Segnala alla redazione
TIPRESS
L'OSPITE
11.02.2020 - 06:000

Insieme per Porza: un movimento in movimento

Insieme per Porza

Dopo il sorteggio di ieri che gli ha assegnato il pettorale numero 1, il grande popolo di Insieme per Porza ha levato gli indugi e si è messo in marcia. Sotto insegne rinnovate nei colori e nella grafica per meglio rappresentare la pluralità delle sue anime, ma mosso dalla stoica perseveranza di sempre, IPP – il movimento civico trasversale nato nel 2008 e balzato agli onori della cronaca nel 2015 per aver salvato da una sconsiderata cementificazione il Pratone di Porza battendo l’asse PLR-PPD in una storica iniziativa popolare – si prepara a correre per le Comunali 2020 con due nutrite liste di candidati: 5 per il Municipio e ben 19 per il Consiglio comunale.

Come avranno fatto a Porza, prima dittatura pipidina e ora egemonia liberale? – si chiederà qualcuno. Quale sarà stata la loro ricetta in un momento di palese crisi dei partiti e dei linguaggi politici tradizionali qual è quello attuale?

La risposta crediamo sia questa: un impasto di volontà e speranza, condito da passione e voglia di fare. Negli ultimi quattro anni, il movimento, guidato da un manipolo di irriducibili – 1 Municipale (Siro Realini) e 5 Consiglieri comunali (Maria Raffaella Bruno Realini, Elena Bartesaghi Marabese, Silvestro Ocrelli, Marilena D’Amario, Raoul Barblan) non ha smesso di denunciare con coraggio le derive monarchiche di un esecutivo impegnato solo a “non” spendere per i cittadini, di spronare all’azione un legislativo imbelle, ridotto a fare mero esercizio d’alzata di mano quando non a sollecitare prebende, e di supplire al desolante vuoto culturale e comunitario del dormitorio a cinque stelle che è il nostro Comune con proposte autopromosse e autofinanziate diventate nel frattempo tradizione.

Il resto l’ha fatto il contagio delle idee. Lo stesso che ha mosso fiumi di persone a seguire Gandhi, Mandela, ma anche – su un registro più basso – gli organizzatori di Woodstock. Lo stesso che muove ora molti dei nostri figli a “scioperare” per il clima e non solo per non andare a scuola!

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-29 14:55:29 | 91.208.130.87