BELLINZONA
16.12.2009 - 11:510
Aggiornamento : 23.11.2014 - 23:38

Liceale bellinzonese vince la leucemia e tenta la carta di Sanremo

Kay Buzzi, 17enne ticinese, dopo aver sconfitto il male va in caccia del palco dell'Ariston

BELLINZONA - Si chiama Kay Buzzi, ha 17 anni (li compirà il prossimo mese di maggio) vive a Bellinzona e frequenta il liceo. Il suo sogno è la musica, e cantare. Mastica musica sin da piccola, visto che suo padre è Davide Buzzi, cantautore ticinese che in passato ha vinto diversi premi ed è stato pure l'organizzatore ad Acquarossa del Festival internazionale della canzone italiana d'autore.

La canzone per Sanremo - Kay Buzzi tenta dunque la carta sanremese con l'etichetta discografica “Moletto” (distribuzione Universal) e si presenta nella categoria “Nuova Generazione” con un brano dal titolo “Il cielo è ancora più blu”. La canzone di Kay dovra superare la barriera delle selezioni, che passano attraverso l’ascolto e la  votazione della canzone direttamente sul sito ufficiale www.sanremo.rai.it, cliccando sulla finestra NUOVA GENERAZIONE, come anche dalla scelta della direzione artistica del Festival. Il prossimo 12 gennaio le canzoni prescelte per l’ultima fase saranno invitate a Roma per un’ultima audizione dal vivo La canzone di Kay  racconta i sogni di una ragazza adolescente che si trova confrontata ogni giorno ad affrontare la vita come una nuova avventura, cercando di vincere le paure per le incognite nascoste e ammirando quel cielo che ogni giorno è ancora più blu. Si tratta di un brano pop con forti venature rockeggianti. La parte musicale e gli arrangiamenti sono stati curati da Massimo Priviero con la collaborazione di Teo Buvoli. La produzione è pure di Massimo Priviero, mentre il video ufficiale di “Il cielo è ancora più blu” è stato girato presso l’”Ethica Studio” di Camorino.

La malattia - Un brano dunque di speranza e di fiducia nella vita. Due qualità che Kay ha sviluppato molto in fretta. A 8 anni infatti Kay si è ammalò di leucemia. Per ben 6 anni la sua vita fu un continuo entrare ed uscire dagli ospedali. Un periodo doloroso ma anche di forte crescite interiore che la portò a impegnarsi in campo sociale, contribuendo alla promozione della “Fondazione Elisa” di Locarno, un ente che porta aiuto e sostegno ai bambini colpiti da gravi malattie. Ma il suo vero amore è la musica. Nel 2001 aprì ufficialmente il Festival Internazionale della Canzone Italiana d’Autore. La chemioterapia l’aveva talmente debilitata che Kay camminava a fatica. Eppure su quel palco si mosse con tenacia e coraggio. Le stesse che l'hanno portata in seguito a fare la corista in diversi concerti, a studiare danza, e finalmente a vincere la malattia. Il 31 dicembre 2007 Kay ha finalmente sconfitto la leucemia ed è stata dichiarata completamente guarita.

s.f

Kay Buzzi su myspace

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-20 03:56:39 | 91.208.130.86