Cerca e trova immobili

ITALIA«Alla nuova casa editrice il nome di mio padre, Silvio Berlusconi»

25.06.24 - 14:12
Nasce la Silvio Berlusconi Editore, lo ha annunciato la figlia dell'ex premier, Marina.
Imago
Fonte Ats Ans
«Alla nuova casa editrice il nome di mio padre, Silvio Berlusconi»
Nasce la Silvio Berlusconi Editore, lo ha annunciato la figlia dell'ex premier, Marina.

ROMA - Arriva la Silvio Berlusconi Editore. La nuova casa editrice, che nasce all'interno del Gruppo Mondadori con l'intento di concentrarsi sul pensiero liberale e democratico, debutterà il 5 settembre - in contemporanea mondiale - con un saggio di Tony Blair sull'arte di governare.

«La Silvio Berlusconi Editore - spiega Marina Berlusconi, presidente del Gruppo - avrà un obiettivo molto preciso: battersi per il concetto di libertà e dare voce alle sue più varie declinazioni, mantenendosi però distante nel modo più assoluto da qualsiasi forma di militanza politica».

«Abbiamo deciso di dare a questa nuova casa editrice il nome di mio padre, Silvio Berlusconi, perché sulla libertà ha fondato i suoi progetti, le sue realizzazioni, la sua vita. Senza mai accettare compromessi», spiega Marina Berlusconi.

«Tornare a parlare di libertà, oggi, è più importante che mai. La nostra società, quella occidentale, appare sempre più minacciata: pensiamo alle guerre, al rafforzamento dei regimi autocratici, all'avversione che non pochi fra noi dimostrano verso i valori su cui abbiamo costruito la nostra storia, a cominciare proprio dal bene più prezioso che abbiamo, la libertà. Un bene che oggi vediamo rimesso in discussione», dice la presidente del Gruppo Mondadori.

L'attività della Silvio Berlusconi Editore si articolerà su un numero limitato di titoli ogni anno, declinati in due collane. La prima, "Biblioteca", raccoglierà libri classici, già riconosciuti oppure destinati a diventarlo, da tradurre per la prima volta o da ritradurre. "Libera", la seconda collana, sarà dedicata ad autori contemporanei che si misurano con le questioni aperte dell'attualità.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE