mobile report Segnala alla redazione
L'OSPITE
11.07.2018 - 07:000

Coldrerio: il seme verde è ben radicato nella nostra popolazione

Matteo Muschietti – dicastero ambiente Coldrerio

Durante l’ultimo consiglio comunale è stata presentata una mozione per sostenere l’acquisto di filtri contro le polveri sottili prodotte da impianti di combustione a legna. La promotrice di questo atto parlamentare è stata Claudia Soldini Galetta del gruppo Progressisti, firmata pure da parte dei rappresentanti del gruppo Liberale e del PPD.

Il testo della mozione recita che nella nostra regione il problema delle alte concentrazioni di polveri sottili nell’aria è molto sentito e sono conosciuti i gravi rischi per la salute che queste possono comportare. In inverno, col freddo e il maggior uso degli impianti di riscaldamento, i valori limite permessi dall’ordinanza federale contro l’inquinamento atmosferico( OIAT) sono sistematicamente e ampiamente superati. Il legno è un’importante fonte energetica rinnovabile. La sua combustione per il riscaldamento delle economie domestiche produce però molte polveri fini. La lotta allo smog va combattuta a più livelli e in maniera globale, perché allora non cercare anche di limitare le emissioni dai caminetti privati?

Oggi esistono dei filtri molto performanti (grado di depolverazione fino al 95%) che permettono di abbattere le polveri sottili emesse dai piccoli impianti di combustione a legna (caminetti, stufe, impianti di riscaldamento centralizzato con ciocchi, cippato o pellet), migliorando così significativamente la qualità dell’aria a livello locale. Ricordo che a Coldrerio esiste un impianto centralizzato con cippato che riscalda tutte le infrastrutture comunali dotato da filtri per le polveri fini. Di questo problema chi scrive fece partecipe il Municipio con un rapporto dettagliato che spiegava la situazione nei mesi invernali dello smog prodotto per l’accensione dei caminetti. Il Cantone aveva espresso nel suo rapporto che le polveri fini qui nel Mendrisiotto, oltre al traffico, erano in gran parte prodotte anche dal riscaldamento con legna non adeguata e dalla mancanza di filtri nei caminetti delle economie domestiche. I mozionanti chiedono al Municipio di incentivare tra la popolazione l’istallazione di un filtro antiparticolato, inserendo nel regolamento riguardante i contributi relativi a energia e ambiente un sussidio per i cittadini che installano tali filtri sui propri impianti, con una valutazione approfondita dell’impatto finanziario sui conti del Comune.

Sono veramente soddisfatto di questo atto parlamentare firmato unitamente da tutte le forze politiche che operano a Coldrerio. Secondo il mio parere, questo atto doveva essere fatto dal Cantone per i comuni di tutto il Mendrisiotto, regione a forte rischio per le nano polveri. Qualcuno doveva pur iniziare ad evidenziare questo problema, lo ha fatto Coldrerio, comune all’avanguardia in politiche ambientali da 40 anni, da quando è stato costituito il Dicastero Ambiente. Si può dire che il seme verde sta germogliando nella sua pienezza per migliorare la qualità dell’aria e dare una vita migliore a tutti gli abitanti.

Potrebbe interessarti anche
Tags
coldrerio
polveri
filtri
impianti
riscaldamento
caminetti
polveri fini
seme
combustione
legna
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-12-19 15:26:50 | 91.208.130.86