Chrystian Barudoni
Ospite
06.03.2020 - 12:000
Aggiornamento : 13:15

Test Coronavirus! Perché a carico dei cittadini?

Chrystian Barudoni, Candidato Municipio e CC Ponte Capriasca, Lega dei Ticinesi/UDC/Indipendenti/Lista per Ponte

In questi giorni è stata pubblicata la notizia che il famoso «tampone », ovvero il test per rilevare il Coronavirus, sarà preso a carico dalle casse malati tramite la copertura obbligatoria LAMAL, a partire dal 4 marzo 2020.

Quello che però non è stato annunciato chiaramente è che, in quanto prestazione LAMAL, questo test è assunto previa detrazione della franchigia e dell’aliquota del 10%, che restano a carico dell’assicurato. Inoltre il test dovrà essere prescritto dal medico.

 Questo significa che, chi non ha ancora utilizzato la franchigia, soprattutto chi ha franchigia alta, dovrà pagarsi integralmente i 180.- del costo di questo importante mezzo di prevenzione.

In questo periodo di crisi, dove il nome Coronavirus spaventa molte persone, anche a causa di molte notizie allarmistiche comparse sui media, ritengo che Cantone e Confederazione avrebbero potuto fare di più per aiutare la popolazione. 180.- non sono molti, ma per alcuni nuclei famigliari, soprattutto numerosi, il costo potrebbe essere molto più elevato.

Una famiglia di 5 persone, a contatto con un possibile portatore di virus, con 3 figli maggiorenni, e franchigia elevata, si troverebbe a pagare 900.- per potersi sottoporre al test. Ecco che la cifra diventa importante e per alcuni nuclei famigliari del nostro Cantone, quasi impossibile da sostenere.

Nel 2019, la Banca Nazionale Svizzera ,  ha ottenuto un utile di esercizio di 49 miliardi di franchi. Di questi circa 4 miliardi saranno versati a Confederazione e Cantoni. (2 miliardi in più di quanto stabilito dalle convenzioni BNS/Confederazione)

Perché dunque non utilizzare una parte di questi utili per finanziare completamente il test?

Il Canton Ticino potrebbe impiegare parte di questo spettante per farsi completamente a carico del test, sgravando così le famiglie da un costo causato da una colpa non imputabile ai cittadini.

Abbiamo già subito la beffa delle imposte di circolazione che sono rimaste invariate rispetto agli anni passati (anzi aumentate), ed ora dobbiamo sobbarcarci dei costi per un test utile a tutti!

Se stimiamo che il 10% della popolazione Ticinese dovrà sottoporsi al test (35 mila persone), il costo ammonterebbe a 6.3 milioni di franchi a Carico del Cantone. Ad oggi non è noto quanto il Cantone riceverà da BNS, ma sicuramente almeno 10 volte tanto!

Purtroppo sia Confederazione che Cantoni hanno perso un’opportunità per dimostrarsi attenti alla popolazione. Peccato, peccato veramente.

Meglio utilizzare i soldi ricevuti in eccesso per finanziare rifacimenti di strade o per la salute pubblica?

A voi l’ardua sentenza!

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-28 13:57:41 | 91.208.130.87