Segnala alla redazione
tipress (archivio)
Il Presidente del Locarno Film Festival ha da subito messo l’accento sulla sostenibilità finanziaria della manifestazione
ULTIME NOTIZIE Pardo 2019
CANTONE
6 mesi
Si è concluso il Locarno Film Festival, il primo della direttrice artistica Lili Hinstin
L’edizione 2019, la prima sotto la direzione artistica di Lili Hinstin, riconferma le aspettative. Ieri sera in Piazza Grande è stato anche annunciato il Prix du Public UBS a Camille di Boris Lojkine
LOCARNO
6 mesi
«Il Festival di Locarno resti sempre libero»
Il presidente Marco Solari ha chiuso la 72esima edizione elogiando una delle caratteristiche principali del festival cinematografico. Al pubblico: «Siate vigili sempre»
FOTO E VIDEO
LOCARNO
6 mesi
Locarno premia la forza femminile rappresentata da Pedro Costa
È "Vitalina Varela" ad aggiudicarsi il Pardo d'oro della 72esima edizione del Locarno Film Festival. Pardino d'oro svizzero a Dejan Barac per "Mama Rosa"
TRAILER
LOCARNO
6 mesi
I premi e una chiusura asiatica
Oggi alle 21 è in programma la cerimonia di consegna dei riconoscimenti e ci sarà spazio anche per Tabi no owari sekai no hajimari
VIDEO
LOCARNO
6 mesi
È la grande serata di John Waters
In Piazza Grande il cineasta riceverà il Pardo d'onore Manor e verrà proiettato "Cecil B. Demented", ma anche "Adoration" di Fabrice du Welz
LOCARNO
6 mesi
A Ghezzi il primo premio dell'Utopia
Il Locarno Film Festival vuole omaggiare intellettuali e artisti che con il loro prezioso operato hanno reso realizzabile una grande utopia legata all'universo del cinema
INTERVISTA
CANTONE
6 mesi
Ghezzi: «Guardo poche serie tv, è un cinema che molte volte delude»
A Locarno72 abbiamo incontrato Enrico Ghezzi, critico cinematografico e scrittore, nonché padre di “Blob” e di “Fuori orario. Cose (mai) viste”, da tre decenni in onda su RaiTre
VIDEO
LOCARNO
6 mesi
Murer e Maradona in Piazza Grande
Prima il Pardo alla carriera al grande regista svizzero, poi il film sul Pibe de Oro e ancora "The Nest"
LOCARNO
02.04.2019 - 18:460
Aggiornamento : 24.07.2019 - 09:02

«Rimanere un festival competitivo o diventare di nicchia?»

Il quesito di Marco Solari in occasione del'avvicinarsi della 72esima edizione del Locarno Film Festival

LOCARNO - «Rimanere un festival competitivo a livello mondiale o accontentarsi di diventare un festival di nicchia? E a quale prezzo?» È questo il quesito posto da Marco Solari in occasione dell’Assemblea generale ordinaria del Locarno Film Festival svoltasi oggi.

Il Presidente del Locarno Film Festival ha da subito messo l’accento sulla sostenibilità finanziaria della manifestazione annunciando i prossimi passi volti a garantirne la stabilità finanziaria e ad assicurarne il suo continuo processo di professionalizzazione. «Nel 2000 il Festival conobbe una crisi artistica, finanziaria e operativa. Il suo futuro era in dubbio. Governo ticinese e Gran Consiglio decisero allora di mantenere l’alto livello culturale del Festival. Oggi, vent’anni dopo, alla vigilia di un nuovo messaggio in Parlamento si pone la stessa questione come nell’anno 2000».

Nel corso dell’incontro, l’Assemblea ha approvato i conti 2018 e il preventivo 2019. Ha eletto Edna Epelbaum, CEO di importanti sale cinematografiche svizzere, nel CdA della manifestazione, e preso nota dell’avvicendamento tra Marco Cameroni e Alain Scherrer, Sindaco della Città di Locarno, nel Consiglio Direttivo. La 72esima edizione – prevista dal 7 al 17 agosto – segnerà anche l’inizio della Direzione artistica di Lili Hinstin.

Leggero disavanto per il 2018 - Raphaël Brunschwig, Direttore operativo del Locarno Film Festival, ha in seguito illustrato l’esercizio 2018. Il Festival chiude l’edizione 2018 con un leggero disavanzo di circa 20’000 franchi, dunque in sostanziale equilibrio tra entrate e uscite, con un consuntivo di 13.3 milioni di franchi. Il preventivo della 72esima edizione prevede un budget di 13.4 milioni di franchi.

Apertura al pubblico del futuro - Lili Hinstin, Direttrice artistica del Locarno Film Festival, in questa occasione ha presentato il Comitato di selezione che l’accompagnerà nella concezione e nella preparazione del programma della 72esima edizione del Festival e ha illustrato il rapporto conclusivo su L’immagine e la parola, evento primaverile tenutosi al GranRex. La 72esima edizione sarà improntata su una crescente apertura al pubblico del futuro, i giovani – che da sempre sono al centro della programmazione – saranno facilitati nella partecipazione al Festival, che sarà investito dalla loro energia creativa.

Commenti
 
Fran 10 mesi fa su tio
Solari dovrebbe capire che è arrivato il momento di lasciare il posto. Nato nel 1944, intende di restare in carica fino alla tomba? 75 anni ci sembra davvero la soglia massima. Forza su! Cosa aspetta?
marco17 10 mesi fa su tio
Il festival dovrebbe cominciare per togliere di mezzo un presidente che ha fatto il suo tempo. Has been.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-20 05:28:35 | 91.208.130.87