Segnala alla redazione
ULTIME NOTIZIE Pardo 2019
CANTONE
2 mesi
Si è concluso il Locarno Film Festival, il primo della direttrice artistica Lili Hinstin
L’edizione 2019, la prima sotto la direzione artistica di Lili Hinstin, riconferma le aspettative. Ieri sera in Piazza Grande è stato anche annunciato il Prix du Public UBS a Camille di Boris Lojkine
LOCARNO
2 mesi
«Il Festival di Locarno resti sempre libero»
Il presidente Marco Solari ha chiuso la 72esima edizione elogiando una delle caratteristiche principali del festival cinematografico. Al pubblico: «Siate vigili sempre»
FOTO E VIDEO
LOCARNO
2 mesi
Locarno premia la forza femminile rappresentata da Pedro Costa
È "Vitalina Varela" ad aggiudicarsi il Pardo d'oro della 72esima edizione del Locarno Film Festival. Pardino d'oro svizzero a Dejan Barac per "Mama Rosa"
TRAILER
LOCARNO
2 mesi
I premi e una chiusura asiatica
Oggi alle 21 è in programma la cerimonia di consegna dei riconoscimenti e ci sarà spazio anche per Tabi no owari sekai no hajimari
VIDEO
LOCARNO
2 mesi
È la grande serata di John Waters
In Piazza Grande il cineasta riceverà il Pardo d'onore Manor e verrà proiettato "Cecil B. Demented", ma anche "Adoration" di Fabrice du Welz
LOCARNO
2 mesi
A Ghezzi il primo premio dell'Utopia
Il Locarno Film Festival vuole omaggiare intellettuali e artisti che con il loro prezioso operato hanno reso realizzabile una grande utopia legata all'universo del cinema
INTERVISTA
CANTONE
2 mesi
Ghezzi: «Guardo poche serie tv, è un cinema che molte volte delude»
A Locarno72 abbiamo incontrato Enrico Ghezzi, critico cinematografico e scrittore, nonché padre di “Blob” e di “Fuori orario. Cose (mai) viste”, da tre decenni in onda su RaiTre
VIDEO
LOCARNO
2 mesi
Murer e Maradona in Piazza Grande
Prima il Pardo alla carriera al grande regista svizzero, poi il film sul Pibe de Oro e ancora "The Nest"
LOCARNO
2 mesi
Vengono in Europa a pulire le nostre case, ma quanta sofferenza nei loro occhi
Nelle Filippine, in un centro di formazione ai lavori domestici, le candidate pronte a partire si preparano alla nostalgia e ai maltrattamenti che potrebbero aspettarle oltremare.
VIDEO
LOCARNO
2 mesi
Un premio al cinema ticinese e un'estate britannica
Dopo la consegna del riconoscimento a Fulvio Bernasconi in Piazza Grande verrà proiettato "Days of the Bagnold Summer"
FOTO
CANTONE
2 mesi
«Instinct ha diviso la Piazza? Bene, l'importante è che se ne parli»
Carice Van Houten dal “Trono di Spade” al Pardo per raccontare una storia che ha spaccato la platea: «Melisandre? Non mi somiglia per niente»
LOCARDO
2 mesi
Il cuore trafitto di Isadora Duncan
Il concorso internazionle presenta Les enfants d’Isadora, un film struggente e avvolgente a passo di danza. Un’immersione nel profondo.
LOCARNO
2 mesi
Annunciati i vincitori di Open Doors Hub e Lab
Il focus triennale 2019-2021 è incentrato sul Sud-Est asiatico
LOCARNO
2 mesi
La presentazione di Open Doors, quindi "Camille"
Un solo film sarà proiettato questa sera, la drammatica storia di una giovane fotoreporter
CANTONE
2 mesi
Tra i “talenti del futuro” scovati dal Festival c’è anche un ticinese
È di Enea Zucchetti l’unico cortometraggio selezionato "in casa" per la categoria “Pardi di domani”. Lui ha 23 anni e le idee in chiaro
CANTONE
14.03.2019 - 12:430
Aggiornamento : 24.07.2019 - 09:02

Da Blake a Black

Cambia la Retrospettiva del Locarno Film Festival di quest'anno: al posto dell'omaggio a Edwards ci sarà il viaggio nel cinema nero

LOCARNO - Rinvio con anticipo. Il Locarno Film Festival ha deciso di posticipare la risata di Blake Edwards e accendere una luce sul cinema nero. Un cambio di prospettiva e di Retrospettiva. La nuova Retro di Locarno72 si chiamerà così, Black Light, e perlustrerà i confini di un cinema che è molti cinema: il cinema nero.

La svolta è arrivata dagli Stati Uniti, da dove nelle scorse settimane è partita la richiesta della Blake Edwards Estate di rinviare la Retrospettiva del 2019 dedicata al genio della commedia hollywoodiana. Da qui la decisione del Festival: rinviare il presente e anticipare il futuro. Così la Retrospettiva immaginata e in cantiere per il 2020 diventa la nuova Retrospettiva di Locarno72: Black Light. Mentre il curatore Roberto Turigliatto continuerà a lavorare sulle prossime retrospettive in cantiere, il Locarno Film Festival è pronto ad accogliere i protagonisti di un secolo di cinema nero, raccolti dal curatore e autore indipendente, specialista del black cinema, Greg de Cuir Jr. A lui è stata affidata la curatela di Black Light, un viaggio nel '900 pronto a sconfinare negli esordi del XXI secolo che toccherà geografie opposte e autori agli antipodi.

Così come non si può parlare di una sola Africa, non si può parlare di un solo black cinema. La realtà, affondando le mani nella storia e tra le storie, è più complessa. La Retrospettiva di Locarno72 vuole oltrepassare il concetto di Black in quanto identità o problema sociale e indagare l’immaginario dei registi che hanno reinterpretato simili questioni – storiche e politiche – in diverse epoche e diversi luoghi. Strutturata come un'indagine eclettica, focalizzata principalmente sul ventesimo secolo, la Retrospettiva Black Light presenterà autori di culto, race movies degli anni ’20 e ’30, capolavori pionieristici e autori essenziali impegnati nella politica razziale di quell’epoca.

Lili Hinstin, Direttrice artistica del Locarno Film Festival, ha dichiarato: «Spesso mi viene posta la domanda sul genere (gender), mossa da quello straordinario movimento che è il #MeToo; penso però che la lotta contro la dominazione sociale debba andare oltre il combattimento delle sole donne e includere tutte le persone che non corrispondano alla supremazia del maschio bianco eterosessuale. Un concetto così recente come quello di "razza" - nato nel diciottesimo secolo - è parte di questa discussione ed è contemporaneo alla nascita e alla storia del cinema. Quello che il Locarno Film Festival vuole chiedersi e indagare, grazie a Black Light, è come gli artisti abbiano sviluppato la questione nera attraverso i film durante il ventesimo secolo».

La Retrospettiva curata da Greg de Cuir Jr sarà presentata in collaborazione con la Cinémathèque suisse e sarà arricchita da una pubblicazione edita in inglese e francese da Capricci.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 23:35:26 | 91.208.130.86