Segnala alla redazione
Foto Ti Press
L'OSPITE
14.09.2014 - 17:010
Aggiornamento : 24.11.2014 - 10:18

Aiutiamo la scuola dell’infanzia

di Marcella Bianchi

C’era una volta, una società dove le mamme potevano scegliere di fare la casalinga, mentre il papà andava fuori casa a lavorare; una società dove c’erano anche più nonni disponibili per dare una mano con i nipotini.

Oggi invece la situazione è molto cambiata. Esistono mamme che sfortunatamente non possono più fare una scelta. Mamme divorziate per esempio, che essendo obbligate a lavorare, spesso devo cercare una sistemazione per i bambini, fuori dagli orari scolastici.

Inutile elencare tutte le situazioni possibili immaginabili che inducono una famiglia ad affidare i bambini a terzi. Sarebbe però ingiusto non fare il possibile affinché ci siano strutture adeguate per accoglierli, e crescerli in luoghi idonei e da personale formato.

 

Oltre alle strutture parascolastiche, quello che ancor di più mi piace dell’ iniziativa “Aiutiamo le scuole comunali”, in votazione il prossimo 28 settembre, è l’abbassamento del numero di allievi per classe.

Ho visto sezioni della scuola dell’infanzia con 26 bambini! C’è già di che fare un monumento a certe docenti che si ritrovano confrontate con dei bambini “normali” (sono professioniste vero), ma pensate a tutti i bambini più sfortunati che portano con se o su di se storie difficili o che addirittura non parlano l’idioma locale. 26! Tutti i giorni. E in talune sezioni non si verificano mai assenze perché se entrambi i genitori non possono assentarsi dal lavoro anche se il bambino è malato deve andare alla scuola dell’infanzia. Ci sono sempre più problemi comportamentali, oppure di iperattività, bambini con handicap, che sono davvero speciali e arricchiscono l’esperienza scolastica di tutti!

 

Il mondo delle scuole dell’infanzia è il primo orticello per fare crescere i semi del futuro. Non si può dimenticare che anche il lavoro di queste docenti è cambiato, è più complicato e più logorante. Quindi meritano un aiuto supplementare. Questa votazione ci consente di favorire una misura a favore di tutti i bambini, e ancor di più per quelli in difficoltà che sicuramente ne trarranno beneficio sia durante la scuola dell’infanzia, sia al momento del passaggio alla scuola elementare.

 

Marcella Bianchi, Consigliera comunale PLR Mendrisio

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-16 02:35:42 | 91.208.130.86