Segnala alla redazione
Ti Press
ULTIME NOTIZIE Ospite
L'OSPITE
7 ore
Coesione Nazionale: cugini poveri della Svizzera?
Tiziano Galeazzi, Deputato UDC in GC
L'OSPITE
11 ore
Il Ticino ha perso un tandem agli Stati
Rocco Cattaneo, Consigliere nazionale
L'OSPITE
13 ore
Femminismo e “Bella ciao”: un ossimoro
Stefano Rappi, Consigliere Comunale PPD di Agno
L'OSPITE
15 ore
Violenza: la prevenzione non è sufficiente
Giulia Petralli, Giovani verdi
L'OSPITE
15 ore
Violenza: la prevenzione non è sufficiente
Giulia Petralli, Giovani verdi
L'OSPITE
2 gior
Comunali 2020 a Lugano: il Plr è già in campagna
Omar Wicht, consigliere Comunale a Lugano
L'OSPITE
2 gior
Il traffico “parassitario” non può essere bloccato in modo unilaterale
Cleto Ferrari, Per Gambarogno
L'OSPITE
2 gior
Aeroporto di Lugano-Agno, sì ma proiettato al futuro
Giovanni Pedrozzi, Ingegner geotecnico
L'OSPITE
2 gior
Diplomi facili: non è cambiato nulla!
Mauro Damiani
L'OSPITE
3 gior
Ecco perché mi candido alla presidenza dell'UDC Città di Lugano
Leonardo Bussi - UDC
L'OSPITE
4 gior
17 novembre 2019: una data storica
ForumAlternativo
L'OSPITE
4 gior
5G: salute e libertà di scelta
Avv. Barbara Simona Dauchy, Locarno
L'OSPITE
5 gior
La persona al centro
Giovanni Merlini, candidato al Consiglio degli Stati
L'OSPITE
6 gior
Tredicesima AVS: la clamorosa ipocrisia della Sinistra
Lega dei Ticinesi
L'OSPITE
6 gior
L’unico voto utile: quello dal cuore
Cristina Gardenghi, deputata in Gran Consiglio per i Verdi del Ticino
L'OSPITE
1 sett
Riforma fiscale cantonale e posti di lavoro
Giovanni Merlini, Consigliere nazionale PLR/TI
L'OSPITE
1 sett
Un cambio di passo nella difesa degli interessi del Ticino
Leonardo Bussi, delegato UDC
L'OSPITE
1 sett
Dopo 171 anni, è tempo di cambiare
Manuele Bertoli, Consigliere di Stato
L'OSPITE
1 sett
17 novembre, due crocette da spendere bene!
Giorgio Fonio, Vicepresidente PPD
L'OSPITE
17.07.2019 - 15:230

Silenzi imbarazzanti

Collettivo R-Esistiamo

Quello preoccupante di Norman Gobbi che dopo le pesanti accuse lanciate al Collettivo REsistiamo e ai così definiti «immigrazionisti», si è ben guardato – stranamente, vista la sua martellante presenza sui social - di rispondere al comunicato in cui viene smontato il suo farneticante intervento e gli vengono attribuiti legami vicini agli ambienti di estrema destra.

Quello vago di Raffaele De Rosa che alla nostra richiesta d’incontro, non ha mai risposto, rimbalzando tutta la questione sui propri funzionari, probabilmente impossibilitati/e a trovare una risposta «politica» alla questione.

Quello imbarazzato e agitato dei funzionari del DSS che, per la seconda volta nel giro di pochi giorni, hanno annullato un incontro con il Collettivo in quanto, tra le varie scuse balbettate (nomi non forniti e mancanza delle tematiche, poi puntualmente inoltrate), «non si dicono in grado di rispondere alle nostre domande», in quanto la chiusura del bunker sarebbe una questione «politica» e non «tecnica».

Quello sorprendente di Filippo Lombardi, che, dicendosi d'accordo con le politiche migratorie di Gobbi, si dimentica di chinarsi sulle condizioni in cui giacciono delle persone in un bunker, tralasciando gli alti silenzi imbarazzanti di tutta una classe politica.

Silenzi che mascherano una pesante e vergognosa situazione di omissioni, mancanze, vendette e persecuzioni che dimostrano un vuoto istituzionale, una pochezza d’idee e una banalità disarmanti e il timore nell’assumersi delle responsabilità concrete di fronte a quella che sempre più, volenti o nolenti, sarà la situazione con la quale ci dovremo confrontare nei prossimi anni.

Nel mentre la situazione nel bunker di Camorino non accenna a migliorare, anzi.

Sempre sette le persone presenti: una in arrivo e una in «partenza». La Wi-Fi tanto cara all'onorevole Gobbi è stata definitivamente tolta e lunedì mancava pure la luce in alcuni locali. Tutti quanti sono molto provati e demoralizzati; ad esempio un signore, in Svizzera da 24 anni e da vari mesi rinchiuso nel bunker, da tempo non esce e si alza solo per lo stretto necessario. E come se non bastasse al medico ancora non è concesso l'entrata, in una condizione generale sempre più deprimente e imbarazzante.

