Segnala alla redazione
Tipress (archivio)
L'OSPITE
11.08.2019 - 14:000

Riflessioni sul salario minimo

Omar Wicht, consigliere Comunale Lugano

In questi giorni, una delle notizie che ha scosso il nostro Cantone, è il record di lavoratori frontalieri occupati sul nostro territorio. Da questo dato allarmante, confrontato con le numerose persone in Ticino senza un’occupazione, nascono o rinascono vecchi temi del passato, uno dei quali il famoso salario minimo di 4000.-.

A mio parere l’unica soluzione, che risolverebbe buona parte dei problemi, sarebbe un blocco immediato dei permessi G (anche provvisorio di 6 mesi o il tempo necessario), finché buona parte dei nostri disoccupati venga reinserita nel mondo del lavoro. Un salario di 4000.- mensili per chi lavora a tempo pieno, in primis non è sufficiente per far fronte alle necessità di una famiglia, in secondo luogo non scoraggerebbe l’assunzione di frontalieri, anzi, con semplici “giochetti” di assunzioni al 70 o 80 percento (per poi ricattare una persona e occuparla al 100), si ritornerebbe a un salario di 2500.-.

Si sa per un frontaliere equivale a tantissimo, confrontato ai 1000 euro di stipendio nazionale medio italiano. Nessuno avrebbe interessa a denunciare ai sindacati un eventuale abuso. A questo record di 66 mila frontalieri occupati in Ticino, se aggiungiamo i famosi Padroncini, che lavorano praticamente tutti in nero e le famose colf e baby sitter, potremmo praticamente giungere alla conclusione che dobbiamo mettere un freno all’invasione.

Ci vogliono delle misure e delle decisioni incisive, forti e decise, quella del salario minimo è un palliativo facilmente raggirabile, secondo il mio modesto parere non risolverebbe il problema, anzi lo complicherebbe.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-21 03:08:39 | 91.208.130.86