ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
55 min
Francesca De André: «Non voglio dare una seconda opportunità»
La 29enne ha fatto sapere di non avere alcuna intenzione di riallacciare i rapporti con la sua famiglia, neanche con la sorella Fabrizia
REGNO UNITO
1 ora
Hugh Grant prende in giro la video-parodia di Johnson
Il premier si è messo nei panni di un personaggio di Love Actually per promuovere le sue iniziative
ITALIA
3 ore
Bianca Guaccero arrabbiatissima: «Nessun litigio»
Secondo alcune testate la conduttrice avrebbe litigato con il collega Jonathan Kashanian
STATI UNITI
3 ore
«Non posso andare a correre in palestra, piuttosto preferisco morire»
La supermodella Gigi Hadid ama dedicarsi ad attività sportive all'aria aperta
ITALIA
5 ore
Clarissa Marchese ha già scelto il nome della figlia
L'ex Miss Italia lo svelerà il 2 gennaio
VIDEO
STATI UNITI
5 ore
Lenny Kravitz canta per i diritti umani
La star unisce musica e impegno con “Here To Love (#fightracism)”
STATI UNITI
7 ore
Juice WRLD morto mentre il suo aereo veniva perquisito
L'autopsia non ha svelato le cause ufficiali del decesso. Il rapper però avrebbe ingurgitato una grande quantità di pillole per nasconderle alle autorità
ITALIA
7 ore
Beatrice Valli, gravidanza terribile
«Sto male, sto soffrendo» ha rivelato l'influencer
FOTO
LUGANO
11 ore
Dal Ticino a Roma per essere premiata da Mogol
Matilde Casalini ha ricevuto una borsa di studio da Giulio Rapetti, sabato sera durante la finale del Tour Music Fest
STATI UNITI
11 ore
Kim Kardashian minaccia di licenziare la sorella Kourtney dal reality di famiglia 
Ci sarebbero delle divergenze su quanti aspetti della propria vita mostrare al pubblico
STATI UNITI
20 ore
Mark Ruffalo, crisi superata grazie ad Anne Hathaway
È avvenuto durante il primo giorno delle riprese di "Dark Waters"
CUGNASCO
28.08.2012 - 08:170
Aggiornamento : 24.11.2014 - 19:15

Luka Rude Boy e il pallino per la birra fatta in casa

CUGNASCO - Galeotto fu il luppolo che una volta varcata la soglia della casa di Luka Rude Boy, non l’ha più lasciata gettando le basi di quella che in 15 anni è diventata una sorta di carriera parallela. Vivrai anche di musica e spettacolo ma la tua passione ti sta lentamente trasformando in un vero e proprio mastro birraio, com’è nata la Rud Bir? “Sin da piccolo sono un amante della birra, non nel senso che la consumavo ma perché a casa qualcuno beveva solo quella. E poi sono un chimico, va da sé che ho una certa dimestichezza con vetreria e alambicchi. Sommando passione e chimica il risultato è stata la produzione casalinga. È dal ’95 che mi faccio la birra a casa.

Lascerai il mondo dello spettacolo per lanciarti totalmente in questa attività?
"Non credo, lo faccio per passione, la produzione rimarrà piccola e limitata, è vero che agli amici piace ed è sempre più richiesta ma al massimo mi sposterò in un luogo più spazioso"

Rud Bir, il nome è ovvio…
"Rude Boy è il mio nickname,  così sono conosciuto sia in radio sia sui palchi: da Rude Boy a Rud Bir il passo è stato breve. Suona bene e mi rispecchia: un po’ come me, la mia birra ha qualcosa di grezzo, insomma non è champagne".

In effetti…la più chiara delle tue birre porta il nome di Pisadagatt… cosa mi dici delle tue creazioni?
"Il fatto di fare le birre a casa e di non essere mai contento mi spinge a sperimentare, è vero: adesso mi sto standardizzando su alcune birre ma in realtà ogni cotta è una birra diversa dall’altra".

Le fai anche su misura vero?
"Ho un impianto così piccolo che mi permette di fare cotte personalizzate, mi è già capitato di farlo per aziende, gruppi d’amici, associazioni: vengono la prepariamo, una volta cotta  e imbottigliata  se la portano via".

Cosa mi dici del principio kilometro zero?
"L’anno scorso sono riuscito a fare la birra più autartica che ci sia: c’era l’acqua di Cugnasco, il lievito di una bio coltura ticinese, la segale comprata alla Colombera e il luppolo selvatico colto sulle rive del Riarena e i monti di Ditto. Manca un po’ l’orzo, però è vero che il km zero, là dove si può, cerco di rispettarlo; anche in sede di distribuzione: chi può viene a prenderla a casa, i mercatini li faccio solo nel locarnese, raramente la mia birra ha varcato il Ceneri, quando l’ho fatto, scherzosamente, ho messo sulla bottiglia l’etichetta export".

Quanta ne produci?
"Ho avuto un grosso exploit  proprio quest’anno, perché ho comprato un impianto che mi permette di produrre 50 litri di birra a volta. Niente rispetto ai mille prodotti a Stabio, ovvio. Il mio è proprio artigianato: ogni birra la imbottiglio, ci metto l’etichetta. L’idea era di fare 50 litri al mese, giusto per farla assaggiare, in realtà sono diventate un paio di cozze a settimana".

La base del tuo mondo di alambicchi?
"Sono da un amico, ha una bella casa grande, quelle di una volta. Gentilissimo mi ha lasciato un locale a disposizione.  Vista la posizione - è a Cugnasco un po’ in collina- è il birrificio ticinese che gode del panorama migliore".
 
Curiosi?
"Le birre: Pisadagatt, Megacotta, Linea Rossa e Autarchia saranno insieme a Rude Boy ad Ascona il primo di settembre in occasione di “Gusta il Borgo”. Altrimenti: luka.ferrara@gmail.com


 

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-10 17:55:28 | 91.208.130.89