Immobili
Veicoli
ULTIME NOTIZIE People
REGNO UNITO
2 ore
È morto Andrew Fletcher dei Depeche Mode
Il tastierista si è spento all'età di 61 anni
ITALIA
5 ore
Michelle Hunziker, Giovanni Angiolini e quell’annuncio che ancora manca
Dopo due mesi la relazione resta non ufficiale e lei direbbe agli amici di essere single
REPUBBLICA DOMINICANA
7 ore
È morto Ray Liotta, quel «bravo ragazzo»
L'attore aveva 67 anni, è deceduto nel sonno mentre si trovava nella Repubblica Dominica per le riprese di un film
REGNO UNITO
8 ore
Aggressione sessuale, incriminato Kevin Spacey
Sono tre gli uomini che accusano il due volte premio Oscar
ITALIA
10 ore
Francesca Neri: «Mia madre non mi amava, ma l’ho perdonata»
L’attrice ha parlato della sua infanzia e del rapporto con il marito Claudio Amendola
STATI UNITI
13 ore
Il processo Depp-Heard potrebbe essere un vero punto di svolta
In positivo, superando lo stigma sui maschi vittime di violenza domestica, o in negativo con la morte di #MeToo
SVIZZERA
16 ore
Al mattino gli esami, alla sera una pioggia di premi
La 19enne sangallese ha fatto incetta di riconoscimenti: miglior cantante donna e miglior canzone
ITALIA
1 gior
Martina Colombari: «Discriminata in passato per la mia bellezza»
L’ex Miss Italia sulla sua avvenenza: «Body shaming al contrario, mi ha creato dei problemi sul lavoro»
ITALIA
1 gior
Marracash ed Elodie, un amore anticonformista
Il rapper: «La nostra non è una relazione come la si intende là fuori»
STATI UNITI
1 gior
Kate Moss in tribunale per difendere Johnny Depp
L'ex top model ha dichiarato che l'attore non era coinvolto nella caduta dalle scale
STATI UNITI
1 gior
Steven Tyler finisce in riabilitazione
Di conseguenza il tour degli Aerosmith è stato rimandato
STREAMING E VIDEO
CANTONE
1 gior
«Diamante è quello che sono adesso»
Antonio Di Nuzzo presenta il suo nuovo alter ego musicale, e lo fa con il singolo "Stupide paure"
People
24.03.2010 - 08:240
Aggiornamento : 25.11.2014 - 09:22

L'intervista: "Quella volta che venne a fare gratis la valletta in TSI"

Joyce Pataccini, storica produttrice della ex TSI, ci racconta di Mina e della sua partecipazione a "Il Calderone", dove la celebre cantante decise - per amicizia - di fare la valletta muta. Le foto di quel programma. Domani la voce d'Italia compie 70 anni

LUGANO - Prendete una diva della canzone, primadonna della tv (la RAI) che decide di rinunciare a un contratto televisivo, probabilmente milionario, per andare in una tv svizzera (la TSI) a fare la valletta. Per lo più gratis. Solo una come Mina poteva rendersi protagonista di una "follia" simile, tanto da finire in prima pagina sul più importante settimanale italiano, Tv Sorrisi e Canzoni, (vedi foto allegate) che con toni allarmistici scriveva "Esclusivo: Mina fa la valletta".

Era il 1970. Lo spettacolo si chiamava "Il Calderone". Era presentato da Paolo Limiti. Di quel programma non è rimasta traccia negli archivi della TSI. In quel periodo per poter risparmiare sull'acquisto della pellicola si usava lo stesso nastro per registrare più trasmissioni. Esistono solo alcune fotografie che vi proponiamo in questo servizio (vedi foto allegate). La produttrice del programma era Joyce Pattacini, un nome storico dell'intrattenimento della TSI. Sue sono alcune tra le più belle trasmissioni musicali. Ed è lei che ci racconta come fu facile avere Mina come valletta.

"Mina è sempre stata una donna dotata di grande ironia, e soprattutto con un forte senso dell'amicizia. Fu proprio per amicizia che decise di venire a fare la valletta in RSI. Quell'anno decisi di chiamare Paolo Limiti per presentare un gioco a  quiz. Limiti era, ed è tuttora, un paroliere molto noto, e in quegli anni aveva scritto per Mina delle canzoni bellissime. Fu per amicizia nei suoi confronti che Mina decise di venire a fare la valletta. E per lo più muta. Non prese nemmeno una lira. Forse solo un cesto di fiori. Questo dimostra la sua grandezza umana".

Non si stupì di questa sua decisione?
"Conoscendo Mina non ci si puo' stupire. Queste genialità le può fare solo lei. Lei è così. È capace di spiazzarti con piccole cose. È meravigliosa dal punto di vista umano".

Come avvenne la lavorazione?
"Era autunno. Mina registrò alcune puntate. Avevamo affittato dal Municipio di Lugano gli spazi di Villa Florida, che oggi non esiste più e al suo posto c'è un giardino. Lì si trovava il carro colore, dato che la trasmissione era a colori. Mina portava le buste a Paolo Limiti. Diceva pochissime battute. Ricordo anche che registrò alcune canzoni".

Come ha conosciuto Mina?
"Ero sposata a Iller Pataccini (direttore artistico della casa discografica Ricordi), quindi bazzicavo nell'ambiente musicale. Conoscevo Mina così come conoscevo tanti altri cantanti. Ci si vedeva spesso negli anni sessanta, si andava al ristorante insieme a Milano. In quegli anni gli artisti si frequentavano molto più spesso. Sia per motivi professionali, che semplicemente per andare a cena assieme. Era una Milano diversa rispetto a quella di oggi".

Si ricorda la prima volta che la vide?
"Il mio primo ricordo risale a un Sanremo dove cantava 'Le mille bolle blu' (Sanremo 1961, n.d.r). Una canzone di Carlo Alberto Rossi. Ma in quel tempo ancora non la conoscevo".

Oggi vi frequentate ancora?
"Abita a due passi da casa mia. Ogni tanto ci incontriamo. Ci si saluta, ci si abbraccia e si fanno due chiacchiere. Conosco molto bene Massimiliano e Benedetta, e mi viene da sorridere a pensare che portano a spasso il cane proprio nel giardino di Villa Florida dove la mamma fece la valletta".

Che cosa pensa  della sua decisione di non apparire più in pubblico?
"Questa è Mina. È una grandissima artista e ha deciso così. È uan donna che ha pagato sulla propria pelle gioie e dolori. Ad un certo punto ha preferito la propria trnquillità, e dedicarsi ai valori della vita: ha due figli meravigliosi, 2 bellissimi nipotini".

Secondo lei cosa penserà Mina di tutti gli omaggi che stanno arrivando per i suoi 70 anni?
"Penso che non si stupirà più di tanto. La prenderà come una cosa molto normale".

Sal Feo

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-27 01:34:59 | 91.208.130.89