Segnala alla redazione
tipress (Archivio)
L'OSPITE
02.12.2019 - 17:000

Salario minimo? Sì, ma senza la libera circolazione! Sennò…

Lorenzo Quadri, Consigliere nazionale, Lega dei Ticinesi

di Redazione

Le difficoltà nel trovare un accordo sull’introduzione del salario minimo dimostrano quanto il Ticino sia impantanato a causa della devastante libera circolazione delle persone.

Per i ticinesi servirebbe un salario minino superiore alle cifre previste dal compromesso raggiunto in commissione della gestione del Gran Consiglio: un compromesso che di fatto non accontenta nessuno. Il rischio è che l’operazione si trasformi in un regalo ai frontalieri, col risultato di fomentare ulteriormente l’invasione da sud. E, come sappiamo, grazie al triciclo PLR-PPD-PSS (Verdi compresi), siamo già vicinissimi a quota 70mila permessi G.

Senza contare che il salario minimo è facilmente aggirabile. In particolare quando – e spesso è proprio questo il caso – sia chi assume che chi viene assunto proviene dal Belpaese. E quindi avanti con le percentuali taroccate, ovvero: assunzione formalmente al 50%, ma carico lavorativo reale del 100%!

Se si vive in Ticino…
Guadagnare 20 o 21 Fr all’ora se si vive in Ticino è una cosa. Se invece si vive in Italia la musica cambia. Eccome che cambia! Qualsiasi trattamento paritario tra ticinesi e frontalieri è destinato a creare favoritismi a vantaggio dei frontalieri. Questo a causa della grande differenza del costo della vita al di qua ed al di là del confine.

In più, non serve essere dei premi Nobel per l’economia per rendersi conto che il salario minimo rischia di spingere verso il basso le paghe ticinesi che sono superiori a questo minimo. Quindi: ticinesi più poveri e frontalieri più ricchi.

La trattenuta
Una soluzione equa sarebbe quella che fa sì che, a parità di costo per il datore di lavoro, il ticinese ed il frontaliere beneficiassero dello stesso tenore di vita. Questo vuol dire che entrambi ricevono il medesimo salario però, su quello dei frontalieri, per tener conto del minor costo della vita nel Belpaese, lo Stato procede ad una trattenuta. I soldi così prelevati confluiscono poi in un fondo da utilizzare per promuovere l’occupazione dei residenti.

Rischio boomerang
Una cosa è chiara: se il salario minimo non va di pari passo con la preferenza indigena,  rischia di trasformarsi in un boomerang per i ticinesi ed in un regalo per i frontalieri. Tanto per fare un esempio: qualche anno fa, quando già si discuteva di un salario minimo di 3000 Fr al mese, il Corriere di Como pubblicò in copertina, a tutta pagina, l’immagine di tre banconote da mille Fr, dipingendo la Svizzera come l’Eldorado. Eldorado solo per i frontalieri, ovviamente.

Via la libera circolazione!
Il salario minimo dovrebbe valere solo per i ticinesi, e dovrebbe essere più elevato di 20 o 21 Fr all’ora: perché con cifre del genere dalle nostre parti non si vive. Ma, in regime di libera circolazione delle persone senza limiti, un salario minimo per soli ticinesi “stimolerebbe” ulteriormente l’assunzione di frontalieri per pagarli meno.

Bisogna quindi impedire l’assunzione selvaggia di frontalieri a scapito dei ticinesi. In altre parole, bisogna ritornare alla preferenza indigena. Altrimenti non se ne esce!

Ci aspettiamo dunque che anche la sinistra rossoverde sosterrà l’abolizione della libera circolazione delle persone quando in primavera si voterà sul tema.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-05 20:29:43 | 91.208.130.87