People
03.04.2001 - 11:250
Aggiornamento : 13.11.2014 - 18:26

AUDI: RS4, una sportiva purosangue da 380 CV

Al volante della Audi RS4, una entusiasmante vettura per intenditori. Con un motore V6 biturbo raggiunge i 100 km/h da ferma in 4,9 secondi.

Claudio Meier

Per gli appassionati di automobilismo è tema di discussione e oggetto di ammirazione. Qualcuno l'ha preferita a blasonate vetture sportive e se l'è comprata. Gli intenditori la apprezzano come si apprezza qualcosa di speciale, che merita di essere tenuto in grande considerazione. Stiamo parlando della Audi RS4, un'auto che di primo acchito sembra una normale station wagon e che invece ha tutti i requisiti per tener testa alle sportive più prestigiose. Basta dire che è equipaggiata con un motore di 380 CV.

Con la RS4 la quattro GmbH, filiale della Audi AG, ha lanciato l'anno scorso sul mercato una vettura di elevatissime prestazioni, tecnicamente ed esteticamente concepita senza compromessi quale sportiva purosangue. Sulla base della Audi S4, la RS4 è stata ideata dalla quattro GmbH come modello vertice assoluto della gamma A4, e realizzata in collaborazione con la casa madre Audi AG. La RS4, che come la precedente RS2 è prodotta in serie limitata esclusivamente in versione Avant, è in grado di sorprendere con le sue eccezionali prestazioni l'automobilista più esigente e appassionato di una guida sportiva.

Sotto al cofano della RS4 - come nella S4 - opera un V6 di 2,7 litri di cilindrata, cinque valvole per cilindro e alimentazione con due turbocompressori. Con numerose modifiche di dettaglio e un'accurata messa a punto gli ingegneri lo hanno reso ancora più potente e brillante. Invece dei 265 CV della S4, il V6 biturbo della RS4 sviluppa infatti 380 CV , a un regime da 6.100 fino a 7.000 giri/min.

Le testate dei cilindri sono state ridisegnate in collaborazione con la Cosworth Technology, ditta inglese che fa parte del Gruppo Audi dal 1999, e vengono realizzate con uno speciale procedimento di diffusione. I canali di ammissione e di scarico sono stati modificati opportunamente in rapporto all'incremento di potenza, in particolare ampliando la loro sezione sui lati aspirazione e compressione. Sono stati maggiorati i turbocompressori, aumentando rispetto alla S4 anche la pressione di sovralimentazione. Un ulteriore netto miglioramento del rendimento si è ottenuto grazie agli scambiatori di calore (intercooler) più grandi e ottimizzati sotto l'aspetto delle perdite di pressione. La copertura del motore della RS4 è realizzata in struttura composita a base di carbonio.

L'elevata coppia di questo biturbo (440 Nm da 2.500 a 6.000 giri/min.) viene trasformata con grande efficacia e stabilità dinamica in forza propulsiva e trazione dal cambio manuale a sei rapporti ravvicinati specifici della RS4, con la terza e la quarta marcia rapportate più corte del 7% rispetto alla S4, e dalla trazione integrale permanente. La RS4 scatta da 0 a 100 km/h in 4,9 secondi, da 0 a 200 in 17 secondi netti, e percorre il km con partenza da fermo in meno di 24 secondi. La velocità massima è autolimitata elettronicamente a 250 km/h.

Di serie la Audi RS4 è equipaggiata del programma elettronico di stabilità ESP. In esso sono integrate le note funzioni ABS con EBV (ripartizione elettronica della forza frenante), EDS (differenziale autobloccante elettronico), ASR (antislittamento ruote), MSR (regolazione del rilascio motore), nonché il regolatore di imbardata ad intervento prioritario.

Esteticamente, la RS4 non ha adottato il tipico understatement della S4, che quasi vuole nascondere la sua potenzialità, e dalla quale si distingue nettamente; infatti il suo carattere molto sportivo non è evidenziato solo dall'assetto e dalle ruote di 18 pollici, con pneumatici 255/35 ZR 18: l'intera carrozzeria è stata sottoposta a una serie di modifiche specifiche, tra l'altro con parafanghi ridisegnati e allargati, fascioni sottoporta e spoiler posteriore al vertice del lunotto. Nel frontale troviamo tre voluminose prese d'aria grigliate, quella centrale per il raffreddamento dell'acqua e dell'olio, quelle laterali per il sistema intercooler, la cui aria di scarico fuoriesce da aperture laterali ricavate ai lati dello spoiler. Anche nella parte posteriore è ripreso questo disegno a tre griglie, con il terminale dello scarico a due tubi ovali che sbuca sotto a quella di sinistra. In riassunto, forme nuove che assecondano funzioni ben precise e che conferiscono a questa station wagon di elevatissime prestazioni una presentazione decisamente originale e molto dinamica.

Il prezzo è stato fissato in franchi 107.000. Con il GPS e qualche accessorio si può dire di qualche migliaio di franchi, ma non molto. Un prezzo decisamente interessante.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-15 22:01:04 | 91.208.130.87