Segnala alla redazione
Facebook - GUDC Ticino, Diego Baratti
L'OSPITE
12.09.2018 - 12:160

Votazioni del 23 settembre 2018: per l’UDC Ticino un NO su tutta la linea

UDC Ticino

Votazione cantonale – NO alla “scuola che verrà”

Ovviamente, essendo stato il referendum contro la sperimentazione denominata “La scuola che verrà” lanciato in prima linea proprio dall’UDC, la raccomandazione di votare NO è implicita e automatica. Fra gli elementi emersi dalla discussione, il costante aumento dei pareri contrari che appaiono nei media a opera di docenti ed ex-docenti, quindi più che autorevoli e degni d’attenzione.

Votazioni federali – 3 x NO all’unanimità

Controprogetto diretto all’iniziativa “per la bici”: il comitato cantonale condivide l’opinione del partito nazionale, secondo cui, in primo luogo, il tema non è d’importanza tale da meritare d’essere inserito nella Costituzione federale; in secondo luogo, la competenza dello sviluppo delle reti di piste ciclabili deve rimanere di competenza di cantoni e comuni che - oltre a essere di regola più parsimoniosi nello spendere il denaro pubblico in quanto controllati più da vicino dai contribuenti – meglio della Confederazione conoscono le necessità e i desideri dei loro cittadini a questo riguardo.

Iniziativa per alimenti equi – La proposta è stata considerata dirigista, statalista e avente per conseguenza un rincaro dei costi delle derrate alimentari, a danno dei consumatori ma, alla fine, anche degli agricoltori che, d’altronde, sono loro stessi in gran parte contrari.

Iniziativa per la sovranità alimentare – Questa iniziativa è stata giudicata ancora più estrema, in quanto presume dei controlli di qualità da effettuare non solo sul territorio nazionale, bensì anche all’estero; inoltre, per garantire un reddito “equo” ai contadini, occorrerebbe aumentare sensibilmente l’ammontare dei sussidi, il che andrebbe a ripercuotersi sui prezzi al consumo, con ulteriore spostamento degli acquisti oltre confine.

Votazione del 25 novembre sull’iniziativa per l’autodeterminazione

Pur non essendo oggetto della prossima votazione, il comitato cantonale ha poi anticipato la decisione concernente l’iniziativa popolare federale “per l’autodeterminazione” che – anche qui un’ovvietà, vista la paternità UDC dell’iniziativa ma, soprattutto considerando l’importanza vitale della posta in gioco per la sopravvivenza della Svizzera quale nazione libera e indipendente – ha ricevuto il sostegno unanime dei presenti. Questa decisione costituisce in qualche modo il prologo della campagna di voto, nella quale UDC Ticino impegnerà tutte le sue forze.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-20 01:56:55 | 91.208.130.87