Tipress
L'OSPITE
15.10.2018 - 12:000

Turismo: serve una prospettiva globale

Elia Frapolli, direttore di Ticino Turismo

È uno dei settori ad essere mutati di più negli ultimi anni. Forse perché è un fenomeno sociale ancor prima che economico. Il turismo crea indotto ma non tratta di beni immateriali, di meri numeri: si occupa dell’accoglienza di persone vere, vive e reali. Persone che negli ultimi anni, complice anche l’emergere delle nuove tecnologie, sono diventate sempre più competenti, esigenti e selettive. Oggi non è più immaginabile vendere solo camere o proporre le classiche visite guidate. Sono nati nuovi modi di fare vacanza, nuovi concetti di ospitalità che rendono i flussi turistici sempre più mobili e fluidi. Basti pensare al fenomeno Airbnb, letteralmente esploso anche in Ticino negli ultimi anni, oppure al successo del “glamping”, ovvero la possibilità di pernottare in un campeggio di lusso dotato di tutti i più moderni comfort.

Di fronte all’emergere di queste nuove forme di accoglienza, analizzare l’andamento del turismo in Ticino basandosi unicamente sulle statistiche alberghiere sarebbe fuorviante.
Secondo i dati forniti dagli analisti di AirDNA, a fine anno Airbnb avrà generato in Ticino un numero di pernottamenti superiore alle 350'000 unità. L’aumento è stato esponenziale dal 2015 a oggi, tanto che questa “fetta” di mercato, oltre a sommarsi ai già eccezionali dati dei pernottamenti alberghieri 2016-2017, quest’anno è andata a compensarne la diminuzione. A cambiare sono quindi gli equilibri tra un’offerta e l’altra, tra alberghi e Airbnb.

Bastano dunque questi due dati per decretare lo stato di salute del turismo ticinese? Ancora no. Il monito è arrivato forte e chiaro dallo Studio sull’impatto economico del turismo in Ticino presentato tre anni fa dal Dipartimento delle finanze e dell’economia. Un’indagine che,
per la prima volta nel nostro Cantone, ha analizzato l’andamento del settore tenendo conto di tutte le sue componenti. I pernottamenti totali che si registrano annualmente in Ticino sono circa 8,2 milioni. Il segmento alberghiero rappresenta circa un terzo della fetta (28%), mentre il resto dell’offerta è costituito da altre tipologie di strutture ricettive.

Ma anche tenendo conto di tutti i pernottamenti annuali, ancora non è possibile disporre di un quadro nitido della situazione. Lo hanno ribadito, la scorsa settimana, sia il presidente di Hotelleriesuisse Ticino Lorenzo Pianezzi che il presidente di GastroTicino Massimo Sutter. Il primo ha parlato della fiducia che si respira tra gli operatori, testimoniata dai numerosi investimenti alberghieri effettuati negli ultimi anni. Il secondo ha definito “quantité négligeable” i pernottamenti alberghieri, invitando a una riflessione più ampia che tenga conto di altri parametri come il turismo di giornata. Sempre secondo lo studio poc’anzi citato ogni anno sono circa 4,2 milioni gli ospiti di giornata, ognuno dei quali spende giornalmente circa 90 franchi al giorno.

Quello espresso in queste righe non è un invito a pensare che tutto nel turismo stia andando a gonfie vele. Molti sono i dossier aperti sul tavolo, tra cui quello relativo ad Airbnb, fenomeno sul quale il nostro Paese non dispone ancora di un quadro legislativo uniforme. Resta ancora tanto da fare a livello politico per garantire un equo trattamento con gli albergatori, sottoposti a molti oneri e vincoli normativi. Allo stesso modo, dobbiamo ancora migliorare in ambiti come la mobilità, l’infrastruttura e la cultura turistica.

Molto resta da fare, sì, perché il turismo siamo noi. Nessuno escluso.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-04 16:44:12 | 91.208.130.89