ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
22 min
Vanessa Incontrada, in lacrime parla di bellezza: «La perfezione non esiste»
La conduttrice, molto criticata per il suo aumento di peso, si è sfogata con un monologo in diretta tv: «Nel 2000 avere le forme è sbagliato»
ITALIA
17 ore
Facchinetti e quella volta che gli prosciugarono il conto 
Per la prima volta ha rivelato che tre anni fa un suo ex socio lo mise in una situazione molto difficile
ITALIA
22 ore
Costanza Caracciolo a "Verissimo": «Sono al sesto mese»
Aspetta un'altra femminuccia da Bobo Vieri, dopo la nascita di Stella lo scorso anno
STATI UNITI
1 gior
Taylor Swift: «Le donne non sono delle incubatrici»
Secondo la cantante le persone dovrebbero smetterla di chiedere alle donne quando hanno intenzione di avere figli
ITALIA
1 gior
Alfonso Signorini, super allenamento prima del GF Vip 
Il direttore di 'Chi' si concede lunghe sessioni di allenamento con il suo personal trainer, in cui suda tantissimo e si sforza all'inverosimile.
FOTOGALLERY
MONDO
1 gior
Miss Universo, ecco le novanta bellezze a caccia della corona
La sessantottesima edizione del prestigioso concorso si terrà domenica 8 dicembre ad Atlanta. La Svizzera non sarà rappresentata
ITALIA
1 gior
Nina Moric sta male: «Vorrei tornasse tutto a due mesi fa»
La showgirl ha rivelato via social di non stare bene, sta affrontando un periodo difficile
STATI UNITI
1 gior
Nuovo look per Pink
La cantante ha deciso di radersi i capelli e ha condiviso la prima foto della sua 'nuova' testa sui social
People
01.09.2008 - 19:300
Aggiornamento : 05.11.2014 - 20:11

Cardiologia: infarto, tecnica italiana abbatte rischio dopo angioplastica

Monaco, 1 set. (Adnkronos Salute) - Ridurre quasi della metà il rischio di infarto tra i pazienti cardiopatici sottoposti ad angioplastica coronarica. E' la promessa di uno studio europeo guidato dall'Italia, presentato oggi al Congresso annuale della Società europea di cardiologia (Esc) in corso a Monaco di Baviera. Protagonista della ricerca il tirofiban: una molecola abbandonata da Big Pharma, ma riabilitata dall'equipe di Marco Valgimigli, cattedra di Cardiologia all'università di Ferrara. In un trial battezzato 3T/2R, il team emiliano ha dimostrato che, nei pazienti resistenti ai comuni farmaci antiaggreganti (aspirina o clopidogrel), la probabilità di un infarto post-angioplasica può essere abbattuta se alla tradizionale terapia antitrombotica si aggiunge il tirofiban. "Un risultato davvero importante - sottolinea il neopresidente Esc, Roberto Ferrari - pensando ai numeri della trombosi post-angioplastica". Lo studio ha coinvolto 10 centri tra Italia, Belgio, Francia e Spagna, per un totale di quasi 1.300 pazienti candidati all'angioplastica. Valgimigli e colleghi si sono concentrati in particolar modo sui 263 cardiopatici (circa uno su 5) che non rispondevano ad aspirina o a clopidogrel. Li hanno quindi randomizzati in due gruppi: in aggiunta ai classici antiaggreganti uno riceveva tirofiban endovena, l'altro placebo. Ebbene, nel gruppo trattato con tirofiban la percentuale di infarti nelle ore successive all'angioplastica risultava pari al 20,4%, contro il 35,1% del gruppo placebo. Una riduzione superiore al 40%, calcola Valdimigli. E ancora: nei pazienti resistenti sia all'aspirina che al clopidogrel, la percentuale di infarti passava dal 25% con placebo a zero con tirofiban. Appena nati gli animaletti sembravano normali, ma a circa otto settimane di vita iniziavano a prendere peso, diventando decisamente obesi da grandi, e sviluppando per di più insulinoresistenza. Non solo, sia i maschi che le femmine erano sterili, cosa che ha sorpreso non poco i ricercatori. "Non studiavamo l'infertilità, ma abbiamo fatto due più due", dicono i ricercatori. Così i ricercatori hanno scoperto il legame di Torc1 con la leptina, e hanno visto come il gene nel mirino agisce su altri due geni (Cart e Kiss1), cruciali per appetito e riproduzione. "Questo studio ha ricadute concrete sulla pratica clinica", dice Ferrari, commentando la ricerca del suo collaboratore. Ricadute che nel centro cardiologico di Ferrara sono già realtà: "Siamo l'unica struttura italiana a sottoporre i pazienti a un test di resistenza all'aspirina. Costa appena 20 euro - precisa - ma può davvero migliorare la prognosi", assicura. Ma i risultati illustrati oggi al summit tedesco sono importanti anche per un altra ragione. "Si tratta di un raro esempio di studio davvero indipendente - assicura Ferrari - Il tirofiban era in sviluppo nei laboratori Merck che poi l'hanno abbandonata", ricorda. I cardiologi ferraresi l'hanno invece "ripescata dal cestino", testandola con il successo riferito all'Esc 2008 e limitandosi a sondare l'interesse dell'azienda giapponese Iroko che ha offerto un contributo.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-08 12:15:17 | 91.208.130.89