BELLINZONA
23.12.2009 - 09:490
Aggiornamento : 22.11.2014 - 20:19

La culla di Gesu' è tra i minareti

BELLINZONA - Sul fondo della parete della navata sinistra del Sacro Cuore di Bellinzona, sotto la stella di Davide, quella luna simbolo d'Oriente e fra sei minareti, un presepe dalle diverse interpretazioni.

L'opera, chiaramente provocatoria, vuole stimolare alla riflessione dopo la votazione di fine novembre contro l'edificazione di minareti in Svizzera. "Abbiamo ricevuto critiche positive e negative" ha detto l'autore Matteo Casoni, che ha lavorato assieme a Letizia Fontana, giovane storica che lavora all’Istituto bibliografico ticinese. Casoni afferma, come riporta il giornale "La Regione Ticino", di non condividere il parere della maggioranza dei votanti. "Nel nostro presepe -  ha aggiunto - sono rappresentate le tre principali religioni monoteiste: quella islamica, quella ebraica e quella cristiana. Il messaggio principale è quello del confronto e del dialogo".

Padre Callisto Caldelari ha accolto favorevolmente l'iniziativa affermando che quest'anno saranno esposti oltre quaranta presepi di tradizioni diverse, l'unico requisito è "un certo livello artistico".

Non sono mancate le reazioni negative di chi ha affermato che il progetto è contro la volontà popolare.


 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-30 12:03:30 | 91.208.130.85