Segnala alla redazione
ULTIME NOTIZIE Ospite
L'OSPITE
15 ore
GG si conferma il primo movimento giovanile a livello cantonale!
Generazione Giovani PPD Ticino
L'OSPITE
1 gior
Il vento del cambiamento soffia sul Ticino
ForumAlternativo
L'OSPITE
1 gior
L’alleanza rosso-verde vince con i giovani protagonisti!
Gioventù Comunista
L'OSPITE
3 gior
La grande illusione
Giorgio Giacomazzi, segretario di Lega Verde e candidato al Consiglio Nazionale
L'OSPITE
3 gior
Digitalizzazione per tutti, senza privilegi
Andrea Ghisletta, candidato al Consiglio Nazionale PS
L'OSPITE
4 gior
Anche gli over 50 hanno diritto al posto di lavoro
Alessandro Spano, candidato PLR al Consiglio nazionale
L'OSPITE
4 gior
Si può fare
Rocco Cattaneo, consigliere nazionale
L'OSPITE
4 gior
Per le famiglie e il ceto medio: freniamo i costi della salute!
Marco Romano, consigliere nazionale PPD, lista 1 candidato 2
L'OSPITE
4 gior
Basta sfruttare le donne
Olga Jackson, Verdi e Sinistra Alternativa - Donne Lista n.14
L'OSPITE
5 gior
A tutto (bio-) gas!
di Rodolfo Eric Wenner
L'OSPITE
5 gior
“Riforma sociale”: l’ennesimo ricatto a scapito dei cittadini!
Movimento per il Socialismo
L'OSPITE
5 gior
Alptransit, merci, capacità e finanziamento futuro
Bruno Storni
L'OSPITE
6 gior
Il privilegio di decidere
Leonardo Piero Gaetano Bussi, UDC Ticino
L'OSPITE
6 gior
Utili della BNS da usare a vantaggio dei cittadini
Lorenzo Quadri, Consigliere nazionale, Lista 8 candidato 2
L'OSPITE
6 gior
«Per una Svizzera libera, equa e verde»
Greta Gysin, Candidata Verdi e sinistra alternativa
L'OSPITE
13.09.2019 - 13:300

Posta e FFS. Ancora passi sbagliati

Associazione per la difesa del servizio pubblico

L’Associazione per la difesa del servizio pubblico ha preso atto, con viva preoccupazione, che il processo di liberalizzazione e di privatizzazione delle ex regie federali continua, malgrado le evidenti conseguenze negative che esse stanno provocando e le innumerevoli proteste da parte degli utenti. Due sono infatti le recenti decisioni in questo senso.

La prima riguarda le FFS. Come è noto, la qualità del servizio in questi anni è nettamente diminuita. Il rapporto dell’Ufficio federale dei trasporti, reso pubblico negli scorsi giorni, ha per esempio rilevato che 512 porte dei vagoni ferroviari erano difettate e pericolose, in seguito all’insufficiente lavoro di manutenzione. Ciò ha purtroppo provocato un grave incidente, in cui ha perso la vita un ferroviere. Le FFS sono pure sorde verso le proteste dell’utenza riguardo i ritardi dei treni passeggeri, gli annullamenti, l’affollamento, i prezzi eccessivi, malgrado il fatto che il settore passeggeri appartiene ancora totalmente alla Confederazione.

Il settore merci, oggetto della recente decisione, ha invece già subito una prima privatizzazione materiale, qualche anno fa, in occasione dell’istituzione di Cargo International, quando il 25% del capitale è stato ceduto all’azienda Bertchi. Il Consiglio federale ha ora comunicato che intende cedere ai privati il 35% del capitale di Cargo SA, a quattro aziende di autotrasporti: Planzer, Camion Transport, Galliker e Bertchi.

La motivazione invocata è incomprensibile: si tratterebbe, secondo il Consiglio federale, di promuovere il trasferimento del trasporto merci dalla strada alla ferrovia.

In realtà, si tratta semplicemente della cessione al privato dei settori maggiormente redditizi, in applicazione dei principi neoliberali.

La seconda decisione risale a pochissimi giorni fa. Il Consiglio degli Stati, con 19 voti contro 14, su proposta del Consiglio federale, ha respinto una mozione che chiedeva di adottare una moratoria sulla chiusura degli uffici postali, malgrado il fatto che molti parlamenti cantonali, tra cui il Gran Consiglio del nostro Cantone, abbiamo votato simili mozioni all’intenzione delle Camere federali e molti comuni abbiamo rivolto all’Autorità federale appelli intesi a impedire la chiusura dei loro uffici postali.

Con queste decisioni la Confederazione conferma di non voler cambiare la politica, in atto ormai da vent’anni, tendente a smantellare progressivamente il servizio pubblico.

Probabilmente un cambiamento di rotta, come è in atto in altri Paesi, sarà possibile soltanto attraverso il lancio di adeguate iniziative popolari.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 02:56:54 | 91.208.130.85