La persona «in partenza» è stata trasferita per un vecchio fermo amministrativo – guarda caso intimato solo adesso - nel carcere del Canton Soletta. Per lui nei giorni scorsi era stato esplicitamente richiesto, sulla base di un certificato medico, il trasferimento dal bunker in un alloggio più confacente, certo non in una prigione, E’ stato prelevato lunedì mattina dalla polizia cantonale, mentre la funzionaria del DSS dal dito medio facile dichiarava che per il suo status non poteva essere spostato. Coincidenza perlomeno strana ma assolutamente non casuale.

Per fare chiarezza e rendere pubbliche le domande che avremmo voluto porre durante l’incontro - con sempre lo stesso obiettivo politico, la chiusura del bunker – le riproponiamo di seguito:

1) Il bunker sarà immediatamente chiuso?

2) Le persone lì rimaste saranno immediatamente trasferite?

3) Nei vari centri d'accoglienza, sarà possibile far entrare quotidianamente i medici che seguono le persone che vivono nelle strutture per verificare il loro stato di salute?

4) Sarà possibile introdurre interpreti che almeno 4 volte alla settimana si rechino ai centri d’accoglienza per raccogliere esigenze e bisogni di che è dentro?

5) Sarà possibile richiedere agli infermieri dei centri comunicare i nomi dei farmaci che somministrate? E possibilmente non solo essere informati ma anche scegliere quale terapia farmacologica intraprendere?

6) Sarà possibile consultare il mandato (anche quello rinnovati annualmente) affidato dal Cantone alla Croce Rossa per la gestione dei centri di accoglienza, così da verificare i compiti loro assegnati?

7) Sarà possibile vedere com’è stata supervisionata la Croce Rossa in questi anni in tutti i centri d’accoglienza?

8) Sarà possibile verificare i regolamenti interni della Croce Rossa per comprendere perché è negato l’accesso ai centri a persone amiche ivi alloggiate o almeno comprendere i criteri di «selezione» su chi può entrare e chi no?

9) Sarà possibile fornire un lavoro alle persone in richiesta d’asilo a condizioni più dignitose di quelle attuali che rasentano lo sfruttamento?

10) Sarà possibile vedere il documento che regolarizza tale tipologia di assegnazione di lavori socialmente utili?

11) Sarà possibile vedere il mandato assegnato al Soccorso Operaio per la gestione delle persone in richiesta d’asilo nell’assegnazione dei lavori, degli appartamenti, delle casse malati, ecc.?

12) Sarà possibile aumentare quanto è dato a chi si trova in aiuto d’emergenza?

13) Sarà possibile vedere e verificare il mandato assegnato alle agenzie di sicurezza per i cosiddetti centri di accoglienza?

14) Sarà possibile verificare il regolamento e il documento di assegnazione dei compiti alla polizia per i casi di rimpatri?

15) Sarà possibile “un’amnistia” per le persone definite «Non Entrata in Materia» che vivono nel limbo da anni, in quanto non hanno ricevuto lo status di «rifugiati» ma non possono tornare nel loro paese d’origine?

16) Chi è attualmente il responsabile della situazione del bunker di Camorino visto che la Croce Rossa non lo è più? Il DSS, il Dipartimento Istituzioni, i Securitas, la polizia cantonale?

In generale le condizioni nel bunker sono note ormai a tutti e tutte: una petizione firmata da un centinaio di medici che ne chiede la chiusura per ragioni mediche è stata inoltrata a marzo alla cancelleria del Cantone. Pensiamo quindi che occorra veramente alzare la pressione, in quanto risulta evidente che la situazione è sempre più insostenibile e che quel bunker vada chiuso!

Vorremmo estendere un invito anche a tutte quelle associazioni e collettività che si dicono sensibili su questa tematica a prendere posizione e a organizzarsi per far sentire la propria voce, per raggiungere tale obiettivo. Che per noi non si limita solamente alla chiusura ma a una generale visione «altra» rispetto alle politiche migratorie e d'accoglienza, che si collocano nella dignità e nella possibilità di autodeterminarsi nel luogo in cui ognunx sceglie di vivere e di raggiungere.

Diventa quindi essenziale riconoscere il meccanismo perverso e razzista delle attuali politiche migratorie istituzionali e del sistema disumano e indegno dei «centri di accoglienza». E non è solo cercando di rendere più «umana» l’accoglienza ma è anche e soprattutto lavorando a un intervento alla radice che permetterà di creare nuove condizioni che, partendo dalla libertà di circolazione per tutte e tutti, comprendano la possibilità di restare dove si vuole, arrivando fino all’estensione dei documenti per tutte e tutti.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-23 01:18:58 | 91.208.130.85