthelion 1 anno fa su tio
E invece è proprio una tassa! Basta tasse!
pillola rossa 1 anno fa su tio
Per non dimenticare Argo1
siska 1 anno fa su tio
Auto convincimento delle buone intenzioni a specchio per le allodole in campagna pre elettorale, mancano sei mesi spero che queste persone non le veda più nemmeno in immagine sugli articoli di Tio. Poi sarà il popolo che deciderà io so già chi votare e NON votare.
roma 1 anno fa su tio
...e chi ci crede più?
biofa 1 anno fa su tio
inizia la campagna elettorale; sino ad aprile promesse poi......
santo 1 anno fa su tio
campagna elettorale e demagogia a-go-go

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-07 01:37:48 | 91.208.130.85