Segnala alla redazione
TI-PRESS SAMUEL GOLAY
Nuova esclusiva location per Locarno Garden la Mobiliare.
ULTIME NOTIZIE Pardo 2019
CANTONE
6 mesi
Si è concluso il Locarno Film Festival, il primo della direttrice artistica Lili Hinstin
L’edizione 2019, la prima sotto la direzione artistica di Lili Hinstin, riconferma le aspettative. Ieri sera in Piazza Grande è stato anche annunciato il Prix du Public UBS a Camille di Boris Lojkine
LOCARNO
6 mesi
«Il Festival di Locarno resti sempre libero»
Il presidente Marco Solari ha chiuso la 72esima edizione elogiando una delle caratteristiche principali del festival cinematografico. Al pubblico: «Siate vigili sempre»
FOTO E VIDEO
LOCARNO
6 mesi
Locarno premia la forza femminile rappresentata da Pedro Costa
È "Vitalina Varela" ad aggiudicarsi il Pardo d'oro della 72esima edizione del Locarno Film Festival. Pardino d'oro svizzero a Dejan Barac per "Mama Rosa"
TRAILER
LOCARNO
6 mesi
I premi e una chiusura asiatica
Oggi alle 21 è in programma la cerimonia di consegna dei riconoscimenti e ci sarà spazio anche per Tabi no owari sekai no hajimari
VIDEO
LOCARNO
6 mesi
È la grande serata di John Waters
In Piazza Grande il cineasta riceverà il Pardo d'onore Manor e verrà proiettato "Cecil B. Demented", ma anche "Adoration" di Fabrice du Welz
LOCARNO
6 mesi
A Ghezzi il primo premio dell'Utopia
Il Locarno Film Festival vuole omaggiare intellettuali e artisti che con il loro prezioso operato hanno reso realizzabile una grande utopia legata all'universo del cinema
INTERVISTA
CANTONE
6 mesi
Ghezzi: «Guardo poche serie tv, è un cinema che molte volte delude»
A Locarno72 abbiamo incontrato Enrico Ghezzi, critico cinematografico e scrittore, nonché padre di “Blob” e di “Fuori orario. Cose (mai) viste”, da tre decenni in onda su RaiTre
VIDEO
LOCARNO
6 mesi
Murer e Maradona in Piazza Grande
Prima il Pardo alla carriera al grande regista svizzero, poi il film sul Pibe de Oro e ancora "The Nest"
LOCARNO
6 mesi
Vengono in Europa a pulire le nostre case, ma quanta sofferenza nei loro occhi
Nelle Filippine, in un centro di formazione ai lavori domestici, le candidate pronte a partire si preparano alla nostalgia e ai maltrattamenti che potrebbero aspettarle oltremare.
LOCARNO
04.07.2019 - 12:420
Aggiornamento : 24.07.2019 - 08:59

Locarno Garden la Mobiliare si sposta al Castello Visconteo

La progettazione è stata curata da artisti provenienti da diverse regioni della Svizzera

LOCARNO - Nuova location, arte e un ristorante pop-up: così si presenta il Locarno Garden la Mobiliare 2019. Situato durante gli ultimi due anni nell’ex Parco Balli e diventato un luogo di ritrovo per i festivalieri, il Garden si sposterà per questa edizione - dal 6 al 17 agosto, dalle 18.30 alle 3 di notte - al Castello Visconteo, a pochi minuti a piedi da Piazza Grande e proprio accanto alla Rotonda di Piazza Castello. Quest’anno lo spazio realizzato insieme a la Mobiliare, partner principale del Locarno Film Festival, avrà come fil rouge le emozioni, motori dell’impegno e della collaborazione, odierna e futura, tra il Festival e la compagnia assicurativa nell’ambito delle sue attività di responsabilità sociale.

Ogni sera dalle 18 la chef e artista basilese Sandra Knecht offrirà un viaggio culinario all’insegna delle emozioni. Considerata un’alchimista dello slow food e del buon gusto, Sandra Knecht, accompagnata da Moritz Stiefel del ristorante gourmet Stiefels Hopfenkranz di Lucerna, servirà un menù di cinque portate appositamente creato per l’occasione. Sandra Knecht proporrà anche prelibatezze per uno spuntino.

Ad illuminare il Castello Visconteo saranno le installazioni dell’artista losannese Maya Rochat, vincitrice del Prix Mobilière 2019 che con la sua mostra alla Tate modern di Londra ha già suscitato un’eco internazionale. Il 12 agosto si esibirà dal vivo al Castello Visconteo.

Negli ultimi due anni l’artista e architetto zurighese Kerim Seiler ha conferito al Locarno Garden la Mobiliare un fascino particolare, realizzando un colorato padiglione. L’artista darà un tono fresco e inconfondibile anche alla nuova sede, realizzandone gli elementi strutturali.

Il collettivo Turba di Lugano con Carlotta Zarattini e Elise Lichtenstern curerà il programma di musica contemporanea durante il Festival: ogni sera DJ e band arricchiranno l’atmosfera del Locarno Garden la Mobiliare con la loro musica.

Il Locarno Garden la Mobiliare è stato creato in collaborazione fra la Mobiliare, il Locarno Film Festival e diversi creativi. «Come per tutti i nostri impegni sociali, il nostro obiettivo è quello di contribuire a modellare un futuro positivo», afferma Dorothea Strauss, responsabile Corporate Social Responsibility della Mobiliare. «Dopo il successo degli ultimi due anni, bloccati da un ricorso, abbiamo cercato alternative. Grazie alla collaborazione con il Municipio di Locarno, siamo felici di proporre questo nuovo progetto al Castello Visconteo. L’innovativo legame tra cultura, arte ed economia è reciprocamente vantaggioso e apre nuove strade per il Festival», afferma Raphaël Brunschwig, Direttore operativo del Festival.

A Locarno la Mobiliare offre anche una serie di talk in cui vengono discusse tematiche legate al futuro (Locarno Talks la Mobiliare: 15, 16 e 17 agosto allo Spazio Cinema).

Per la campagna Mobiliare di Locarno, il noto fotografo e regista Peter Lindbergh ha messo in scena professionisti della cultura: otto personalità che utilizzano le loro emozioni come ispirazione per il loro lavoro.

 

La 72esima edizione del Locarno Film Festival si terrà dal 7 al 17 agosto.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-21 13:25:29 | 91.208.130.85