People
02.01.2006 - 18:090
Aggiornamento : 15.10.2014 - 09:01

RICERCA: IDEATO NUOVO METODO DI COLTURA PER LINEE DI CELLULE STAMINALI

Washington, 2 gen. (Adnkronos Salute) - Ricercatori Usa sono riusciti a mettere a punto un nuovo metodo per la coltura di staminali in laboratorio, privo di cellule animali. E lo hanno usato per far crescere due nuove linee di staminali embrionali umane. Il lavoro, firmato dai ricercatori di un laboratorio affiliato con l’Universita’ del Wisconsin-Madison, e’ pubblicato su ‘Nature Biotechnology’, e rappresenta un passo cruciale nella ricerca sulle ‘cellule madri’. Infatti in futuro permettera’ di coltivare le staminali senza usare prodotti animali, che possono celare virus e altre potenziali fonti di problemi.

Per riuscire a ottenere la crescita di cellule viventi fuori dal corpo, in genere queste si ‘ospitano’ su un vetrino con il giusto mix di nutrienti, ormoni, fattori di crescita e siero. Questo metodo spesso dipende da cellule animali per tenere le cellule vive in coltura. ‘’Si tratta della prima volta in cui e’ stato possibile derivare nuove linee cellulari in un mezzo che e’ totalmente provo di prodotti animali’’, spiega James Thompson, uno degli autori della ricerca. Molti scienziati temono infatti che i virus animali e altri agenti patogeni possano ‘passare’ alle cellule umane e, quindi, infettare i pazienti, se queste cellule venissero usate a scopo terapeutico. ‘’Tutte le preoccupazioni sulla contaminazione proteica nelle linee di staminali esistenti possono essere rimosse usando questo mezzo’’, assicura Tenneille Ludwig, responsabile dello studio. Le due nuove linee cellulari sono sopravvissute per oltre sette mesi nel nuovo ambiente di coltura, anche se una aveva mostrato anomalie cromosomiche dopo quattro mesi e l’altra un problema dopo sette.

(Mal/Adnkronos Salute)

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-15 06:53:16 | 91.208.130.89