mobile report Segnala alla redazione
Tipress
OSPITE
05.12.2018 - 15:500

Quella volpe di un cancelliere

Lega dei Ticinesi

Affidare il compito di trovare le soluzioni a chi ha creato i problemi col senno di poi non è stata una bella mossa. Un po’ come mettere la volpe a guardia del pollaio. Oggi infatti si viene a sapere che il Cancelliere dello Stato PLR “Apero riche” Giampiero Gianella si auto-firmava gli aumenti di stipendio senza nemmeno informare il Governicchio.

Secondo la nota a protocollo 28/1999 firmata dallo stesso Gianella in data 17.05.1999 lui aveva diritto a rimborsi per franchi 5mila all’anno. Tre giorni dopo, il 20.05.1999 scriveva all’ufficio stipendi esigendone invece 6mila! 1'000 franchetti dei contribuenti prelevati illegalmente per un totale di 12'000 franchi! Il tutto a sua firma e senza informare il Governicchio, che è venuto a saperlo solo nel 2005 (con una segnalazione poi finita nel dimenticatoio fino a poco tempo fa).

Ecco svelato l’andazzo che ben fa capire come mai si è giunti al caso dei rimborsi, dove va ricordato, ancora una volta, mentre una nota a protocollo che riguardava i rimborsi dei Consiglieri di Stato veniva fatta approvare formalmente, una seconda, che riguardava sempre lo stesso Gianella, su sua iniziativa veniva addirittura tenuta nascosta!

La lezione è che niente provoca più danno in uno Stato del fatto che i furbi passino per saggi.

Tags
stato
volpe
gianella
rimborsi
cancelliere
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-12-17 07:01:34 | 91.208.130.87