Segnala alla redazione
TiPress - foto d'archivio
L'OSPITE
08.11.2019 - 19:000

I Giovani Liberali Radicali Ticinesi sostengono il ticket Merlini-Lombardi

Giovani Liberali Radicali Ticinesi

L’elezione dei due rappresentanti ticinesi al ballottaggio del Consiglio degli Stati del prossimo 17 novembre si preannuncia molto combattuta e il suo esito determinerà il peso del Ticino a Berna nei prossimi anni. Per difendere le particolarità del nostro Cantone in un contesto nazionale sempre più complicato, dove il panorama politico è sempre più pungente e polarizzato, non possiamo permetterci che agli Stati il nostro Cantone non sia rappresentato da chi porterebbe avanti gli interessi del nostro Cantone, oltre ogni steccato di partito. Il nostro Cantone ha bisogno di concordanza e credibilità. Serve quindi uno scatto d’orgoglio anche tra i giovani per garantire al Ticino soluzioni consensuali alla Camera alta, una riscossa liberaleradicale.

Una collaborazione efficace

Negli anni, la collaborazione tra Fabio Abate e Filippo Lombardi alla Camera alta ha portato molti risultati concreti per il nostro cantone, basti pensare ad AlpTransit e al secondo traforo del San Gottardo che ci hanno avvicinato e ci avvicineranno sempre di più ai nostri cugini d’oltralpe e a un’importante regione economica come quella di Zurigo dove si aprono opportunità incredibili anche per noi giovani in un contesto di livello internazionale. Giovanni Merlini – insieme a Filippo Lombardi – continuerebbe a rappresentare a Berna un Ticino rispettato e capace di farsi ascoltare.

Nella sua qualità di politico autorevole, qualificato e ben disposto a creare alleanze che superano i confini di partito, Merlini sarebbe in grado di promuovere efficacemente gli interessi del nostro Cantone e della minoranza italofona.

Dichiarazione del presidente dei Giovani Liberali Radicali Ticinesi, Daniel Mitric: “Sostengo Giovanni, perché sostengo la via bilaterale, che ha permesso alla Svizzera di essere un Paese che vanta una formazione ad alto livello, che partecipa ad un mercato del lavoro dinamico ed accessibile creando interessanti posti di lavoro e permettendo a molti giovani di poter fare esperienze all’estero in ambito professionale e accademico. Inoltre, voglio continuare a vivere in una Willensnation che continui a credere in una sostenibilità fatta di stimoli e innovazione, che garantisce quindi il senso di responsabilità individuale che ci contraddistingue, perché non sono tasse e divieti che ci aiuteranno a restare un Paese all’avanguardia. Nei prossimi 4 anni non dovremo dimenticarci dei temi “caldi”, come il futuro delle pensioni, il mercato del lavoro, la politica climatica e i costi della salute, che chiedono soluzioni e proposte concrete, e non idee per partito preso. Per questi motivi il prossimo 17 novembre #iovotoMerlini!”

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-14 21:33:09 | 91.208.130.89